L'intervista

INTERVISTA A ANN LEE

L'ESPERTA DI RELAZIONI CINA USA SULLA CRISI SIRIANA

L ESPERTA DI RELAZIONI CINA USA SULLA CRISI SIRIANA


di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella



A San Pietroburgo i leader del G20 discutono in queste ore di un possibile intervento armato in Siria. La Cina seguirà la Russia sul no all'intervento? 

E'  probabile che la Cina farà appello al raggiungimento di un accordo nell'ambito del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite senza quindi formalmente seguire Putin, continuando a mantenere la sua posizione di neutralità.

Il professor Chen Qi, esperto di relazioni Usa-Cina all'Università Tsinghua, ha dichiarato ad AgiChina che, secondo la sua opinione, Pechino ha più interesse a sostenere Washington che a seguire Mosca. E' d'accordo?
 
No, affatto. La Cina non ha alcun interesse ad assistere a un'escalation della guerra e ha espresso pubblicamente il suo timore riguardo l'aumento del prezzo del petrolio che ne risulterebbe e che colpirebbe l'economia mondiale.

Ritiene anche lei come altri esperti che la politica del Pivot di Obama sia fallita?

Dipende dall'intento che il pivot si è prefissato di raggiungere. Se il fine era deragliare la corsa economica della Cina, allora si è rivelata un fallimento.  Se l'obiettivo era quello di provocare la Cina e produrre uno scontro armato, nemmeno in questo caso si è rivelata vincente. Diverso è il caso in cui lo scopo ultimo è quello di trasferire know how bellico e di rafforzare i legami militari con altri alleati, quali ad esempio il Giappone; se così fosse si è rivelata vincente.  Così come ha fatto centro nel destabilizzare la regione e creare paranoia.

In che modo l'incontro informale tra Obama e Xi dello scorso giugno in California ha influito sul nuovo corso delle relazioni sino-statunitensi?

Non credo le abbia migliorate di molto perché l'agenda statunitense è nelle mani dei policy maker di Obama, non del presidente. Obama ha dato prova di non avere abbastanza leadership per persuadere Washington riguardo il suo mandato originale di restare fuori dai conflitti armati, ma è, al contrario, diventato un nuovo interlocutore dei falchi della guerra di Washington, non diverso da George Bush. 

 

Ann Lee, esperta di relazioni Cina-Usa e autrice del libro "What the U.S. Can Learn from China", sarà a  Roma Sabato 7 alle ore 13 per partecipare al congresso Eugeo con thematic Panel su China-US-Europe che si terrà all'Università Sapienza.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

CINA SOSTIENE CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU SU SIRIA


SIRIA, XI AL G20:UNICA SOLUZIONE POSSIBILE E' POLITICA



© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci