Economia

Economia

PREMIER LI: RISCHI DELL'ECONOMIA SOTTO CONTROLLO
Economia verso stabilizzazione, no a svalutazione per l'export

PREMIER LI: RISCHI DELL ECONOMIA SOTTO CONTROLLO<br />Economia verso stabilizzazione, no a svalutazione per l export


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@eastofnowest

 

Pechino, 09 set. - L'economia cinese sta andando verso la stabilizzazione, anche  se "rimangono difficoltà" nella crescita. Lo ha dichiarato il primo ministro cinese, Li Keqiang, oggi, al World Economic Forum di Dalian, escludendo la possibilità che la svalutazione dello yuan di agosto possa innescare una guerra valutaria. Il premier ha voluto rassicurare i mercati sulla tenuta della Cina, spiegando che il govenro cinese ha "messo in atto misure per stabilizzare il mercato e prevenire la diffusione dei rischi" di sistema. Il premier ha parlato anche delle recenti turbolenze sui mercati azionari, che ha portato la Borsa di Shanghai ha perdere oltre il 40% del proprio valore da giugno scorso, quando aveva raggiunto i massimi degli ultimi sette anni. La volatilità dei mercati, ha spiegato il premier cinese, "è il seguito della crisi finanziaria globale che è esplosa nel 2008. La Cina non ne è la causa, ma rimane, invece, uno dei maggiori motori della crescita globale".

Il premier ha poi affrontato il tema della svalutazione dello yuan, o renminbi, la valuta cinese, che non è indirizzata a sostenere l'export cinese. "Crediamo che non ci siano le basi per continuare la svalutazione del renminbi, perché la Cina ha un grande ammontare di riserve di valuta estera", ha dichiarato il premier, che ha escluso la possibilità di una guerra valutaria "che danneggerebbe la Cina". La continua svalutazione dello yuan, ha poi aggiunto il premier, "non porterebbe la valuta a internazionalizzarsi", ovvero a entrare nel paniere dei diritti speciali di prelievo del Fondo Monetario Internazionale. Durante il suo intervento al forum di Dalian, Li Keqiang ha poi parlato delle difficoltà di accesso al mercato interno da parte delle imprese straniere, spiegando che la Cina "continuerà a semplificare l'accesso al mercato" per gli investitori stranieri e a proseguire lungo il cammino delle riforme del sistema finanziario e dell'innovazione a livello industriale.

Li Keqiang ha poi ricordato che l'economia cinese sta affrontando pressioni al ribasso, anche se la crescita rimane in un range "appropriato". La Cina non si farà influenzare da "fluttuazioni nel breve periodo", ha spiegato, anche se il governo "non prenderà alla leggera" i dati provenienti dagli indicatori economici. La Cina è cresciuta del 7% nei primi sei mesi dell'anno, al ritmo più basso dal 1990, anche se il tasso di crescita potrebbe essere inferiore secondo alcuni economisti, che dubitano dell'attendibilità dei dati ufficiali. Da mesi, il primo ministro Li Keqiang parla di un ridimensionamento della crescita cinese che vede a "velocità medio-alta" rispetto al passato e Pechino è ufficialmente entrata nella fase del "new normal", ovvero di un'economia che procederà a ritmi ridotti rispetto alla crescita a due cifre del passato.

Un ultimo cenno, Li lo ha poi dedicato alla lotta all'inquinamento. La Cina, ha promesso il premier, si assumerà le proprie responsabilità nella lotta ai cambiamenti climatici e nella riduzione delle emissioni inquinanti. Il primo ministro cinese aveva lanciato lo scorso anno la "guerra all'inquinamento" e Pechino si è impegnata a novembre scorso a raggiungere il picco delle emissioni "attorno al 2030" per poi scendere gradualmente, anche se alcuni studi compiuti da istituti stranieri ritengono possibile che il picco delle emissioni cinesi possa essere raggiunto prima, già nel 2025.

 

PREMIER LI: RISCHI DELL'ECONOMIA SOTTO CONTROLLO

 

I rischi del sistema economico cinese sono sotto controllo e il governo non intende utilizzare la svalutazione dello yuan per favorire le esportazioni. Lo ha dichiarato oggi il primo ministro cinese, Li Keiqang, in un incontro con esponenti della comunità del business internazionale al Forum Economico Globale di Dalian, in corso in questi giorni. Il debito statale, ha dichiarato Li, è "relativamente basso" e ammonta a solo il 20% del prodotto interno lordo, mentre il 70% del debito delle amministrazioni locali, uno dei grandi problemi delle finanze di Pechino, sarebbe sotto forma di investimenti con previsti ritorni. Li ha poi escluso la possibilità che la svalutazione dello yuan di agosto scorso possa innescare una guerra valutaria, che sarebbe "dannosa" anche per la Cina.

Le prospettive per l'economia nel breve periodo rimangono positive, nonostante le pressioni al ribasso a cui è sottoposta la crescita cinese, che alcuni economisti ritengono inferiore al 7% raggiunto nel primo semestre di quest'anno, secondo i dati ufficiali. "Non saremo influenzati dalle fluttuazioni di breve termine nella direzione generale" delle linee di politica economica, ha dichiarato il premier. Li Keqiang ha infine rivendicato alcuni risultati dell'attuale leadership, come il dato dei sette milioni i posti di lavoro urbani creati nella prima metà del 2015, l'aumento dei consumi interni e la proporzione crescente del settore dei servizi tra le voci del prodotto interno lordo. I servizi sono oggi al primo posto dopo avere superato per la prima volta il manifatturiero nel 2013.

09 SETTEMBRE 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

BORSE DI NUOVO IN RIALZO, SHANGHAI +2,92%

 

AD AGOSTO EXPORT A  -6,1%, IMPORT -14,3%, SURPLUS +20,1%

 

INTERRUTTORE DI INDICI, L'ARMA CONTRO TURBOLENZE MERCATI   

 

G20, RASSICURAZIONI SULLA TENUTA DELL'ECONOMIA, BORSE ANCORA GIU' DOPO  LA RIAPERTURA

 

CINA: PANCHEM LAMA "STA BENE E CONDUCE VITA NORMALE"

 

AL VIA SCUOLA ITALIANA D'AMBASCIATA, PRIMA IN ASIA

 RIVISTO PIL AL RIBASSO: DAL +7,4% AL +7,3% NEL 2014
 


ESERCITO TRA RIFORMA E TAGLI

 

PREMIER LI A DALIAN PER FORUM ECONOMICO 9 E 10 SETTEMBRE

 

EX VICE PRESIDENTE ALLA PARATA, SCOPPIA LA POLEMICA A TAIWAN

 

LA GRANDE PARATA: SETTANTA ANNI DALLA VITTORIA SUL GIAPPONE XI PROMETTE SVILUPPO PACIFICO

 

NUOVE ARMI PER PECHINO, MA TAGLIATI 300MILA SOLDATI

 

TURISMO: MSC LIRICA SBARCA A SHANGHAI

 

FMI: RALLENTAMENTO CINA, IMPATTO PIU' AMPIO DEL PREVISTO

 


GENTILONI A PECHINO «PRESENZA A PARATA SEGNALE ATTENZIONE»

 

GENTILONI: SVALUTAZIONE YUAN NON CAMBIA RISCHI PER L'ITALIA

 

GIORNALISTA FA 'MEA CULPA' IN TV, TONFO BORSE "COLPA SUA"

 

BORSE VOLATILI DOPO APERTURA NEGATIVA


MANIFATTURIERO AI MINIMI DA 6 ANNI, MERCATI IN RIBASSO

 

ESPLODE IMPIANTO CHIMICO A DONGYING, 1 MORTO


BLOCCO VPN, AUMENTA LA CENSURA IN VISTA DELLA PARATA

 

VERSO LA PARATA DEL 3 SETTEMBRE, GENTILONI PER L'ITALIA


WO-LAP LAM: IL MIRACOLO CINESE E' FINITO

 

LA CINA FA PAURA, LUNEDI' NERO PER I MERCATI

 

NUOVO CROLLO PER LE BORSE, SHANGHAI -6,15%
Pesano timori per deprezzamento yuan
 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci