Energia

Energia

Cina, priorità a trasmissione
energia da fonti rinnovabili

Cina, priorità a trasmissione <br />energia da fonti rinnovabili


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 26 ott. - Il governo cinese punta ad aumentare la distribuzione di energia prodotta da fonti rinnovabili con un upgrading delle infrastrutture per evitare dispersioni nell'utilizzo di energia pulita. Lo ha reso noto la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme in una nota emessa a pochi giorni dall'inizio del plenum del Comitato Centrale del Pcc, che si apre oggi e che vedrà i massimi dirigenti politici nazionali alle prese con i piani di sviluppo del periodo compreso tra il 2016 e il 2020. Il progetto riguarda soprattutto gli impianti solari ed eolici: nella prima metà del 2015, più del 15% dell'energia prodotta dai parchi eolici è andata dispersa. Il governo ha chiesto alle autorità locali di Mongolia Interna e Gansu, nel nord del Paese, di accelerare i piani per evitare il protrarsi del problema, dando la priorità a fonti alternative di energia rispetto a quelle convenzionali, come carbone ed energia idroelettrica, tagliando i prezzi delle forniture di energia per uso industriale e aumentando il numero di edifici a uso residenziale connessi alla rete di distribuzione.


Il settore dell'energia prodotta dal vento in Cina ha assunto dimensioni estremamente ampie: a fine settembre l'elettricità prodotta dai parchi eolici era pari a 109 gigawatt, a un ritmo di crescita del 28% annuo, ma le regioni settentrionali e nord-occidentali soffrono di dispersione energetica nel 20% degli impianti in Mongolia Interna, e nel 31% degli impianti nel Gansu. Il problema è comune anche ai parchi solari: sempre nel Gansu si registra il picco più alto, al 28% del totale dell'energia prodotta, contro un 9% di media a livello nazionale. La Cina ha obiettivi ambiziosi per il settore del fotovoltaico: attualmente conta impianti che producono oltre 35 gigawatt di energia, ma già entro il 2020, secondo le ultime anticipazioni dei giorni scorsi, Pechino punta a raggiungere una quota compresa tra i 150 e i 200 gigawatt.


I problemi di trasmissione di energia dagli impianti agli utenti finali hanno ripercussioni anche economiche nei confronti degli stessi gruppi produttori. Proprio le disfunzioni agli impianti di energia rinnovabile nell'area del Gansu hanno costretto, nei mesi scorsi, Export-Import Bank of China a interrompere il flusso di finanziamenti ai progetti provinciali di fotovoltaico, per aprire nuove linee di credito verso aree piu' virtuose nella trasmissione di energia pulita.

 

26 OTTOBRE 2015

 

ALTRI ARTICOLI:

 

XI A MANCHESTER, IL NORD A CACCIA DI ACCORDI

ITALIA-CINA, 45 ANNI DI RELAZIONI,UN PONTE EUROPA-ASIA


BANCA CENTRALE TAGLIA TETTO E TASSI RISERVE BANCA


LONDRA APPOGGIA PATTO DI LIBERO SCAMBIO CINA-UE


BCE: DRAGHI, ESPOSIZIONE UE VERSO CINA NON E' SIGNIFICATIVA

 

XI A LONDRA, NUCLEARE IN AGENDA

 

ALIBABA APRE UFFICIO A MILANO, CIPRIANI FORESIO ALLA GUIDA


FILIPPINE: UCCISI DUE DIPLOMATICI CINESI A CEBU

 

ESPLOSIONE IN IMPIANTO CHIMICO, TUTTI MORTI I NOVE DISPERSI


TESORO USA, YUAN NON PIU' SOTTOVALUTATO

 

XI IN GRAN BRETAGNA, ACCORDI PER 46 MILIARDI DI DOLLARI

 

CHINA ENTREPRENEUR CLUB, "L'ITALIA CONOSCE POCO IL MERCATO CINESE"

 

RALLENTA PIL III TRIMESTRE, +6,9%, AL MINIMO DAL 2009

 

ICBC: DOPO MILANO SBARCA ANCHE A ROMA

 

FCA, AL VIA LA PRODUZIONE DI JEEP CHEROKEE A CHANGSHA

 

IMPRENDITORI CINESI, «GOVERNO RENZI CI HA CONVINTI»

 

XI PARTE PER LA GRAN BRETAGNA,
MA (ALIBABA) CONSIGLIERE DI CAMERON

 

PREVISIONI CRESCITA AL RIBASSO

 

 

 

@Riproduzione riservata

 

@ Riproduzione riservata

 

 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci