Guida alle Leggi Legal Flash


Le risposte alle vostre domande forniscono delle indicazioni di carattere generale. Per ulteriori approfondimenti potete contattare lo studio legale Chiomenti.

  • D.: Sono socio di una società  di trading con sede a Hong kong e un ufficio a Shenzhen. Il socio italiano che risiede a Shenzhe ha sottratto soldi, mobilio e computer alla società  e cambiato indirizzo senza comunicarmi i nuovi

    R.: Se comprendiamo bene la situazione descritta, Lei è socio di una società costituita ai sensi del diritto di Hong Kong, con un ufficio di rappresentanza in Cina.

    Occorre premettere che sia il diritto di Hong Kong, che quello cinese, disciplinano la materia della limitazione di responsabilità dei soci di una società in maniera abbastanza simile a quanto previsto dal diritto italiano per le società di capitali (per cui i soci risponderanno per le obbligazioni assunte dalla società nei limiti delle quote sottoscritte). Pertanto, qualora Lei non ricopra alcuna carica sociale all’interno della società di Hong Kong o dell’ufficio di rappresentanza cinese, il rischio patrimoniale derivante da eventuali comportamenti di mala gestio del Suo socio sarà comunque limitato alle quote di capitale da Lei sottoscritte (assumendo che Lei non abbia prestato garanzie o denaro a favore della società).

    Al contrario, qualora ricopra la carica di amministratore nella società di Hong Kong o la carica di Representative dell’ufficio di rappresentanza cinese, la Sua posizione sarebbe più delicata e maggiori potrebbero essere i rischi (non solo di natura patrimoniale) connessi a eventuali comportamenti illeciti dell’altro socio in ambito societario (primo fra tutti, il mancato puntuale adempimento degli oneri di natura fiscale).

    In base alle poche informazioni portate alla nostra attenzione non siamo in grado di suggerirLe con cognizione di causa eventuali azioni da intraprendere per tutelare la Sua posizione e l’investimento effettuato. Il nostro suggerimento è quello di rivolgersi a un legale in loco che, dopo aver esaminato i documenti costitutivi della società, i Suoi diritti di corporate governance e le Sue intenzioni rispetto al rapporto in essere col Suo socio, potrà suggerirLe la via più agevole per uscire dall’investimento (cercando di limitare al massimo le eventuali perdite) o far valere i Suoi diritti di socio.

    * * * * *

    I nostri professionisti delle sedi di Pechino, Shanghai e Hong Kong sono a Sua completa disposizione per ulteriori chiarimenti e per assisterLa in relazione al Suo investimento in Cina.

  • D.: Vorrei aprire una ditta di Trading Export in Cina con capitale solo straniero. Quale zona della Cina offre un trattamento fiscale agevolato?

    R.: Occorre premettere che prima del riconoscimento del diritto a svolgere attività commerciali aventi oggetto beni prodotti da terzi (nonchè di importarli ed esportarli), avvenuto nel 2004, un investitore straniero che intendeva esercitare attività di importazione e di esportazione doveva costituire una società commerciale straniera all'interno di una zona di libero scambio (come la Free Trade Zone di Waigaoqiao a Shanghai). Le attività consentite a una società commerciale straniera costituita in queste zone speciali includevano: il commercio internazionale, l’intermediazione commerciale, il commercio tra le zone di libero scambio; i servizi di consulenza commerciale e le trasformazioni semplici per scopi commerciali. Inoltre le società commerciali straniere con sede nelle zone di libero scambio non erano autorizzate a effettuare attività commerciali nel mercato interno, né attività di distribuzione.

    Con la promulgazione della Foreign Trade Law, avvenuta il 6 aprile 2004, e delle Measures on the Administration of Foreign-invested Commercial Enterprises, avvenuta il 16 aprile 2004, sia gli operatori nazionali che le società a investimento estero (comprese le Joint Ventures e le società a intero capitale straniero) possono presentare richiesta presso il Ministero del Commercio Cinese (o i suoi dipartimenti periferici) per ottenere il riconoscimento del pieno diritto agli scambi commerciali (vale a dire, i diritti di importazione ed esportazione, compresa l'importazione e l'esportazione dei prodotti non associati alla propria produzione). Pertanto, da un punto di vista strettamente legale, non ci sono restrizioni particolari in merito al luogo dove potrà costituire la Sua società.

    Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali, Le segnaliamo che il trend attuale connesso a tali forme di incentivazione all’investimento estero si sta spostando da incentivi legati alla localizzazione territoriale dell’investimento a incentivi basati sul tipo di attività esercitata. Pertanto, per poterLe suggerire un’area specifica, sarebbe utile conoscere il settore di mercato e i prodotti che intende commercializzare con la sua trading company e che dovranno essere specificatamente elencati nei documenti costitutivi. A tal proposito tenga presente che in Cina esistono numerose zone economiche speciali (ovvero aree speciali in cui vengono riconosciute delle agevolazioni di natura fiscale, doganale, burocratica e logistica agli investitori stranieri) con caratteristiche e agevolazioni diverse in base alla natura degli investimenti che si intende attrarre in quell’area (ad esempio, esistono dei poli tecnologici in prossimità di tutte le più grandi città cinesi). Tuttavia, solitamente non sono previste particolari agevolazioni per le società che svolgono attività di mero trading.

    Infine Le segnaliamo che molti investitori stranieri decidono di costituire la propria società di trading a capitale straniero a Shenzhen, anche in ragione dei benefici logistici e culturali derivanti dalla vicinanza a Hong Kong.

    * * * * *

    I nostri professionisti delle sedi di Pechino, Shanghai e Hong Kong sono a Sua completa disposizione per ulteriori chiarimenti e per assisterLa in relazione al Suo investimento in Cina.

  • D.: Vorrei sapere quali sono le compagnie assicurative cinesi che sono state di recente autorizzate dal Governo - commissione di regolamentazione delle assicurazioni cinesi - ad investire nel settore real estate immobiliare all'estero

    R.: Così come avviene in Italia, anche in Cina la consistenza e la composizione del patrimonio di vigilanza delle società abilitate all’esercizio dell’attività assicurativa sono dettagliatamente disciplinate dalla legge e dalle norme regolamentari di vigilanza prudenziale.

    In particolare, la materia degli investimenti immobiliari all’estero da parte delle compagnie di assicurazione sottoposte alla vigilanza prudenziale della China Insurance Regulatory Commission (equiparabile - seppur con le dovute differenze, soprattutto in termini di indipendenza dal governo - all’IVASS italiana) è disciplinata prevalentemente dalla “Circular on Printing and Distributing the Implementing Rules for the Interim Administrative Measures on the Overseas Investment of Insurance Funds” che limita tale possibilità: (i) da un punto di vista qualitativo e territoriale, ai soli immobili commerciali e a uso ufficio, già ultimati e con redditività stabile, situati in zone centrali delle principali città di alcuni paesi economicamente sviluppati (tra cui l’Italia); e (ii) da un punto di vista soggettivo, alle sole compagnie assicurative che abbiamo ottenuto un’apposita licenza per effettuare investimenti all’estero (per il cui ottenimento, tra l’altro, sono previsti particolari requisiti prudenziali come un margine di solvibilità superiore al 120%).

    L’elenco delle compagnie d’assicurazione che hanno ottenuto tale speciale licenza non è liberamente accessibile via internet. Tuttavia, è possibile ricostruire parzialmente tale elenco sulla base delle compagnie di assicurazione che hanno già effettuato investimenti all’estero nel settore immobiliare. In base alle notizie riportate dalla stampa, dovrebbero essere in possesso di tale licenza almeno una ventina di compagnie di assicurazione e riassicurazione cinesi, tra cui anche: Ping An Insurance(Group) Company of China (中国平安), China Life Insurance (Group) Company (中国人寿), China Pacific Insurance (Group) Co., Ltd. (中国太平洋保险), The People’s Insurance Company (Group) Of China Limited (PICC, 中国人民保险集团股份有限公司) e China Reinsurance (Group) Corporation (中国财产再保险股份有限公司).

    I nostri professionisti delle sedi di Pechino, Shanghai e Hong Kong sono ovviamente a Sua completa disposizione per approfondire la materia.

  • D.: Vorrei avere le informazioni necessarie per l'importazione e la vendita di prodotti dolciari italiani in Cina con ruolo di distributore

    R.: L'importazione di prodotti alimentari in Cina e' soggetta a normativa specifica, sia con riguardo ai test che devono essere effettuati su ogni lotto importato, sia con riguardo all'etichettatura, che deve essere in cinese e contenere tutte le informazioni previste dalle leggi in materia.

    La distribuzione di prodotti alimentari stranieri in Cina avviene solamente mediante due canali, cioe' il distributore locale - che acquista dall'estero e rivende a clienti cinesi - oppure una societa' registrata in Cina, con investitore straniero (cosiddetta FICE, Foreign Invested Commercial Enterprise) - la quale potra' vendere a grossisti, subdistributori, finanche al pubblico, con apertura di propri negozi, se del caso.

    I nostri professionisti sono a disposizione per gli approfondimenti che riterra' opportuni in relazione a quanto precede.

  • D.: Vorrei aprire in Cina un negozio di accessori ortopedici e un laboratorio odontotecnico

    R.: L'esercizio in Cina della professione di odontotecnico e' soggetto a normativa soecifica, che potremo analizzare previo conferimento di un mandato professionale.

    Le anticipo inoltre che

    - molte di queste attivita' sono svolte da cliniche specialiste, in cui operano sia medici dentisti che odontotecnici,
    - sarebbe forse utile che Lei prendesse contatti con alcune di queste (SOS Dental, King's Dental, etc.).

  • D.: Vorrei aprire in Cina un negozio di accessori ortopedici e un laboratorio odontotecnico

    R.: L'esercizio in Cina della professione di odontotecnico e' soggetto a normativa soecifica, che potremo analizzare previo conferimento di un mandato professionale.

    Le anticipo inoltre che

    - molte di queste attivita' sono svolte da cliniche specialiste, in cui operano sia medici dentisti che odontotecnici,
    - sarebbe forse utile che Lei prendesse contatti con alcune di queste (SOS Dental, King's Dental, etc.).

  • D.: La mia ditta si occupa di noleggio costumi per il teatro e cinema. Cerchiamo in Cina compratori per vendere l'intero stock di costumi (circa 15.000 pezzi) o investitori per rilevare l'attivita'

    R.: Credo che potrebbe consigliarsi con la Camera di Commercio Italiana in Cina (info@cameraitacina.com), oppure potrebbe dare un'occhiata al sito taobao.com (che fonisce servizi di vendita online, mediante societa' registrate in Cina).

  • D.: Vorrei avere delle informazioni per poter girare un filmato in Cina (permessi, troupe, etc).

    R.: Come ben potra' immaginare, sara' necessario contattare degli specialisti in loco (CCTV o similari), per svolgere tale attivita' in regola con la normativa locale.

    La invito a ricontattarci qualora desiderasse ulteriori informazioni con riguardo agli aspetti giuridici dei vari permessi necessari.

    Con i miei migliori saluti.


  • D.: Produciamo vini stiamo cercando un partner cinese per la commercializzazione

    R.: Potra' rivolgersi alle strutture a Pechino della Camera di Commercio Italiana in Cina, dell'ICE, oppure ai distributori piu' noti che operano gia' in loco (Torres, Montrose, EMW).

    Le ricordo a tale proposito:

    - che e' necessaria speciale etichettatura per l'importazione e la vendita in territorio cinese, e

    - che consigliamo la registrazione del marchio e delle etichette prima di commercializzare il proprio prodotto in territorio cinese.

  • D.: Vorrei collaborare sia come dipendente o come socio di una societa' cinese che produce energia elettrica da fonti rinnovabili

    R.: Potra' collocare il Suo CV nell'apposita area del sito della Camera di Commercio italiana in Cina, oppure contattare i recruiters internazionali che sono gia' in Cina.