Politica interna

Politica Interna

CHIUSO IL PLENUM, FINE POLITICA FIGLIO UNICO
Svolta in Cina, concessi 2 figli a coppia

CHIUSO IL PLENUM, FINE POLITICA FIGLIO UNICO <br />Svolta in Cina, concessi 2 figli a coppia


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 29 ott. - La famiglia cinese cambiera', profondamente, ma a deciderne la struttura futura e' stato e sara' ancora il Partito comunista. Oggi ha messo fine alla politica del figlio unico: d'ora in poi ogni coppia potra' mettere al mondo due figli. La misura, adottata dal quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista, modifica le regole del 1979, che sarebbero dovute servire come metodo di controllo demografico. La contestatissima legge, pero', aveva creato una serie di squilibri e da ultimo si e' dimostrata inadeguata alla nuova fase di sviluppo sociale ed economica del gigante asiatico.

 

Adottata 35 anni fa per il controllo demografico della nazione piu' popolosa della terra con i suoi 1,3 miliardi di abitanti, l'impopolare politica del figlio unico viene mandata in soffitta a causa delle preoccupazioni della classe dirigente cinese, che deve fare i conti con una popolazione che invecchia, con costi sociali sempre piu' elevati, e una forza-lavoro che diminuisce rispetto alla popolazione non attiva.

 

La decisione e' stata annunciata lo stesso giorno in cui il regime comunista ha annunciato il suo XIII Piano quinquennale per il lustro 2016-2020; e rappresenta un passo ulteriore nell'allentamento delle rigide politiche demografiche, iniziato nel 2013 quando si era ampliato il numero delle eccezioni in cui una coppia poteva avere due figli. Fino a quel momento la politica del figlio unico aveva limitate eccezioni: la quasi totalita' delle 55 minoranze etniche del Paese non doveva adeguarsi e neanche le coppie delle campagne la cui prima figlia fosse una femmina. Nel 2013, il governo aveva deciso di consentire due figli alle coppie in cui uno dei genitori era lui stesso figlio unico. Ma finora la decisione del 2013 aveva avuto finora un effetto limitato, perche' non si applicava in tutto il territorio e molte coppie preferiscono comunque avere un solo figlio per ragioni economiche.

 

Il governo cinese ha sempre sostenuto che limitare a un solo figlio la discendenza, soprattutto nelle zone urbane, ha contributo allo sviluppo del Paese e l'uscita della poverta' di oltre 400 milioni negli ultimi tre decenni, pero' Pechino aveva anche ammesso che si avvicinava il momento di novita'. L'obiettivo e' correggere le distorsioni e il preoccupante squilibrio tra uomini e donne (116 uomini contro 100 donne) e frenare l'invecchiamento della popolazione. Secondo le stime piu' recenti, la politica del figlio unico ha portato, nel corso degli anni, ad almeno 400 milioni di bambini non nati, e a diverse forme di sanzioni nei confronti delle coppie che non si attenevano alla normativa, che andavano da semplici multe alla perdita del posto di lavoro fino ai casi di aborto forzato condannati in molte occasioni dalle organizzazioni internazionali. Per Wang Feng, esperto demografico, si tratta di un provvedimento "storico" che, pero', piu' che avere un impatto sul processo di invecchiamento della societa' lo avra' sulla "struttura di molte giovani famiglie". "Abbiamo aspettato questo momento per una generazione -ha aggiunto- ma anche per troppo tempo".

 

La reazione nella popolazione e' stata, fino a questo momento, tiepida, sebbene a gennaio fossero 30.000 le famiglie di Pechino che avevano chiesto di poter mettere al mondo un secondo figlio. "Non posso gia' crescerne uno, di figlio; figuriamoci due", e' uno dei commenti apparsi su Weibo, il Twitter cinese, che spesso riesce a cogliere gli umori della gente comune.

 

A Washington la mossa di Pechino e' stata accolta positivamente ma, ha detto Josh Earnest, portavoce della Casa Bianca, "guardiamo al giorno in cui queste politiche verranno abbandonate completamente". E sulla stessa linea ha commentato Amnesty international: "La Cina -ha affermato il ricercatore William Nee- deve metter fine al controllo sulle decisioni delle famiglie in merito alla nascita dei bambini. Sarebbe un bene non solo sul piano dei diritti umani, ma anche sul versante delle sfide demografiche".

 

Attesa per il nuovo piano quinquennale

 

Si è chiuso oggi il quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, da cui sono attese le decisioni dei leader politici di Pechino riguardanti il tredicesimo piano quinquennale di sviluppo, che coprirà gli anni tra il 2016 e il 2020.  Durante il meeting a porte chiuse è stata confermata anche l'espulsione dal Pcc dell'ex segretario personale di Hu Jintao, Ling Jihua, sotto accusa dal luglio scorso per corruzione e di altri alti funzionari del partito, tra cui anche Zhou Benshun e Yang Dongliang, l'ex capo dell'Amministrazione Statale per la Sicurezza Sul Lavoro, finito sulla graticola dopo le esplosioni di Tianjin a un magazzino di materiale chimico che hanno provocato oltre 170 morti.

 

Il meeting a porte chiuse dei 205 membri permanenti più gli altri 150 supplenti dell'organo decisionale più ampio del partito è cominciato lunedì scorso a Pechino. Tra le attese, c'è quella di un'indicazione sul tasso di crescita nei prossimi anni, largamente prevista in ribasso rispetto ai ritmi attuali, attorno al 6,5%, e un'indicazione sulle linee di riforma che il governo intende mettere in campo nei prossimi anni in tutti i settori principali dell'economia, dalla finanza alle imprese statali.

 

Una particolare attenzione sarà data al mix energetico del Paese, scrive oggi il quotidiano China Daily, che vedrà crescere la percentuale di energia prodotta da rinnovabili al 15% entro il 2020. Attese anche misure in campo sociale e previdenziale. Storicamente, il quinto plenum, ovvero la sessione plenaria dei massimi dirigenti politici di Pechino, riveste un'importanza particolare per le riforme. Il più famoso, quello del 1978, ha segnato l'inizio dell'era delle aperture cinese sotto l'allora leader Deng Xiaoping, chiudendo con gli anni più radicali del maoismo.

 

29 OTTOBRE 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

ISOLE CONTESE, MEDIA CINESI CONTRO GLI USA
"Provocazioni gravi", prepararsi al peggio
 

 

IL PLENUM DELLA NUOVA NORMALITA', CRESCITA "INTORNO AL 6 VIRGOLA"

 

CINEMA EUROPEO DI SCENA ALL'ISTITUTO ITALIANO

 

AMBASCIATORE LI RUIYU, NUOVO CORSO RELAZIONI ITALIA-CINA


ISOLE CONTESE: PECHINO CONVOCA AMBASCIATORE USA

 

AL VIA V PLENUM PCC, DECIDERA' LINEE GUIDA FINO AL 2020

 

CINA, PRIORITA' A TRASMISSIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

 

HK: TRAGHETTO IN COLLISIONE, 124 I FERITI, 87 I DISPERSI

 

PECHINO FA RICHIESTA FORMALE PER ENTRARE NELLA EBRD

 

XI A MANCHESTER, IL NORD A CACCIA DI ACCORDI

ITALIA-CINA, 45 ANNI DI RELAZIONI,UN PONTE EUROPA-ASIA


BANCA CENTRALE TAGLIA TETTO E TASSI RISERVE BANCA


LONDRA APPOGGIA PATTO DI LIBERO SCAMBIO CINA-UE


BCE: DRAGHI, ESPOSIZIONE UE VERSO CINA NON E' SIGNIFICATIVA

 

XI A LONDRA, NUCLEARE IN AGENDA

 

ALIBABA APRE UFFICIO A MILANO, CIPRIANI FORESIO ALLA GUIDA


FILIPPINE: UCCISI DUE DIPLOMATICI CINESI A CEBU

 

ESPLOSIONE IN IMPIANTO CHIMICO, TUTTI MORTI I NOVE DISPERSI


TESORO USA, YUAN NON PIU' SOTTOVALUTATO

 

XI IN GRAN BRETAGNA, ACCORDI PER 46 MILIARDI DI DOLLARI

 

CHINA ENTREPRENEUR CLUB, "L'ITALIA CONOSCE POCO IL MERCATO CINESE"

 

RALLENTA PIL III TRIMESTRE, +6,9%, AL MINIMO DAL 2009

 

ICBC: DOPO MILANO SBARCA ANCHE A ROMA

 

FCA, AL VIA LA PRODUZIONE DI JEEP CHEROKEE A CHANGSHA

 

IMPRENDITORI CINESI, «GOVERNO RENZI CI HA CONVINTI»

 

XI PARTE PER LA GRAN BRETAGNA,
MA (ALIBABA) CONSIGLIERE DI CAMERON

 

PREVISIONI CRESCITA AL RIBASSO

 

@Riproduzione riservata

 

 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci