Costume e società

Costume e società

Li Hejun: il misterioso
miliardario delle rinnovabili

Li Hejun: il misterioso<br />miliardario delle rinnovabili


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 12 mar. - Si chiama Li Hejun e da poche ore è sotto i riflettori della rivista Forbes, per essere entrato nella classifica dei nuovi miliardari asiatici. Li è il presidente di Hanergy Holding Group, guida la classifica dei suoi colleghi cinesi ed è l'uomo nuovo dell'energia rinnovabile cinese. Il suo gruppo, attivo nel fotovoltaico, è cresciuto fino a diventare uno dei maggiori al mondo nell'ultimo anno e mezzo grazie a una serie di acquisizioni, e Li Hejun è anche il proprietario della più grande centrale idroelettrica al mondo, che si trova nella Cina occidentale. Hanergy è stata nei mesi scorsi sotto l'attenzione dei media cinesi per il progetto di forniture di energia solare ai punti vendita in Cina del gigante mondiale dei mobili per casa e ufficio, la svedese Ikea, che ha dichiarato di avere speso dai tre ai cinque milioni di yuan per ogni megastore interessato dall'esperimento.

La regione della grande Cina, che comprende anche Hong Kong, Macao e Taiwan, ha 47 nuovi miliardari nella classifica 2014 di Forbes, contro solo 16 provenienti dall'Asia meridionale. In totale, nel continente, i nuovi arrivati con un conto a nove zeri contano per 126 miliardi di dollari. Li Hejun è in testa con un patrimonio stimato di 10,3 miliardi di dollari. Nella classifica rientra anche la giovanissima Perenna Key, cinese di Hong Kong, che con i suoi 24 anni ha scalzato il co-fondatore di Facebook, Dustin Moskovitz, come più giovane miliardaria al mondo. La schiva Perenna è l'ereditiera dell'imprenditore immobiliare Ji Haipeng, a capo della Logan Property Holdings. I nuovi ricchi d'Asia eccellono in diversi settori industriali, ma sono soprattuto quelli legati alla tecnologia a prendere il sopravvento: ben 16 dei 76 nuovi ricchi segnalati da Forbes hanno fatto fortuna in questo campo.

Un profilo, quello dell'imprenditore nel settore tecnologico, non estraneo allo stesso Li Hejun. I primi soldi, Li li ha fatti vendendo attrezzature per telefonia cellulare, per poi passare direttamente al primo dei suoi progetti nella produzione di energia idroelettrica, un affare che gli ha portato enormi ricavi, anche se difficile da quantificare. Li ha poi investito 21 miliardi di yuan (circa 2,5 miliardi di euro) nel solare e nella produzione di film per i pannelli fotovoltaici, non senza attirarsi alcune critiche, spiega il settimanale di Canton Time's Weekly, che ne ha riepilogato in un articolo la carriera, tra luci e ombre. Li sarebbe rimasto coinvolto in uno dei tanti scandali di espropri di terre ai contadini con la complicità delle autorità locali: le terre le avrebbe riutilizzate per costruirci sopra i propri stabilimenti, nella provincia sud-orientale del Guangdong, una delle aree più ricche della Cina.

L'ascesa tra i miliardari della Cina di Li non è stata trasparente, come neppure lui stesso, secondo le persone più vicine all'imprenditore, interpellate dal settimanale di Canton. Le banche e le amministrazioni locali sarebbero i garanti di almeno 200 miliardi di yuan di investimenti del suo gruppo che, secondo i più attenti osservatori della scena imprenditoriale locale avrebbe grossi buchi di bilancio. E anche se lo scorso anno figurava al quarto posto nella classifica dei miliardari cinesi della rivista americana che stile le classifiche, l'entità reale del suo patrimonio rimane misteriosa.

 

12 marzo 2014

 

ALTRI ARTICOLI


ANP: A VIA ISTITUZIONE DI CINQUE BANCHE PRIVATE

 

IBM: 20 LICENZIATI, MA SCIOPERO PROSEGUE


FUKUSHIMA: CINA, “GIAPPONE DIA SPIEGAZIONI SULLA VICENDA”


UCRAINA CINA NO A SANZIONI, ESPERTI "PRENDA POSIZIONE"


CHAORI SOLAR IN BANCAROTTA, PRIMO DEFAULT DAL 1997


APRE IL FONDO MASI, 2500 VOLUMI SULLA CINA


LOU JIWEI, CRESCITA PIL AL 7,5% E' FLESSIBILE

 

CNOOC PUNTA ALL'ARTICO, PRIMA LICENZA IN ISLANDA

 

CRISI UCRAINA: CINA INSISTE SU DIALOGO

 

ATTACCO A KUNMING, CONTROLLO SUI MEDIA

 

MERKEL: NO A VISITA DI XI AI SITI DELL'OLOCAUSTO

 

ANP: OBIETTIVO CRESCITA 7,5% PER IL 2014, +12,2% BUDGET DIFESA E GUERRA A INQUINAMENTO

 

SHANGHAI PIU' CARA DI NY, PRIMA TRA LE CITTA' CINESI

 

ATTENTATO KUNMING: UIGHURI CECENI DELLA CINA?

Ambasciata: "Cina vittima di terrorismo"

 

MINISTRO ESTERI GIAPPONESE APRE A DIALOGO CON LA CINA

 

UCRAINA, ESPERTI: CINA STRETTA TRA RUSSIA E NEUTRALITÀ

 

PBOC ASSICURA STABILITA' CONTRO CADUTA YUAN

 

CINA: AUMENTO SPESE MILITARI NON E’ MINACCIA PER ASIA

 

ATTENTATO A KUNMING, ARRESTATI TRE SOSPETTI

 

UCRAINA, LA CINA RISPETTA L'"INDIPENDENZA"

 

AL VIA LA CONFERENZA CONSULTIVA POLITICA DEL POPOLO

 

CINA PUBBLICA RAPPORTO DIRITTI UMANI USA
La risposta di Pechino alle critiche di Washington

 

YUAN BATTE FRANCO SVIZZERO, SETTIMO NELLE TRANSAZIONI

 

IN MANETTE MILLE PERSONE PER TRAFFICO DI MINORI

 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci