Hot in Beijing

FESTA DI PRIMAVERA

LA MIGRAZIONE DELL'ANNO

LA MIGRAZIONE DELL ANNO


Traduzioni a cura di Giovanna Tescione

 



Roma, 05 feb. – E' iniziato il conto alla rovescia per la festa più sentita dai cinesi: il capodanno, o Festa della Primavera, che quest'anno cade l'8 febbraio e che darà inizio ad un nuovo anno lunare sotto il segno della scimmia. Basato sul calendario lunare, il capodanno cinese coincide, a seconda dei casi, con il primo, secondo o terzo novilunio successivo al solstizio invernale.  I festeggiamenti, che di solito durano 15 giorni, si concluderanno il 22 febbraio con la Festa delle Lanterne.

 

L'anno della Scimmia

 

Con l'anno della capra alle spalle, segno non di gradimento per i cinesi, che lo considerano poco propizio e fanno di tutto per evitarlo, il 2016 entra nel segno della scimmia (hou, 猴). Al contrario della capra, creatura mesta e cresciuta unicamente per essere mandata al macello e che dona ai nati sotto il suo segno lealtà e gentilezza - doti che non sono sufficienti in un mondo dove solo i più forti resistono e che comporta delusioni da affrontare e affari sfortunati - i nati sotto il segno della scimmia sono persone argute, intelligenti ed ottimiste, contraddistinti da un'innata curiosità e da uno spirito ludico, a tratti un po' eccentrico.

 

Particolarmente fortunata è poi questa volta la coincidenza con il colore rosso, di buon auspicio, e con l'elemento del fuoco. Oltre ai dodici animali che contraddistinguono ogni ciclo lunare, ogni anno è infatti abbinato a un colore e a uno dei cinque elementi taoisti, ovvero fuoco, acqua, terra, legno e metallo. Ma attenzione, perché tradizionalmente non è un anno fortunato quello in cui ricorre il proprio segno, quindi i nati nel 1944, 1956, 1968, 1980, 1992, 2004, dovranno fare attenzione ad affari  e alla salute.

 

Le tradizioni

 

Da passare attorno ad una tavola imbandita con tutta la famiglia riunita, la Festa di primavera è innanzitutto l'occasione per passare del tempo con i propri cari e trascorrere insieme il tradizionale nian ye fan (年夜饭), ovvero la cena della vigilia, più importante del giorno del Capodanno in sé. È questo infatti il momento in cui si ha l'occasione di onorare gli antenati e le divinità come il dio della salute, a cui generalmente si offre cibo e si brucia incenso.

 

Tra i cibi che non possono mancare c'è il pesce, in cinese (鱼), per la pronuncia simile al carattere che indica l'abbondanza, che va servito rigorosamente intero e rigorosamente rovesciare all'inizio della cena e davanti a tutti i presenti, il motivo è perché rovesciare, in cinese dáo (倒), ha la pronuncia simile a dào (到) – arrivare, il che significa che l'abbondanza arriverà. Non possono mancare nemmeno i nián'gāo (年糕), dolcetti di riso fritti o al vapore, i tradizionali ravioli - jiaozi (饺子)- simbolo di buona fortuna e per la cui preparazione tutta la famiglia è al completo e il ba baofan (八宝饭), la 'torta degli otto tesori' o 'rice pudding', tipico del sud, dolce fatto con otto varietà di frutta secca o semi e noci.

 

Ma i preparativi per la Festa di primavera iniziano ben prima del giorno della vigilia, quando la casa deve essere già pronta per accogliere gli ospiti nell'attesa del nuovo anno. La prima cosa da fare è quindi preparare i tradizionali intagli di carta – in cinese jianzhi (剪纸)- fogli di carta rossa intagliata con caratteri propizi come 'fortuna' o 'longevità' o con il disegno dell'animale che segnerà l'anno nuovo, da appendere sugli stipiti delle finestre o sulle porte d'ingresso. Tra le piante più fortunate per decorare la casa c'è il kumquat, il mandarino cinese, che simboleggia il benessere per la pronuncia simile a 'oro' e la peonia, anch'essa simbolo di benessere e onore.

 

Ma prima che vengano gli ospiti non bisogna dimenticare di pulire casa, non tanto per fare una bella impressione, quanto per spazzare via gli spiriti cattivi e dare il benvenuto a quelli buoni. Ma attenzione, mai farlo dopo l'arrivo del nuovo anno se non si vuole spazzar via la buona sorte. Tra i regali più comuni c'è invece l'immancabile hongbao (红包), una busta rossa con caratteri dorati in segno di buon augurio e somme di denaro da regalare ai più piccoli. Sebbene la tradizione non dica quanto mettere in busta, meglio evitare tutte le cifre che contengono il numero 4 - 40, 44 o 400 – perché il numero ha una pronuncia  simile alla parola 'morte'.



La riunione familiare

 

Nonostante le numerose tradizioni e la bell'atmosfera che si respira durante la Festa, il Capodanno può per alcuni trasformarsi in un incubo, specie se giovani e single, costretti a rispondere alle classiche domande di genitori e parenti su fantomatiche ragazze o futuri matrimoni. E' per questo che negli ultimi anni, onde evitare spiacevoli delusioni, si è diffusa una nuova figura professionale, quella del fidanzato/a in affitto. A Hong Kong, dove il numero dei single per scelta continua ad aumentare, è nata Jobdoh, un'app grazie alla quale è possibile postare annunci per la ricerca di finti partner. Al momento sono almeno 10 gli annunci in cui si offrono 250 dollari di HK per un'ora di 'recita'. Per essere selezionati, spiegano gli ideatori, è necessario inviare un video di presentazione di 30 secondi alla redazione spiegando i motivi per cui si ritiene di essere qualificati per il lavoro. Un lavoro tutt'altro che semplice, spiegano gli esperti secondo cui è necessaria tanta calma per reggere allo stress, un sorriso sempre stampato sul volto, gentilezza, premura verso il partner ma anche tanta compostezza.

 

La migrazione dell'anno

 

D'altra parte per vedere i propri cari contenti si fa di tutto e nonostante qualche situazione stressante non si può rinunciare a ritornare a casa. Ogni anno durante la Festa di primavera sono milioni le persone che si mettono in viaggio, per lo più in treno e in aereo, affollando le stazioni e dando inizio a quella che viene definita la più grande 'migrazione umana dell'anno'. Quest'anno la calca maggiore si è vista nella stazione ferroviaria di Canton, nella provincia meridionale del Guangdong, dove oltre 100mila persone hanno dovuto attendere in coda anche fino a 10 ore, con temperature scese fino a 9-10 gradi sotto lo zero. Disagi anche nella stazione di Hongqiao, a Shanghai, a causa dei ritardi dovuti al cattivo tempo e alle forti nevicate che nelle ultime settimane stanno stringendo nella morsa del freddo anche le città più meridionali e abituate a temperature invernali piuttosto miti.

 

Ma per molti, specialmente lavoratori migranti, questa rappresenta l'unica occasione durante l'anno per tornare a casa, lontano dalle grandi città e dal continuo lavoro. I lavoratori migranti, per la maggior parte operai che si trasferiscono per lavoro nelle grandi città, vivono spesso da soli, senza la propria famiglia, costretti a ritmi di lavoro impensabili e senza poter aver accesso ai servizi di base del welfare. Legati infatti al sistema dello hukou (户口), ovvero il sistema di residenza che lega ogni cittadino al luogo di nascita limitandone l'accesso ai servizi di welfare in altre città, i lavoratori che migrano verso altre città in cerca di lavoro da sempre restano scoperti da coperture sanitarie e accesso a istruzione per i figli. Nonostante il governo si sia più volte espresso a favore di una riforma dello hukou che permetterebbe a chi si sposta dalle campagne alle città di usufruire dello stesso sistema di welfare della popolazione urbanizzata, il sistema è ancora in vigore e costituisce una forma di discriminazione che pesa su chi è escluso da queste rete sociale.

 

Il capodanno nel mondo

 

Se in Cina il capodanno è così sentito, all'estero tra le varie diaspore la lontananza non ha smorzato l'entusiasmo per la festa. Da Londra a San Fransisco, da New a Sidney, sono tante le città nel mondo in cui i festeggiamenti per il Capodanno sono un must. Ma storicamente è l'Australia, dove la comunità cinese è piuttosto consistente, una delle maggiori al di fuori dei confini asiatici, che si distingue nei festeggiamenti e dove vengono organizzati mercatini con cibi tipicamente cinesi, fuochi d'artificio e la tradizionale danza del leone, a simboleggiare coraggio e stabilità.

 

Anche a Roma i festeggiamenti sono già iniziati, con numerosi eventi lo scorso weekend organizzati dall'ambasciata cinese all'Auditorium Parco della Musica mostra sull'artigianato e cultura tradizionale cinese ed un concerto con performers specializzati nel suonare strumenti tradizionali cinesi, mentre a Milano ci saranno party ed eventi a tema, ma si dovrà aspettare il 14 febbraio per la tradizionale parata in via Paolo Sarpi.

 

05 FEBBRAIO 2016

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci