Economia

Economia

FMI: CRESCITA CINA AL 7,5% PER IL 2014

FMI: CRESCITA CINA AL 7,5% PER IL 2014


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest



Pechino, 9 apr. - La Cina crescerà del 7,5% nel 2014 e del 7,3% l'anno prossimo, e riuscirà a evitare l'hard landing se il governo affronterà le riforme dell'economia. Lo dice il Fondo Monetario Internazionale nell'ultimo World Economic Outlook sulla crescita mondiale, che prevede per gli Stati Uniti una crescita lenta ma stabile nel corso di quest'anno, e chiede alla Banca Centrale Europea misure contro la deflazione. Il giudizio sulla Cina, rimasto invariato dalla previsione di gennaio scorso, "si basa sull'assunto che le autorità freneranno gradualmente la rapida crescita del credito e faranno progressi nel mettere in atto le riforme per mantenere l'economia su un percorso più bilanciato e sostenibile".

Le previsioni di crescita della Cina per quest'anno si discostano di poco da quelle diffuse nei giorni scorsi dalla Banca Mondiale, che prevede per il Drago un PIL al 7,6% per quest'anno e al 7,5% per l'anno prossimo, in linea con le stime ufficiali del governo diffuse a marzo scorso dal primo ministro Li Keqiang. Le stime lievemente in ribasso rispetto alle precedenti, aveva spiegato la Banca Mondiale, erano dovute ai segni di rallentamento dell'economia nei primi mesi dell'anno, e una possibile ripresa nei mesi centrali del 2014, con la ripresa della domanda da parte delle economie più sviluppate. Proprio contrastare il rallentamento degli ultimi mesi, settimana scorsa il governo cinese aveva varato il primo piano di stimoli all'economia, fondato sugli investimenti in infrastrutture, la spesa per l'edilizia popolare nelle aree più degradate del Paese e sugli sgravi fiscali alla piccola e piccolissima impresa.

Le probabilità di un hard landing della seconda economia del pianeta rimangono basse, secondo il Fondo Monetario Internazionale, anche se, precisa il rapporto, è necessario affrontare problemi strutturali come la crescita del credito a livelli incontrollati per evitare che i problemi dell'economia diventino sempre più complicati da risolvere. Nel World Economic Outlook, il Fondo Monetario ha accolto con favore del decisioni sulle riforme del terzo plenum di novembre scorso, ma ha sottolineato l'importanza di agire tempestivamente con le riforme. La Cina ha bisogno della liberalizzazione dei tassi di interesse, di un politica monetaria più trasparente, di maggiore flessibilità nel tasso di cambio e di una maggiore supervisione nella gestione del sistema finanziario.

Secondo le previsioni del FMI, l'India, terza economia asiatica dopo quella cinese e quella giapponese, crescerà del 5,4% quest'anno e del 6,4% nel 2015; la Corea del Sud crescerà del 3,7% nel 2014 e del 3,8% il prossimo anno. In discesa la Thailandia, che risente dell'instabilità politica degli ultimi mesi: per gli analisti del Fondo Monetario crescerà del 2,5%, prima della ripresa nel 2015, al 3,8%. Sempre nel sud-est asiatico, l'Indonesia, la maggiore economia della regione, crescerà del 5,4% quest'anno e del 5,8% nel 2015. Tutte positive, oggi, la Borse asiatiche, con l'eccezione di Tokyo che ha perso il 2,1% a 14299,69 punti. Seul ha segnato una crescita dello 0,3%, a 1998,95 punti e Hong Kong ha registrato un balzo dell'1,09% a 22843,17 punti. Positiva anche Shanghai, che a fine seduta ha segnato un aumento dello 0,33%, a 2105,24 punti.


09 aprile 2014

 

LEGGI ANCHE:

 

BANCA MONDIALE RIDUCE PREVISIONI CRESCITA CINESE

 

AUTHORITY BANCARIA PIANIFICA STRESS TEST

 

ALTRI ARTICOLI:

 

HAGEL IN CINA: "MAGGIORE SICUREZZA INFORMATICA"

 

NAPOLITANO CONFERISCE PREMIO AI VERTICI DI MANDARIN CAPITAL

 

EX FEDELISSIMO DI BO XILAI SI SUICIDA A CHONGQING

 

NUOVO ACCORDO AGI-XINHUA SU INFORMAZIONE ECONOMICA

 

SEGRETARIO DIFESA USA IN VISITA ALLA LIAONING

 

RICERCHE AEREO MALAYSIA, SEGNALI "PROMETTENTI"

 

BANCA MONDIALE RIDUCE PREVISIONI DI CRESCITA CINESE

 

AL VIA PARTNERSHIP ITALO-CINESE PER STUDIO TERREMOTI

 

BERTUCCIOLI-MASINI, "ITALIA E CINA"

 

CHIESA A RISCHIO DEMOLIZIONE, I FEDELI LOTTANO PER SALVARLA


AUTHORITY BANCARIA PIANIFICA STRESS TEST

 

USA A CINA:NO AD AZIONI STILE CRIMEA

 

PROTESTE A MAOMING: 18 FERMI E 26 INDAGATI

 

LE AMBIZIONI RIDIMENSIONATE DI QIANHAI

VARATO PRIMO MINI STIMOLO PER LA RIPRESA DEL 2014

 

K4A E CHANGXING AVIATION, JOINT VENTURE PER 32 MLD DI DOLLARI


MAXI PROCESSO MAFIA, LIU HAN NEGA LE ACCUSE

 

 

MAOMING, LE PROTESTE SI ESTENDONO A CANTON


CINA E FILIPPINE VICINE A CRISI DIPLOMATICA

 


AUTORITA' MALAYSIA: "BUONO INCONTRO CON I CINESI"

 

BENE MERCATI ASIATICI DOPO AUMENTO INDICE PMI

 

BUONANOTTE MALAYSIA 370, LE ULTIME PAROLE DEL PILOTA


WUKAN, RIELETTO LEADER DELLE PROTESTE, SOSPETTA INTERFERENZA

 

XI JINPING IN EUROPA, MOLTI ACCORDI E POCA POLITICA

 

AL VIA IL PROCESSO CONTRO LA MAFIA DEL SICHUAN

 

XI JINPING IN GERMANIA, DAGONG EUROPE:
ECONOMIA CINESE SEMPRE PIÙ APERTA

 

COREA DEL SUD INVIA RESTI VITTIME CINESI GUERRA DI COREA


ONLY ITALIA SIGLA STORICO ACCORDO CON BALLETOWN

 

MH370, NUOVA PISTA PER MALAYSIA E AUSTRALIA

 

IL PRESIDENTE XI JINPING IN EUROPA E LE DIVISIONI TRA BRUXELLES E PECHINO

 

WTO, CINA PERDE DISPUTA SU TERRE RARE


 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci