Focus

Proteste

HK TORNA IN STRADA, 500MILA
I MANIFESTANTI PRO-DEMOCRAZIA

HK TORNA IN STRADA, 500MILA <br />I MANIFESTANTI PRO-DEMOCRAZIA


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 2 feb. - Migliaia di manifestanti e attivisti hanno marciato ieri per le vie di Hong Kong per la prima volta dopo la conclusione del movimento di Occupy Central, nel dicembre scorso, durato due mesi e mezzo, anche se il numero dei manifestanti è stato inferiore alle attese. A sorvegliare l'andamento della manifestazione, segnata dalla forte presenza di ombrelli gialli, simbolo delle proteste pro-democratiche, sono stati schierati circa duemila agenti di polizia. Non si conosce, invece, il numero preciso dei manifestanti, con numeri che variano da tredicimila partecipanti, secondo gli organizzatori del Civil Human Rights Front, fino a 8800, secondo le stime della polizia, ma molti meno dei cinquantamila partecipanti previsti alla vigilia. Alla marcia, scrive il South China Morning Post, non erano presenti alcuni veterani del movimento di Occupy Central che hanno avanzato dubbi sull'efficacia della manifestazione.

Intanto, prosegue sull'isola il dibattito sulla riforma elettorale, che aveva scatenato le proteste di studenti e attivisti nel settembre scorso. Uno dei parlamentari del gruppo dei democratici dell'Assemblea Legislativa, Charles Mok, si è detto disponibile a un incontro con le autorità dell'isola per discutere della legge elettorale che, in base alla proposta dell'Assemblea Nazionale del Popolo cinese, non prevede la nomina popolare dei candidati per l'elezione del capo esecutivo dell'isola, nel 2017. Il parlamentare ha però escluso la possibilità di scendere a compromessi sul suffragio universale pieno per la legge elettorale con le autorità dell'isola.


 


2 febbraio 2015

 

LEGGI ANCHE:

HK: «OCCUPY CENTRAL E' FINITA» DICE CY LEUNG


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci