Politica internazionale

Politica internazionale

Cina-Usa, banca centrale
promette yuan più flessibile

Cina-Usa, banca centrale <br />promette yuan più flessibile


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 



Pechino, 11 lug. - La sesta edizione del dialogo economico e strategico tra Cina e Stati Uniti, che si è tenuto negli sorsi giorni a Pechino ha portato ad alcuni punti condivisi tra le due sponde del Pacifico, anche se con impegni piuttosto vaghi in tema di cooperazione. Uno dei risultati più apprezzabili rimane probabilmente la promessa della banca centrale cinese, pronunciata dallo stesso governatore Zhou Xiaochuan, di rendere lo yuan più flessibile e in linea con i tassi di mercato. "La direzione è chiara per la riforma del mercato dei cambi della Cina. Manterremo il tasso di cambio dello yuan a un livello ragionevole e bilanciato e lasceremo che il mercato decida il tasso" ha dichiarato il governatore della People's Bank of China a margine degli incontri bilaterali.

 

Il tasso di cambio dello yuan è uno dei temi di maggiore attrito tra Cina e Usa. Washington ritiene la valuta cinese molto sottovalutata e chiede da tempo a Pechino di accelerarne il processo di liberalizzazione. Durante il vertice Cina-Usa dei giorni scorsi, il ministro delle Finanze cinese, Lou Jiwei, aveva però ancora parzialmente deluso le aspettative americane di sentire messaggi incoraggianti dalle autorità di Pechino, spiegando che il governo avrebbe continuato a intervenire sullo yuan per via della debolezza dell'economia cinese, ai primi segnali di ripresa oggi, dopo sei mesi di rallentamento. La tradizionale cautela nella politica monetaria è stata ribadita anche dallo stesso Zhou, che ha spiegato che la Cina continuerà a intervenire sulla propria valuta nel caso in cui ci siano grandi fluttuazioni nel mercato e nel caso di revisioni della politica monetaria dei grandi Paesi.

 

Sulla stessa linea di prudenza anche gli analisti finanziari cinesi del settore. Li Jianjun, dell'Istituto di Ricerca sulla Finanza Internazionale di Bank of China ha spiegato al China Daily come a condizionare in questo momento le scelte in politica monetaria della banca centrale sia la manovra di tapering messa in atto dalla Federal Reserve che sta mettendo sotto pressione le economie emergenti e provocando un deflusso dei capitali. "I mercati emergenti - spiega l'analista cinese - hanno anche un deficit commerciale con la Cina, esattamente come gli Stati Uniti. Gli Stati Uniti potrebbero unirsi a questi Paesi per spingere verso uno yuan più forte".

 

Alcuni segnali incoraggianti per la riforma del tasso di cambio dello yuan erano arrivati nei giorni scorsi, quando la State Administration of Foreign Exchange cinese aveva annunciato che le banche potranno fissare il cambio con il dollaro in linea con i valori di mercato per alcuni clienti selezionati. Si tratta di una misura che, per il momento, copre solo una piccola parte delle transazioni e ha più valore sperimentale che sostanziale, ma che ha come obiettivo quello di "migliorare ulteriormente la formazione di un meccanismo di tasso di cambio dello yuan regolato dal mercato" spiegava in un comunicato l'ente regolatore dei tassi di cambio.


11 luglio 2014


LEGGI ANCHE:

 

YUAN E PROPRIETA' INTELLETTUALE NEI COLLOQUI CINA-USA

 

TRA CINA E USA PROVE DI NORMALIZZAZIONE

 

 

ALTRI ARTICOLI 

 

DAGONG EUROPE: AREE LIBERO SCAMBIO
UN AIUTO PER IMPRESE STRANIERE
 

 

YUAN E PROPRIETA' INTELLETTUALE NEI COLLOQUI CINA-USA  

 

BANK OF CHINA CONTRO CCTV, NO RICICLAGGIO NEI NOSTRI UFFICI 

 

BAIDU TRA LA CINA E SILICON VALLEY

 

INFLAZIONE RALLENTA AL 2,3% A GIUGNO

 

TRA CINA E USA PROVE DI NORMALIZZAZIONE

 

FORTUNE: CINESI 100 SU 500 SOCIETA' TOP AL MONDO

 

SACE IN MISSIONE A SUZHOU PER AIUTARE IMPRESE ITALIANE

 

STATE GRID TRA INNOVAZIONE E INDAGINI ANTI-CORRUZIONE

 

SICUREZZA ALIMENTARE, AL VIA FORUM CINA-ITALIA

 

TROPPA BUROCRAZIA PER EXPORT LATTE ITALIANO

 

DIRITTI UMANI, MERKEL A CINA: "DIALOGO SIA LIBERO"

 

MERKEL IN CINA, ACCORDO PER DUE NUOVI IMPIANTI VW

 

PREMIER, ECONOMIA MODESTA MA IN CRESCITA

 

ANNUS HORRIBILIS PER LA STAMPA DI HONG KONG


MERKEL IN CINA DA SABATO PER INVESTIMENTI

 

COMMERCIO: A SEUL XI RINSALDA L'ALLEANZA

 

YUAN CAMBIO CN DOLLARO PIU' FLESSIBILE

 

F.1: FERRARI INAUGURA SITO UFFICIALE IN CINESE

 

NASCE IL TRIBUNALE SPECIALE PER L'AMBIENTE

 

A DALIAN ZONA SPERIMENTAZIONE RIFORME ECONOMICHE

 

HUAWEI ELETTA NEL BOARD UE PER IL 5G

 

XI A SEUL PER COLLOQUI SU NUCLEARE NORD-COREANO


CNPC-GAZPROM: NESSUNA CONSEGUENZA PER EUROPA

 

ITALIA-CINA RATIFICANO TRATTATO DI COOPERAZIONE GIUDIZIARIA


HK: OLTRE 500 ARRESTI DOPO MANIFESTAZIONI ANTI-CINA

 

PYONGYANG LANCIA DUE MISSILI, XI DOMANI A SEUL

 

CINA-SVIZZERA, OPERATIVO ACCORDO ZONA DI LIBERO SCAMBIO

 

WELCOME CHINESE, CERTIFICAZIONE DI ACCOGLIENZA PER IL TURISTA CINESE

 

AMBASCIATA CELEBRA INIZIO SEMESTRE PRESIDENZA ITALIA UE

 

A PECHINO -10% DI TURISTI, COLPA DELLO SMOG


MILITARI SOSTENGONO EPURAZIONE DI XU CAIHOU


ESPULSO DAL PCC EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

YUAN: DUE CLEARING BANKS IN FRANCIA E LUSSEMBURGO

 

XI: LA CINA NON FLETTE I MUSCOLI IN MODO AGGRESSIVO


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci