i rapporti bilaterali con Cina"" /> agiChina - Zanonato a Pechino: "rilanciare<br />i rapporti bilaterali con Cina"

Politica internazionale

Zanonato a Pechino: "rilanciare
i rapporti bilaterali con Cina"

Zanonato a Pechino:  rilanciare<br />i rapporti bilaterali con Cina


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest


Pechino, 13 gen. - Rilanciare i rapporti bilaterali e riequilibrare la bilancia commerciale tra Italia e Cina. Sono questi gli obiettivi della missione in Cina del ministro per lo Sviluppo Economico, Flavio Zanonato, da oggi al 16 gennaio prossimo a Pechino. Durante i quattro giorni di visita, Zanonato si incontrerà con il ministro del Commercio cinese, Gao Hucheng, e il ministro dell'Industria dell'Information Technology, Miao Wei. Due i momenti più importanti degli incontri bilaterali di questi giorni: la firma di un memorandum d'intesa per la costituzione di un Business Council tra i principali imprenditori e associazioni imprenditoriali di Italia e Cina, e la firma di un accordo per la cooperazione bilaterale nei settori della Ricerca Industriale, della Cooperazione e dello Sviluppo, delle Comunicazione e delle Tecnologie dell'Informazione.

"Con la Cina -ha affermato il ministro Zanonato- abbiamo già ottimi rapporti economici e politici,ma ora è il momento di fare un balzo in avanti, cercando di mettere le nostre imprese, specialmente le PMI, in condizione di sfruttare al meglio il nuovo corso del governo di Pechino per radicare ulteriormente la nostra presenza in un mercato ancora in forte espansione". Zanonato ha fatto riferimento al processo di riorganizzazione dell'economia deciso dal governo lo scorso anno che renderà la Cina un Paese "più maturo e più attento allo sviluppo, alla tutela dell'ambiente, all'energia sostenibile e a un'agricoltura moderna" e nel quale la qualità della tecnologia italiana può inserirsi. "Si tratta di un'occasione assai preziosa per gli interessi dell'Italia" ha commentato Zanonato, che si è soffermato anche sul processo di urbanizzazione in corso in Cina, che porterà centinaia di milioni di cittadini a stabilirsi in città nei prossimi dieci anni. Il ministro alla Sviluppo Economico auspica da parte cinese "un impegno puntuale a fare ricorso alle capacità italiane per la creazione di nuovi aggregati urbani".

Uno degli obiettivi della missione è quello di aumentare l'export italiano verso la Cina. A fine 2012 l'interscambio tra i due Paesi era pari a 34 miliardi di euro. L'obiettivo italiano per riequilibrare il disavanzo nella bilancia commerciale tra i due Paesi è di portare nei prossimi tre anni le esportazioni italiane a 15 miliardi di euro, attraverso un piano d'azione che verrà presentato da Zanonato in questi giorni e che -si legge in una nota- verrà poi approvato dal presidente del Consiglio Enrico Letta e dal primo ministro cinese, Li Keqiang. Nei quattro giorni di missione in Cina, verranno poi presentati i piani per l'attrazione di investimenti esteri "Destinazione Italia", presentare l'appuntamento di Expo 2015 -dove la Cina sarà presente con tre padiglioni- e spiegare il significato del prossimo semestre italiano di presidenza dell'Unione Europea, tra luglio e dicembre prossimi.

Nella delegazione che è giunta in Cina assieme al ministro Zanonato, sono presenti anche esponenti di Cassa Depositi e Prestiti, Enav, Invitalia e alcuni tra i maggiori nomi dell'industria italiana, come Eni, Enel, Fiat, Finmeccanica, GSE e Poste Italiane. Agli incontri è presente anche Confindustria e altre associazioni di categoria. L'evento, al quale è presente anche il vice ministro allo Sviluppo economico, Carlo Calenda, è stato promosso dall'Ambasciata d'Italia nella Repubblica Popolare Cinese, dall'agenzia ICE per il Commercio Estero e dalla Camera di Commercio Italiana in Cina.



13 gennaio 2014

 

ALTRI ARTICOLI:

 

 

PACE IN SUD SUDAN, UNA PRIORITA' PER LA CINA

 

INCIDENTI SUL LAVORO, CIRCA 20MILA SITUAZIONI A RISCHIO NELL'ENERGIA

 

CINA: VISITA DI ABE A YASUKUNI UN PROBLEMA DI TUTTI

 

DOPO IL NO DEL NYT, CHEN GUANGBIAO PUNTA AL WSJ

 

LA GIUSTIZIA AI TEMPI DI XI JINPING

 

TROVARE LA CINA NEL GANDHARA

 

XI JINPING: VIA LA CORRUZIONE DAI TRIBUNALI

 

A ZHANG YIMOU MULTA DA 1 MLN DI EURO PER I SUOI 4 FIGLI

 

TROVARE LA CINA NEL GANDHARA

 

EDUCARE DUE FIGLI, LA SFIDA DEI GENITORI DI DOMANI

 

PECHINO APRE SU BANCHE E TELECOMUNICAZIONI

 

"CINA IN PRIMA LINEA NELLA MISSIONE SIRIANA"

 

MEDIA: PAPA FRANCESCO TRA I 10 "UOMINI CHIAVE"

 

ADDIO A RUN RUN SHAW - Il pioniere del cinema di Hong Kong

 

MUORE PRESIDENTE DI CHINA RAILWAY, SI INDAGA SUL SUICIDIO

 

APRE CONSOLATO ITALIANO A CHONGQING

 

ATTENTATORE S. FRANCISCO: HO OBBEDITO ALLE 'MIE VOCI'

 

IL SENSATO PARADOSSO CINESE

 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci