Economia

Economia

INFLAZIONE RALLENTA AL 2,3% A GIUGNO

INFLAZIONE RALLENTA AL 2,3% A GIUGNO


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 9 lug. - Rallenta l'inflazione in Cina a giugno. Il Consumer Price Index (CPI) calcolato dal Ufficio Nazionale di Statistica cinese ha segnato un aumento del 2,3% il mese scorso, in lieve calo rispetto al dato di maggio, al 2,5%, e al di sotto dell'obiettivo del governo, al 3,5%. I prezzi dei generi alimentari calcolati nel loro insieme sono cresciuti a un ritmo del 3,7%, inferiore al 4,1% di maggio: tra i maggiori rincari, c'è quello della frutta fresca, in aumento del 19,8% su base annua. Più contenuti gli aumenti di carne e pollame, a quota 1,9%. In calo ai valori minimi degli ultimi due anni, invece, l'indice dei prezzi alla produzione del mese scorso, il Producer Price Index (PPI) che ha perso l'1,1%, segnale di una debolezza della domanda interna e di possibili interventi in economia in futuro da parte del governo cinese per raggiungere l'obiettivo di una crescita attorno al 7,5% per il 2014.

Solo lunedì scorso, durante la visita ufficiale della cancelliera tedesca Angela Merkel a Pechino, il primo ministro Li Keqiang aveva parlato dei problemi strutturali dell'economia cinese, difendendo la linea di misure mirate per la ripresa dei settori più a rischio ed escludendo la necessità di un intervento attraverso maxi-pacchetti di stimoli all'economia. Per mantenere la liquidità a un livello appropriato, la banca centrale cinese, la People's Bank of China, ha spiegato che utilizzerà vari strumenti per dare maggiore respiro alle banche nel concedere prestiti, soprattutto alle piccole e micro-imprese e alle aziende agricole.

 Il 16 luglio prossimo verrà pubblicato anche il dato di crescita del secondo trimestre, che gli economisti prevedono in linea con il risultato dei primi tre mesi dell'anno, al 7,4%. L'economia cinese ha vissuto un periodo di rallentamento nei primi sei mesi dell'anno, mitigato dal dato di giugno scorso, quando il settore manifatturiero ha dato i primi segnali di espansione dall'inizio del 2014, ma il premier ha avvisato della possibilità di fattori che spingono ancora verso il basso l'economia cinese. La ripresa arriva a oltre due mesi dal varo del mini-pacchetto di stimoli concentrato soprattutto sulla riqualificazione delle aree urbane più degradate e sugli investimenti in infrastrutture, varato nel mese di aprile.

 

9 luglio 2014

 

ALTRI ARTICOLI:

 

SICUREZZA ALIMENTARE, AL VIA FORUM CINA-ITALIA

 

TROPPA BUROCRAZIA PER EXPORT LATTE ITALIANO

 

DIRITTI UMANI, MERKEL A CINA: "DIALOGO SIA LIBERO"

 

MERKEL IN CINA, ACCORDO PER DUE NUOVI IMPIANTI VW

 

PREMIER, ECONOMIA MODESTA MA IN CRESCITA

 

ANNUS HORRIBILIS PER LA STAMPA DI HONG KONG


MERKEL IN CINA DA SABATO PER INVESTIMENTI

 

COMMERCIO: A SEUL XI RINSALDA L'ALLEANZA

 

YUAN CAMBIO CN DOLLARO PIU' FLESSIBILE

 

F.1: FERRARI INAUGURA SITO UFFICIALE IN CINESE

 

NASCE IL TRIBUNALE SPECIALE PER L'AMBIENTE

 

A DALIAN ZONA SPERIMENTAZIONE RIFORME ECONOMICHE

 

HUAWEI ELETTA NEL BOARD UE PER IL 5G

 

XI A SEUL PER COLLOQUI SU NUCLEARE NORD-COREANO


CNPC-GAZPROM: NESSUNA CONSEGUENZA PER EUROPA

 

ITALIA-CINA RATIFICANO TRATTATO DI COOPERAZIONE GIUDIZIARIA


HK: OLTRE 500 ARRESTI DOPO MANIFESTAZIONI ANTI-CINA

 

PYONGYANG LANCIA DUE MISSILI, XI DOMANI A SEUL

 

CINA-SVIZZERA, OPERATIVO ACCORDO ZONA DI LIBERO SCAMBIO

 

WELCOME CHINESE, CERTIFICAZIONE DI ACCOGLIENZA PER IL TURISTA CINESE

 

AMBASCIATA CELEBRA INIZIO SEMESTRE PRESIDENZA ITALIA UE

 

A PECHINO -10% DI TURISTI, COLPA DELLO SMOG


MILITARI SOSTENGONO EPURAZIONE DI XU CAIHOU


ESPULSO DAL PCC EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

YUAN: DUE CLEARING BANKS IN FRANCIA E LUSSEMBURGO

 

XI: LA CINA NON FLETTE I MUSCOLI IN MODO AGGRESSIVO


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci