Sanità

Sanità

Sicurezza alimentare,
a Pechino dialogo sino-italiano

Sicurezza alimentare, <br />a Pechino dialogo sino-italiano


Pechino, 16 ott. - Sicurezza alimentare, qualità delle produzioni agroalimentari, salute dei consumatori: questi i temi sui quali Italia e Cina hanno costruito negli anni un rapporto proficuo che  si rinnoverà oggi con l'appuntamento a Pechino per il "III Dialogo sino-italiano sulla sicurezza alimentare". L'evento è stato organizzato  dall'ambasciata italiana in Cina, in collaborazione con la China Food  and Drug Administration (Cfda) e i contributi di Ice, Camera di  Commercio Italiana in Cina e China Economic Net, in occasione della  Giornata Mondiale dell'Alimentazione. Quest'anno sarà dedicato in  particolare alle carni suine e alle condizioni per promuovere una  filiera di vera eccellenza, traendo ispirazione dai processi produttivi  all'avanguardia utilizzati con successo in Italia. Inaugurato dall'ambasciatore, Ettore Francesco Sequi, e dal vice presidente della  Cfda, Guo Wenqi, all'evento parteciperanno rappresentanti del ministero  della Salute italiano e di associazioni di categoria italiane e cinesi.
 
Si discuterà non solo di tracciabilità dei prodotti, di catena del  freddo e di appropriate campagne di informazione al consumatore ma anche  di accesso al mercato cinese di prodotti agroalimentari italiani e di  sistemi normativi per garantire la sicurezza alimentare. In programma  nel pomeriggio anche una sessione espressamente dedicata allo scambio di  informazioni ed esperienze tra operatori del settore delle carni dei due  Paesi. L'iniziativa costituisce un seguito operativo dell'agenda  concordata tra Roma e Pechino in occasione della Commissione Mista dello  scorso marzo, alla quale partecipò il vice ministro dello Sviluppo  Economico, Carlo Calenda, e del Comitato Governativo di aprile,  co-presieduto dal ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni. Essa si inserisce inoltre nel più ampio contesto della collaborazione tra le  autorità dei due Paesi, che proseguirà con una visita ispettiva  dell'Autorità cinese deputata al controllo della qualità delle  importazioni (Aqsiq) a stabilimenti suinicoli nel Nord Italia.
 
L'obiettivo è aprire sempre più i rispettivi mercati interni tramite  il superamento delle esistenti barriere al commercio: è in quest'ottica che si inserisce il percorso che si sta delineando e che dovrebbe auspicabilmente condurre all'autorizzazione all'esportazione in Cina  delle carni suine italiane.

 

16 OTTOBRE 2015


 

ALTRI ARTICOLI:

 

INVESTIMENTI ALL'ESTERO IN SALITA

 

NUOVI PRESTITI IN RMB, 9900 MILIARDI NEI PRIMI TRE TRIMESTRI

 

XU ZHONG NUOVO DIRETTORE ARTISTICO DELL'ARENA DI VERONA

 

CINA PERDE APPELLO WTO CONTRO UE E GIAPPONE SU ACCIAIO

VERSO IL QUINTO PLENUM DEL PCC
I temi e i protagonisti

 

CRESCE L'INFLAZIONE A SETTEMBRE, +1,6%

 

GLOBAL WEALTH REPORT: CLASSE MEDIA CINESE LA PIU' NUMEROSA

 

EDITORIA: AGI E XINHUA RAFFORZANO PARTNERSHIP

 

INTERVISTA ALL'AMBASCIATORE
ITALIANO SEQUI IN CINA

 

EXPORT IN CALO A SETTEMBRE, IMPORT CROLLA DEL 17,7%

 

CHINA ENTERPREUNER CLUB IN ITALIA DAL 17 AL 22 OTTOBRE

 

INTERVISTA ALL'AMBASCIATORE D'ITALIA SEQUI IN CINA

 

QUINTO PLENUM PCC DAL 26 AL 29 OTTOBRE

 

CONDANNATO A 16 ANNI EX CAPO SASAC JIANG JIEMIN

 

BORSE OLTRE IL +3%, MIGLIORE PERFORMANCE DA AGOSTO

 

DA PECHINO, SEUL E TOKYO NUOVE MISURE PER CRESCITA

 

CINA, TOLLERANZA ZERO SU VIOLAZIONI NEL MAR CINESE

 

CINA ADOTTA STANDARD FMI

 

LANCET: UN FUMATORE CINESE SU 3 MORIRA' PER LA SIGARETTA ENTRO 2030

 

"GO AWAY, MR TUMOR", LA CINA CONCORRE AGLI OSCAR


 

 

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci