Politica internazionale

Politica internazionale

Isole contese: Cina
rifiuta di sospendere lavori

Isole contese: Cina<br /> rifiuta di sospendere lavori


Pechino, 31 mag. - La Cina rifiuta di sospendere la costruzione di isole artificiali e allo schieramento su queste ultime di forze militari per rivendicare il controllo degli arcipelaghi contesi del Mar Cinese meridionale, come richiesto invece dagli Usa e dalle nazioni della regione. Le operazioni di Pechino "hanno come principale scopo migliorare i servizi in queste enclave e le condizioni di vita del personale che vi e' dislocato", ha detto l'ammiraglio cinese Sun Jianguo alla conferenza asiatica per la sicurezza "Shangri-La Dialogue", in corso a Singapore, dov'e' presente tra gli altri il segretario americano alla Difesa, Ashton Carter.

 

Sun, il piu' alto reppresentante della delegazione della Repubblica Popolare, ha detto che la situazione nel Mar Cinese meridionale e' "pacifica e stabile" e non vi sono stati mai problemi per la navigazione nella zona. "Quando vi sono state dispute marittime con i Paesi vicini, la Cina ha sempre tenuto conto del superiore interesse della sicurezza maritima", ha sostenuto l'ammiraglio Sun, e ha aggiunto che quelle realizzate dalla Cina sono "costruzioni positive per la pace e la stabilita' nella regione".


Vietnam, brutto segno se Cina dislocasse armi

Se fosse vero che la Cina ha dislocato la propria artiglieria sulle isole contese nel mar della Cina merdionale, sarebbe "un brutto segno, molto preoccupante". Lo afferma il viceministro della Difesa vietnamita, Generale Nguyen Chi Vinh. La notizia del dislocamento delle armi cinesi e' stata resa nota dagli Usa, secondo i quali l'artiglieria potrebbe rappresentare una minaccia per le basi vietnamite. Nguyen Chi Vinh auspica che la comunita' internazionale possa agire per fermare le attivita' cinesi.


Usa, Cina fermi subito lavori e rivendicazioni

 

Singapore, 30 mag. - Gli Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di "fermare immediatamente e permanentemente" i lavori "contrari sia al diritto che alle norme internazionali" di costruzione di isole artificiali e allo schieramento su queste ultime di forze militari per rivendicare il controllo degli arcipelaghi contesi del Mar Cinese meridionale. Cosi' il ministro della Difesa americano Ashton Carter al summit sulla sicurezza di Singapore dove, dopo aver riconosciuto anche che altri Stati hanno costruito avamposti negli arcipelaghi contesi (ha citato i 48 realizzati dal Vietnam, gli 8 delle Filippine, i cinque della Malaysia e l'unico di Taiwan) ha pero' puntato il dito contro la voracita' di Pechino: "Ma c'e' ancora un Paese che si e' spinto oltre e piu' rapidamente degli altri. Ed e' la Cina.

 

La Cina ha reclamato oltre 2.000 acri (oltre 800 ettari), piu' di tutti gli altri pretendenti messi insieme e piu' di quanto sia mai successo in tutta la storia della regione. E la Cina lo ha fatto nei soli ultimi 18 mesi. Non e' chiaro fino a dove la Cina si spingera' ulteriormente. Ma questo e' il motivo per cui questo braccio di mare e' diventato fonte di tensione nella regione e fonte di titoli da prima pagina nel mondo".Carter e' quindi passato a confermare la posizione statunitense sulle rivendicazioni territoriali cinesi, che includono una zona da cui passano 5 mila miliardi di dollari di merci ogni anno e dove ci sono importanti giacimenti energetici (alle Spratly e alle Paracels).

 

Il capo del Pentagono ha pertanto ribadito che le forze armate statunitensi, nadi e aerei, continueranno ad attenersi al principio della "liberta' di navigazione" e proseguiranno a passare in quelle che ha chiamato "acque internazionali", trovandosi anche a 1.000 km dalle coste cinesi (ma all'interno della storica, per i cinesi, cosiddetta "area delle nove linee tratteggiate" che abbraccia l'80% del Mar Cinese Meridionale), che invece Pechino ritiene proprie acque e spario aereo interno. La Cina, infatti, fa partire non dalle coste sulla terraferma ma da quelle delle isole contese su cui ha realizzato avamposti e basi, il limite delle 12 miglie nautiche. Finora le navi e gli aerei Usa si erano avvicinati ma non avevano oltrepassato questo limite delle 12 miglia nautiche, temendo di innescare una reazione cinese, foriera di una possibile escalation globale.

 

Su questo nei giorni scorsi si e' ripetutamente sfiorato un primo incidente in mare, quando una nave da guerra e' passata accanto ad un arcipelago rivendicato da Pechino. Un altro caso', quando marinai cinesi hanno ordinato ad un aereo da ricognizione militare Usa (P8-Poseidon) a bordo del quale, irritualmente, era stata imbarcata una troupe della Cnn che ha riportata la notizia, di allontanarsi per 8 volte dal loro spazio aereo. Carter alla fine ha comqune sottolineato che gli Usa "per prima cosa vogliono una soluzione pacifica a tutte le dispute. A tal fine si deve porre immediatamente e permanentmenete fine a tutte le rivendicazioni di terra da parte di tutti i pretendenti. E ci opponiamo ad ogni ulteriore militarizzazione (riferimento a due batterie di cannoni avvistati su una delle isole artificiali cinesi, ndr) delle strutture contese".

 

Carter ha quindi esortato Pechino a "non commettere errori (di valutazione): gli Usa voleranno, navigheranno e opereranno ovunque le leggi internazionali lo consentono cosi' come le forze (armate ) Usa fanno in tutto il mondo. L'America, al fianco dei suoi alleati e partner nella regione, non si asterranno dall'esercitare questi diritti, diritti comuni a tutte le nazioni. Dopo tutto trasformare alcuni scogli sotto il pelo dell'acqua in una pista d'atterraggio non consente di esercitare i diritti di sovranita' o consente di limitare i diritti di transito internazionale aereo o marittimo".

 

31 maggio 2015

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci