Industria e mercati

Industria e mercati

LA CINA ALLA CONQUISTA DELLO SPAZIO

LA CINA ALLA CONQUISTA DELLO SPAZIO


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 26 nov. - Si chiamerà "coniglio di giada" la prima sonda spaziale cinese che atterrerà sulla luna il mese prossimo. Lo ha annunciato in una conferenza stampa il vice comandante del programma lunare cinese, Li Benzheng. Coniglio di giada, nome tratto da un'antica favola cinese, fa parte del programma spaziale Chang'e-3 e sarà lanciata nello spazio a inizio dicembre a bordo di un razzo vettore Long March 3-B.

 

L'atterraggio su suolo lunare, il primo di un mezzo spaziale cinese su un corpo extra-terrestre, scrive l'agenzia di stampa Xinhua, è previsto per la metà di dicembre e compierà il più lungo viaggio spaziale mai realizzato dalla Cina, orbitando a circa 300 milioni di chilometri dalla Terra. L'obiettivo della missione è quello di sondare la struttura geologica della luna e le sostanze che si presentano sulla superficie, alla ricerca di risorse naturali, in quella porzione di suolo lunare nota come "Baia degli Arcobaleni". Chang'e-3 è la terza missione lunare cinese, dopo quella del 2007 e quella del 2010, che aveva lanciato una sonda per monitorare un asteroide, e l'80% della tecnologia usata, spiegano gli scienziati del programma spaziale cinese, è di nuova generazione.

 

Ma il primo allunaggio cinese non è l'unico progresso del settore spaziale di Pechino. Pechino sta facendo anche enormi passi in avanti nella realizzazione della stazione spaziale cinese che sarà in orbita dal 2022 al 2032, al termine della missione della stazione spaziale internazionale. Secondo il periodico specializzato Space News, la Cina con la nuova stazione spaziale, fornirà strutture ed equipaggiamenti per gli esperimenti, compreso un laboratorio orbitale, agli scienziati di tutto il mondo. Il periodo 2022-2032, ha dichiarato Gu Yidong, presidente della Società Cinese di Ricerca sullo Spazio, "darà molte più opportunità agli scienziati in Cina e nel resto del mondo dopo la stazione spaziale internazionale".

 

Il primo passo è il lancio del core module della stazione, che avverrà nel 2018, seguito nel 2020 e nel 2022 dal lancio di due laboratori spaziali. La nuova stazione sarà collocata tra i 350 e i 450 chilometri dalla Terra e posizionata con un'inclinazione di 42 gradi rispetto all'equatore. La nuova stazione spaziale è il frutto di oltre 50 esperimenti compiuti negli ultimi 14 anni a bordo della stazione orbitale Tiangong-1 e avrà come obiettivi la ricerca sulle forme di vita e sulla fisica. "L'obiettivo principale - ha dichiarato Gu - è promuovere la comprensione della natura della vita", attraverso cinque branchie di studi: biologia fondamentale, biotecnologia, lo studio delle radiazioni nello spazio, studi sulle cellule e studi interdisciplinari.

 

Nella conquista cinese dello spazio c'è anche un pezzo di Italia. Dopo l'accordo di settembre scorso con la China National Space Administration (l'ente spaziale cinese) per la realizzazione della strumentazione di bordo del satellite cinese CSES (China Seismo-Electromagnetic Satellite), l'Agenzia Spaziale Italiana ha rinnovato la collaborazione con Pechino nei giorni scorsi,durante la visita in Cina del ministro per l'Università e la Ricerca, Maria Chiara Carrozza. I presidenti degli enti spaziali dei due Paesi, Enrico Saggese per l'ASI e Ma Xingrui per la CNSA, hanno confermato la collaborazione sull'uso dei dati satellitari e sulla stazione spaziale cinese.

 

"Lo spazio è uno dei settori più vitali del nostro Paese - aveva dichiarato il ministro Carrozza a Pechino nei giorni scorsi - è necessario collegare il concetto di made in Italy a quello di research in Italy". Anche le autorità cinesi hanno applaudito alla collaborazione. Il ministro per la Scienza e la Tecnologia di Pechino, Wan Gang, al termine dell'incontro con il ministro Carrozza, ha sollecitato la collaborazione sia per il programma europeo Galileo, che per il progetto congiunto sino-italiano "Moon Mapping" per rilevare la topografia e la distribuzione del materiale presente sul suolo lunare. Il progetto è coordinato dall'ASI e dal National Remote Sensing Center of China (NRSCC) che - come si sottolinea in un comunicato apparso sul sito web dell'Agenzia Spaziale italiana - hanno firmato una dichiarazione di intenti relativa allo sviluppo del progetto durante il Quarto Forum italo-cinese sull'innovazione, centrato sui temi dello sviluppo economico, sociale e dell'internazionalizzazione.

 

26 novembre 2013

 

ALTRI ARTICOLI

 

LEADER SEPARATISTA RIVENDICA ATTENTATO TIAN'ANMEN

 

TOKYO PROTESTA CONTRO L'ADIZ, PECHINO FURIOSA

 

AS ROMA, PALLOTTA GELA TIFOSI: NO INVESTITORI CINESI

 

CHINESEFRIENDLY: MART PRIMO MUSEO AMICO DELLA CINA

 

WU'ER KAIXI PRONTO A TORNARE IN CINA
DOPO 24 ANNI: HONG KONG DICE NO

 

CINA-UE: NUOVO ACCORDO DI COOPERAZIONE FINO AL 2020

 

INTROVABILE ZHANG YIMOU, INDAGATO PER I SUOI 7 FIGLI

 

SPUNTA CHEN FENG, NUOVO NOME PER L'AS ROMA


CINA, TEST PER IL PRIMO STEALTH DRONE

 

RILEGGERE IL DOCUMENTO NUMERO NOVE: UN PLENUM SENZA SORPRESE

 

CORTE SUPREMA VIETA LA TORTURA NEGLI INTERROGATORI

 

L'UOMO PIU' RICCO DELLA CINA IN ARRIVO PER LA AS ROMA

 

VERSO LA RIFORMA DELL'ETA' PENSIONABILE

 

FIAT PRESENTA OTTIMO, LA NUOVA VETTURA MADE IN CHINA

 

ESERCITO FLETTE I MUSCOLI DOPO IL TERZO PLENUM

 

SPECIALE TERZO PLENUM

 

AL VIA IL SUMMIT CINA-UE SU COOPERAZIONE

 

PLENUM, NASCE IL GRUPPO CHE SPIEGA IL DOCUMENTO

 

APPELLO ALLA FIRST LADY: "TUTELA I NOSTRI FIGLI GAY"   

 

AMBASCIATORE USA GARY LOCKE RASSEGNA LE DIMISSIONI

 

DALLA SPAGNA MANDATO D'ARRESTO CONTRO JIANG ZEMIN. PECHINO REPLICA: DECISIONE "ASSURDA"  

 

SFUMA IL BABY BOOM

 

CINA STUDIA NUOVO METODO CALCOLO DEL PIL

 

POST PLENUM, SUL TAVOLO LA RIFORMA DELLE IMPOSTE   

 

BANCA CENTRALE ACCELERA RIFORME FINANZIARIE

 

LA NUOVA CINA DI XI JINPING


@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci