Finanza

Finanza

Chaori Solar in bancarotta,
primo default dal 1997

Chaori Solar in bancarotta,<br />primo default dal 1997


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 7 mar. - Il gruppo di Shanghai attivo nel settore dell'energia solare Chaori Solar ha dichiarato default. Lo ha confermato oggi il segretario del board, Liu Telong, in un comunicato al Dow Jones Newswires. La bancarotta del gruppo attivo nel fotovoltaico arriva dopo che martedì scorso la stessa Chaori Solar aveva dichiarato di non essere in grado di ripagare la tranche di 89,8 milioni di yuan di bond in scadenza oggi (10,66 milioni di euro) offrendo, invece, un iniziale pagamento di quattro milioni di yuan, circa 480mila euro. Si tratta del primo default nel mercato dei corporate bond cinesi dal 1997, da quando la banca centrale ha iniziato a regolamentare il settore.

 

Il default di Chaori Solar ha dato il via a un'azione legale, già annunciata dall'avvocato che rappresenta gli investitori, Gan Guolong, che ha già chiesto all'Alta Corte provinciale del Guangdong, dove ha sede la Borsa di Shenzhen presso cui è quotato il gruppo, di ordinare il pagamento dei bond in scadenza agli investitori. Il possibile default del gruppo aveva fatto discutere gli osservatori nei giorni scorsi: la bancarotta di Chaori Solar, dicevano gli analisti, potrebbe avere una ricaduta positiva sul mercato dei corporate bond, nel senso dell'introduzione di regole per una migliore disciplina di questi prodotti finanziari e di una migliore allocazione delle risorse in futuro. Anche secondo l'agenzia di rating Fitch, il default del gruppo di Shanghai potrebbe avere "un impatto relativamente limitato" sul settore, escludendo le voci di un possibile "momento Bear Stearns" per la finanza cinese, ovvero l'inizio di una crisi di lungo periodo.

 

Negli ultimi dodici mesi, il valore di Borsa di Chaori Solar ha perso il 41%, e in uno degli ultimi comunicati allo Shenzhen Stock Exchange il gruppo di Shanghai non ha potuto fare altro che impegnarsi per "ridurre al minimo le perdite" e promettere di ripagare gli investitori "appena arriverà il denaro". Il mercato dei corporate bond cinesi è cresciuto esponenzialmente negli ultimi anni. Secondo le stime di Bank of America/Merrill Lynch, il loro valore era di 800 miliardi di yuan a fine 2007, mentre a gennaio scorso aveva raggiunto gli 8700 miliardi. Il settore delle rinnovabili vedrà nel 2014 bond in scadenza per il valore di 7,7 miliardi di dollari.

 

07 marzo 2014

 

 

@ Riproduzione riservata


每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci