In evidenza

VINITALY TORNA A HONG KONG ALLA WINE AND SPIRITS FAIR

VINITALY TORNA A HONG KONG ALLA WINE AND SPIRITS FAIR


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 7 nov. - Si è aperta ieri a Hong Kong la settima edizione della International Wine & Spirits Fair, con un padiglione interamente dedicato a Vinitaly - alla quinta partecipazione consecutiva - che rappresenta 120 dei 155 vini italiani presenti alla manifestazione. Ospite d'onore della manifestazione è stato il segretario alle Finanze di Hong Kong, John Tsang, che ha sottolineato l'importanza della città semi-autonoma cinese come hub per il commercio di vino in Cina e dell'accordo sottoscritto tra Cina e Hong Kong a settembre per agevolare gli esportatori.

Alla cerimonia inaugurale presso il Hong Kong Convention & Exhibition Center erano presenti anche il console generale d'Italia a Hong Kong, Antonello De Riu, e l'ambasciatore d'Italia in Cina, Alberto Bradanini. "Disporre di procedure che garantiscono tempi ridotti e certi per l'accesso dei vini italiani al mercato della Mainland attraverso Hong Kong consentirà di conseguire importanti vantaggi - ha spiegato l'ambasciatore in un discorso - evitando che i nostri prodotti siano danneggiati a causa delle lunghe attese nel disbrigo delle pratiche doganali che si riscontrano oggi".

Alla Hong Kong International Wine & Spirits Fair, che si concluderà domani, partecipano circa quaranta Paesi, per un totale di oltre ottocento espositori. Nel corso della manifestazione si prevedono settanta missioni imprenditoriali e la presenza di oltre duemila espositori provenienti da tutta l'Asia, sottolinea una nota emessa da Vinitaly International. Nel corso della prima giornata, l'ambasciatore Bradanini e il console De Riu hanno poi avuto un colloquio con il segretario al Commercio e allo Sviluppo Economico di Hong Kong, Gregory So Kam-Ieung, sul rafforzamento delle relazioni bilaterali e sulle possibili a favore delle esportazioni italiane di vino verso Hong Kong e la Cina.

Stevie Kim, Managing Director di Vinitaly International, ha sottolineato in una nota l'importanza della promozione del vino italiano. "Noi stiamo già cominciando a fare gli ambasciatori, a seminare giorno dopo giorno in Cina - ha spiegato Kim - Lo stiamo facendo anche con i cinquanta ambasciatori del vino italiano di Vinitaly International Academy che, per cinque giorni, il prossimo marzo saranno a Venezia e a Barolo. Molti di loro saranno cinesi e di Hong Kong". Kim ha infine sottolineato l'importanza dell'evento del prossimo anno, l'Expo di Milano, che si terrà da maggio a ottobre 2015. "Oggi, rispetto a quattro anni fa, c'è più conoscenza e anche più interesse per il vino italiano - ha concluso Kim - In vista soprattutto dell'Expo sarebbe davvero un bel sogno potere chiudere a Hong Kong e insieme il percorso dell'Expo, sempre nel nome del vino italiano".

 

7 novembre 2014

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci