Finanza

Finanza

Yuan a +11,2% nei
pagamenti esteri

Yuan a +11,2% nei <br />pagamenti esteri


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 27 nov. - Lo yuan sale nei pagamenti offshore all'11,2% del totale del valore delle transazioni tra la Cina e l'estero. Lo riportano i dati compilati da SWIFT, la Society for Worldwide, Interbank Financial Telecommunication, società belga di servizi di pagamenti globali. A ottobre, sono stati 50 dei 161 Paesi al mondo che hanno effettuato scambi in renminbi - altro nome dello yuan - ad avere effettuato transazioni con la Cina e Hong Kong usando la valuta cinese per oltre il 10% del totale dei pagamenti: quindici Paesi in più rispetto all'aprile 2013, quando lo yuan era usato nel 6,2% delle transazioni. "E' un buon segnale per i livelli di adozione dello yuan e per la sua internazionalizzazione" ha commentato il direttore dell'unità di business intelligence di Swift, Astrid Thorsen. Tra i Paesi che sono cresciuti maggiormente nell'uso dello yuan ci sono Germania, Canada, Svezia, Indonesia, Australia e Malaysia. Il caso più rilevante, per dimensioni, è quello della Svezia che, da aprile scorso a oggi, ha aumentato del 1050% le transazioni in renminbi.

L'aumento nell'uso della valuta cinese nelle transazioni offshore è in forte crescita secondo i dati SWIFT. Negli ultimi due anni, scriveva l'istituto belga a fine ottobre, le transazioni offshore in renminbi (esclusa la piazza di Hong Kong) sono cresciute dell'837% in valore, raggiungendo una quota globale del 3,25% a settembre 2014. Singapore mantiene un posto dominante in questa classifica, con un aumento del 574% nei primi nove mesi dell'anno rispetto allo stesso periodo del 2013. Lussemburgo, al secondo posto, ha segnato un aumento del 517%, e la Gran Bretagna, più indietro, ha registrato una crescita del 236%.

La Cina sta incoraggiando l'utilizzo della propria valuta nelle transazioni, con accordi di currency swap e l'istituzione di clearing banks, che sono attualmente otto, se si esclude Hong Kong, la maggiore piazza dello yuan offshore: Seul, Singapore e Sydney, nel quadrante Asia-Pacifico; Parigi, Londra, Francoforte e Lussemburgo in Europa, e Toronto in nord America. Per il futuro prossimo, la Cina si attende un aumento dei pagamenti in renminbi, dalla Malaysia, dopo l'accordo delle scorse settimane tra le rispettive banche centrali, e Sydney, che aveva annunciato la decisione di istituire una clearing bank per la valuta cinese a giugno scorso, e che sarà operata da Bank of China, uno dei quattro grandi colossi bancari cinesi, come annunciato il 18 novembre scorso, durante la visita nel Paese del presidente cinese, Xi Jinping, al termine del G20 di Brisbane.

27 novembre 2014

 


ALTRI ARTICOLI:

 

HK: ARRESTATI I LEADER DELLE PROTESTE, 116 I FERMI

 

DA PECHINO PRIMA BOZZA DI LEGGE SU VIOLENZE DOMESTICHE


INCENDIO IN MINIERA, 26 MORTI E 52 FERITI


SINOPEC NEL MIRINO DELLA COMMISSIONE DISCIPLINARE

 

HK: 32 ARRESTI DURANTE RIMOZIONE BARRICATE


TURISMO INNOVATIVO PER "CONOSCERE UN'ALTRA PECHINO"

 

BANCA MONDIALE: "ACCORDO CINA-USA SU CLIMA NON EVITERA' RISCALDAMENTO GLOBALE"

 

CINA: "GIUSTIFICABILE" ISOLA ARTIFICIALE AL LARGO SRPRATLY

 

NUOTO: SUN YANG POSITIVO AL DOPING, SQUALIFICATO A LUGLIO

 

CINA, MINISTERO CULTURA INCONTRA GIORNALISTI ITALIANI


BORSE AI MASSIMI DA TRE ANNI DOPO TAGLI DI INTERESSE PBoC

 

RISERVE GREGGIO CINESI A 91 MILIONI DI BARILI
Pechino rivela la cifra per la prima volta

 

ACCORDO FIAT-GAC: IN 4 ANNI 760MILA AUTO IN CINA

 

XI NELLE FIJI PER LA "DIPLOMAZIA DAL TOCCO DELICATO"

 

GIORNALISTA ALLA SBARRA, DIVULGO' DOCUMENTO DEL PCC

 

PBOC TAGLIA TASSI D'INTERESSE PER SOSTENERE L'ECONOMIA


PECHINO SIGLA CONTRATTO, 12 MILIARDI PER FERROVIA IN NIGERIA

 

GOVERNO PROMETTE SOSTEGNO A PICCOLE IMPRESE

 

 

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci