Politica internazionale

Politica internazionale

Tra Cina e Usa prove
di normalizzazione

Tra Cina e Usa prove <br />di normalizzazione


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 9 lug. - Cina e Stati Uniti provano a normalizzare i rapporti bilaterali segnati dalle divergenze per lo spionaggio informatico, lo yuan che Washington ritiene sottovalutato e la tensione crescente nel Mare Cinese Meridionale tra Pechino e i Paesi del sud-est asiatico per le dispute di sovranità.

All'apertura dei lavori della sesta edizione del Dialogo Economico e Strategico tra i due Paesi, il presidente cinese Xi Jinping ha chiesto agli Stati Uniti di "trattenersi dall'imporre la propria visione" soprattutto in riferimento alle questioni aperte nel Mare Cinese Meridionale che vedono la Cina contrapporsi a Vietnam e Filippine. Xi ha poi precisato che Pechino non cerca il confronto con Washington, che potrebbe terminare in un "disastro" per i due Paesi e per il mondo intero. "Costruire un nuovo modello di relazioni tra grandi Paesi tra Cina e Stati Uniti è senza precedenti nella storia - ha sottolineato Xi Jinping - non esiste esperienza passata da cui imparare". Il presidente cinese ha sottolineato in più occasioni da quando si è insediato a capo della Cina, nel marzo 2013, come Pechino e Washington debbano cercare un nuovo modello di relazioni per evitare situazioni di conflittualità in futuro.

L'invito è stato accolto dal segretario di Stato statunitense, John Kerry, che ha ribadito la posizione della Casa Bianca di non cercare il contenimento della Cina in Asia e ha sottolineato la determinazione della Casa Bianca nel cercare "un cammino di pace, prosperità e cooperazione" tra i due Paesi. Kerry ha poi spiegato che gli Stati Uniti "accolgono l'emergere di una pacifica, stabile e prospera Cina, che contribuisce alla stabilità e allo sviluppo della regione". Entrambe le delegazioni hanno poi ricevuto una lettera del presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, che ha incoraggiato il dialogo tra le due parti nonostante le complessità del rapporto. "Abbiamo bisogno di costruire la nostra relazione attorno a sfide comuni, responsabilità reciproche e interessi condivisi - ha piegato Obama nel messaggio ai delegati - anche quando affrontiamo con sincerità le nostre differenze".

La delegazione cinese era guidata dal vice primo ministro Wang Yang e dal Consigliere di Stato Yang Jiechi, mentre quella gli Stati Uniti dal segretario di Stato John Kerry e dal segretario al Tesoro, Jacob Lew. Proprio quest'ultimo e il vice primo ministro cinese sono stati al centro dell'ultima disputa su un altro argomento che genera tensione tra le due sponde del Pacifico, lo yuan. In una telefonata, il mese scorso, Lew aveva chiesto a Wang che la Cina si muovesse  "rapidamente" verso un tasso di cambio della propria valuta determinato dal mercato, con l'accusa di mantenere lo yuan artificialmente sottovalutato rispetto al dollaro.

Cina e Stati Uniti non sono divisi solo dal ruolo della Cina in Asia e dalla gestione della valuta cinese da parte della banca centrale di Pechino. Tra gli altri temi che verranno trattati nel corso del forum ci saranno poi quelli relativi al programma nucleare nord-coreano, sul quale la Cina ha una posizione contraria ma incline al dialogo, il traffico di specie protette, e il cambiamento climatico, in preparazione del forum di Parigi del prossimo anno, considerato generalmente l'incontro più importante sul tema dopo la firma del protocollo di Kyoto del 1997. Le discussioni tra i due Paesi hanno portato di recente a un riavvicinamento delle posizioni tra i due paesi maggiormente responsabili dell'emissione di gas serra: nel febbraio scorso, durante la visita di Kerry a Pechino, Cina e Stati Uniti si sono impegnati a cercare un terreno comune entro il prossimo anno. Molto più difficile, invece, la possibilità che si riapra tra le due capitali il working group sulla sicurezza informatica, interrotto unilateralmente da Pechino dopo le accuse statunitensi a cinque funzionari dell'Esercito Popolare di Liberazione, l'esercito cinese, di spionaggio informatico ai danni di diverse industrie statunitensi nel maggio scorso.
 

 


OTTO ACCORDI PER TAGLIO A EMISSIONI DI GAS SERRA

 

Intanto Cina e Stati Uniti sono più vicine nell'abbattimento dei gas serra. I rappresentanti dei due Paesi presenti oggi a Pechino per l'annuale appuntamento del Dialogo Economico e Strategico hanno firmato otto memorandum d'intesa che serviranno ad avvicinare le posizioni dei due maggiori produttori di emissioni inquinanti al mondo in vista del prossimo vertice di Parigi del prossimo anno. Washington e Pechino hanno alcune differenze derivanti dalla diversa posizione dei due Paesi nello scacchiere geopolitico: la Cina chiede, come Paese emergente, il sostegno delle economie industrializzate nella lotta all'inquinamento, mentre gli Stati Uniti chiedono alla Cina di fare un passo avanti rispetto alla differenza tra economia industrializzata e Paese emergente e non prevedono lo stanziamento di fondi a favore.

Tra gli accordi di oggi c'è quello della cinese Huaneng con la Summit Power Group per la condivisione di informazioni e di expertise sullo sviluppo di tecnologia per la generazione di energia dal carbone pulito, settore dell'energia su cui la Cina sta puntando molto, come confermato anche da un discorso dello stesso presidente cinese, Xi Jinping il mese scorso, in cui ha sottolineato l'importanza del rispamrio energetico e dell'uso di forme pulite di energia, come il gas, il nucleare e le rinnovabili. La Virginia Western University ha poi firmato un contratto con la Yanchang Petroleum per una dimostrazione di tecnologia ultra-pulita nella provincia settentrionale cinese dello Shanxi e, infine, un ultimo accordo lo Shanxi Coal International Group e la University of Kentucky darà vita a uno studio di praticabilità su una centrale a carbone che potrebbe portare a una riduzione di due milioni di tonnellate di CO2 all'anno.

 

09 luglio 2014


 


ALTRI ARTICOLI:

 

SICUREZZA ALIMENTARE, AL VIA FORUM CINA-ITALIA

 

TROPPA BUROCRAZIA PER EXPORT LATTE ITALIANO

 

DIRITTI UMANI, MERKEL A CINA: "DIALOGO SIA LIBERO"

 

MERKEL IN CINA, ACCORDO PER DUE NUOVI IMPIANTI VW

 

PREMIER, ECONOMIA MODESTA MA IN CRESCITA

 

ANNUS HORRIBILIS PER LA STAMPA DI HONG KONG


MERKEL IN CINA DA SABATO PER INVESTIMENTI

 

COMMERCIO: A SEUL XI RINSALDA L'ALLEANZA

 

YUAN CAMBIO CN DOLLARO PIU' FLESSIBILE

 

F.1: FERRARI INAUGURA SITO UFFICIALE IN CINESE

 

NASCE IL TRIBUNALE SPECIALE PER L'AMBIENTE

 

A DALIAN ZONA SPERIMENTAZIONE RIFORME ECONOMICHE

 

HUAWEI ELETTA NEL BOARD UE PER IL 5G

 

XI A SEUL PER COLLOQUI SU NUCLEARE NORD-COREANO


CNPC-GAZPROM: NESSUNA CONSEGUENZA PER EUROPA

 

ITALIA-CINA RATIFICANO TRATTATO DI COOPERAZIONE GIUDIZIARIA


HK: OLTRE 500 ARRESTI DOPO MANIFESTAZIONI ANTI-CINA

 

PYONGYANG LANCIA DUE MISSILI, XI DOMANI A SEUL

 

CINA-SVIZZERA, OPERATIVO ACCORDO ZONA DI LIBERO SCAMBIO

 

WELCOME CHINESE, CERTIFICAZIONE DI ACCOGLIENZA PER IL TURISTA CINESE

 

AMBASCIATA CELEBRA INIZIO SEMESTRE PRESIDENZA ITALIA UE

 

A PECHINO -10% DI TURISTI, COLPA DELLO SMOG


MILITARI SOSTENGONO EPURAZIONE DI XU CAIHOU


ESPULSO DAL PCC EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

YUAN: DUE CLEARING BANKS IN FRANCIA E LUSSEMBURGO

 

XI: LA CINA NON FLETTE I MUSCOLI IN MODO AGGRESSIVO


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

IRAQ, OLTRE 50 DIPENDENTI CINESI EVACUATI


LEONARDO DA VINCI CERTIFICATO 'WELCOME CHINESE AIRPORT'

 

PIAZZA LIU XIAOBO A WASHINGTON "UNA FARSA"

 

XINJIANG, 9 CONDANNE FINO A 14 ANNI PER TERRORISMO

 

PRIMA CONFERENZA ITALIA-CINA SU DIPLOMAZIA CULTURALE

 

MONDIALI: ITALIA VITTIMA "MALEDIZIONE" CONDUTTRICE CINESE

 

LI PENG PUBBLICA MEMORIALE, MA NON PARLA DI TIAN'ANMEN

 

CINA VUOLE UNA BANCA REGIONALE PER L'ASIA PACIFICO ENTRO IL 2015

 

CCTV, IN ONDA IMMAGINI INEDITE ATTACCO TIAN'ANMEN

 

BANCA CENTRALE: RISCHIO DEFAULT IN ALCUNI SETTORI

 

CAMBI: USA A CINA, LIBERALIZZARE LO YUAN

 

HONG KONG RISPONDE AL GLOBAL TIMES, NESSUN CONFRONTO CON I CINESI

 

SPAGNA ARCHIVIA ACCUSE A JIANG, PECHINO "BENE"

 

GOVERNO: MATTEO RENZI INCONTRA MENG JIANZHI

 

Intervista a Paolo De Troia TESTI DI LETTERATURA CINESE SCELTI E TRADOTTI DA BERTUCCIOLI

 

INTERVISTA A DAVIDE CUCINO, LA CINA CHE HO VISSUTO ALLA CAMERA

 

XINJIANG, 380 ARRESTI NEL PRIMO MESE DI CAMPAGNA ANTI TERRORISMO

 

REFERENDUM A HONG KONG, CINA: "UNA FARSA"

 

HSBC: MANIFATTURIERO TORNA IN ESPSANSIONE

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci