In evidenza

GOVERNI LOCALI: AL VIA PIANO SWAP DEBITO DA MILLE MLD DLR

GOVERNI LOCALI: AL VIA PIANO SWAP DEBITO DA MILLE MLD DLR


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

 

Pechino, 14 mag. - Il governo cinese punta a completare entro fine agosto prossimo il piano di swap del debito delle amministrazioni locali dal valore di mille miliardi di yuan, 143,4 miliardi di euro. L'annuncio arriva da un comunicato congiunto emesso dalla banca centrale cinese, della China Banking Regulatory Commission - l'ente regolatore del settore bancario in Cina - e del Ministero delle Finanze. L'operazione di swap si svolgerà attraverso un "private placement" del debito, scrive l'agenzia Xinhua, invece che attraverso il meccanismo delle aste pubbliche, con l'obiettivo di spostare dalle amministrazioni locali alle banche i costi di finanziamento del debito.

A marzo scorso, la banca centrale cinese aveva varato un piano di rifinanziamento del debito delle amministrazioni locali per mille mliardi di yuan in scadenza entro la fine di quest'anno attraverso aste pubbliche per il collocamento dei bond, che dallo scorso anno le amministrazioni locali possono emettere. Il piano, che aveva lo scopo di convertire i prestiti a breve termine in bond a lunga scadenza, non aveva avuto il successo sperato, dopo che due aste indette da altrettanti enti periferici sono state rinviate per la risposta delle banche, che si sono ritirate per gli scarsi rendimenti delle obbligazioni.

Con il nuovo piano, in sostanza, come spiega il Financial Times, che ha visionato il documento, il governo centrale obbligherà le banche cinesi all'acquisto di parte del debito delle amministrazioni locali attraverso negoziazioni bilaterali, e la banca centrale si farà garante dell'operazione accettando i muni-bond come collaterali. Entro la fine dell'anno è poi prevista l'emissione di obbligazioni per altri seicento miliardi di yuan al di fuori del piano di rifinanziamento emesso oggi, e che quindi non saranno soggetti al tetto sui rendimenti imposto ai bond in scadenza dalle nuove linee guida. Dopo l'emissione dei nuovi bond, gli enti locali negozieranno con le banche il passaggio del debito dai vecchi bond in scadenza ai nuovi, con rendimenti più alti, senza passare attraverso lo scambio di denaro contante e senza il rischio di una fuoriuscita di liquidità dal sistema finanziario cinese.  

Il sistema dei private placements, spiega il documento congiunto emesso oggi verrà utilizzato anche per rifinanziare i prestiti delle banche e i debiti in scadenza delle istituzioni finanziarie non bancarie, come le società di brokeraggio, le società di trust e le compagnie di assicurazioni. Il debito delle amministrazioni locali è uno dei più gravi problemi della finanza cinese, che incide pesantemente sul rapporto debito-pil. Secondo le ultime cifre ufficiali, il debito delle amministrazioni locali cinesi ammonta oggi a 10900 miliardi di yuan (1552,4 miliardi di euro, al cambio attuale) 1860 miliardi di yuan dei quali sono in scadenza entro fine anno, una cifra a pari a 264,7 miliardi di euro.

 

14 maggio 2015


© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci