Agenzia Xinhua

DA PBOC 67 MILIARDI DI DOLLARI NEL SISTEMA FINANZIARIO

(AGI) - Pechino, 26 gen. - La banca centrale cinese ha iniettato 67 miliardi di dollari nel sistema finanziario attraverso meccanismi di finanziamento a breve termine per evitare una possibile crisi di liquidita' a ridosso delle festivita' per il capodanno lunare, che ricorre il prossimo 8 febbraio. Nell'operazione, la piu' ingente da febbraio 2013, la People's Bank of China ha pompato 360 miliardi di yuan (pari a circa 55 miliardi di dollari) attraverso i pronti contro termine a 28 giorni al 2,6% e altri 80 miliardi di yuan (12,1 miliardi di dollari) attraverso i pronti contro termine a sette giorni, al 2,25%.
  La scorsa settimana la banca centrale cinese aveva iniettato circa 1500 miliardi di yuan (228 miliardi di dollari) nel mercato monetario per evitare una crisi di liquidita' prima delle feste di capodanno. L'operazione e' stata paragonata dagli analisti a una mossa di allentamento monetario o a un tentativo di ripianare le perdite dovute alle fuoriuscite di capitali, che lo scorso anno hanno superato i mille miliardi di dollari, secondo le prime stime dell'agenzia Bloomberg, e a dicembre hanno toccato il secondo livello piu' alto del 2015, a quota 158,7 miliardi di dollari. Secondo il capo degli economisti della People's Bank of China, Ma Jun, l'iniezione di liquidita' superiore ai 600 miliardi di yuan puo' essere considerata come una sostituzione di un taglio dei requisiti di riserva obbligatori delle banche.
  .
 

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci