Politica internazionale

Politica internazionale

Xi, Cina e Vietnam possono
superare le differenze

Xi, Cina e Vietnam possono<br />superare le differenze


Di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 6 nov. - Il presidente cinese, Xi Jinping, chiede l'impegno di Cina e Vietnam per superare le differenze che dividono i due Paesi. In un discorso al palazzo dell'Assemblea Nazionale di Hanoi, durante il secondo giorno di visita in Vietnam, Xi ha spiegato che le relazioni tra i due Paesi hanno "importanza strategica" e ha sottolineato l'importanza di mantenere buoni rapporti e fiducia reciproca tra Cina e Vietnam. Xi ha poi ricordato i legami storici tra Cina e Vietnam, sottolineando che "nella lotta per la liberazione e l'indipendenza nazionale abbiamo combattuto fianco a fianco e ci siamo sostenuti a vicenda per formare una fore amicizia", sottolineando che entrambi i Paesi, Cina e Vietnam, hanno "la capacità e la saggezza di dissipare ogni fattore di disturbo".

Xi è nel Paese del sud-est asiatico per la prima volta da quando ha assunto la carica di presidente cinese, nel marzo 2013, e dopo le violente manifestazioni anti-cinesi in Vietnam dello scorso anno, scoppiate dopo la decisione di Pechino di spostare una piattaforma petrolifera in acque contese con Hanoi. L'appello di oggi segue agli incontri con i leader nazionali vietnamiti, tra cui il segretario generale del Partito Comunista Vietnamita, Nguyen Phu Trong, e il primo ministro, Nguyen Tan Dung, in cui sono emersi i problemi relativi alle dispute di sovranità nelle acque del Mare Cinese Meridionale. Durante i colloqui, Xi ha spiegato che i due Paesi "hanno bisogno di gestire meglio i punti di disaccordo, consultandosi per mantenere la stabilità nei mari".

Cina e Vietnam sono divisi da dispute sui confini delle acque territoriali dei rispettivi Paesi e da rivendicazioni territoriali su alcune isole del Mare Cinese Meridionale. La visita di Xi in Vietnam, la prima in dieci anni di un leader cinese, cade in un momento di tensione attorno al Mare Cinese Meridionale, dopo l'incursione di settimana scorsa nelle acque territoriali delle isole Spratly da parte del cacciatorpediniere della Marina statunitense, che ha generato la reazione sdegnata di Pechino. Il primo ministro vietnamita, Nguyen Tan Dung, aveva sottolineato ieri con Xi l'importanza di gestire le dispute territoriali e di "riflettere sulla demilitarizzazione nel Mare Orientale - il nome vietnamita del Mare Cinese Meridionale - per la sicurezza di navigazione e di sorvolo" dell'area. La visita di Xi in Vietnam è stata preceduta da alcune manifestazione di protesta anti-cinesi di lieve entità, sia a Ho Chi Minh City, che ad Hanoi, davanti all'ambascia cinese. Durante l'incontro sono stati firmati anche dodici accordi di cooperazione sia sotto il profilo culturale che sotto quello finanziario, del quale non sono stati svelati dettagli.

 

6 novembre 2015

 

LEGGI ANCHE


XI IN VIETNAM: TRA I TEMI LE DISPUTE TERRITORIALI

 

ALTRI ARTICOLI


MA, INCONTRO CINA-TAIWAN NON RIGUARDA ELEZIONI


XI IN VIETNAM: TRA I TEMI LE DISPUTE TERRITORIALI

 

CORRUZIONE, SOTTO ACCUSA PRESIDENTE CHINA SOUTHERN


INCONTRO XI-MA: STORICA SVOLTA
Proteste a Taipei, dubbi opposizione

 

CAIXIN, SETTORE SERVIZI AI MASSIMI DA TRE MESI

 

BANCA AIIB RATIFICATA A PECHINO

 

CINA VERDE, SANA E AL 6,5% DI CRESCITA


CINA-FRANCIA: ACCORDO SUI CONTROLLI ANTI-EMISSIONI


@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci