Politica internazionale

Politica internazionale

Merkel a Pechino
difende interessi tedeschi

Merkel a Pechino <br />difende interessi tedeschi


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 29 ott. - Il cancelliere tedesco, Angela Merkel è in Cina, oggi e domani, per incontrare i leader della seconda economia del pianeta e difendere gli interessi commerciali tedeschi intaccati dallo scandalo che ha travolto la Volkswagen. Assieme al cancelliere tedesco è a Pechino anche il nuovo Ceo del gruppo automobilistico, Matthias Mueller, che il mese scorso ha preso il posto di Martin Winterkorn dimessosi per lo scandalo delle emissioni truccate. La vicenda, che ha portato al ritiro di milioni di auto in tutto il mondo, ha riguardato la Cina solo marginalmente con il ritiro di meno di duemila veicoli. Quella cominciata oggi è l'ottava visita in Cina di Merkel dal 2005, quando ha assunto la carica di cancelliere, e avviene in uno dei momenti più difficili della carriera politica del cancelliere tedesco a causa della gestione della crisi dei migranti, che potrebbe essere oggetto di discussione in queste ore con i leader cinesi.

Angela Merkel è stata ricevuta questa mattina a Pechino dal primo ministro Li Keqiang. Nel corso della visita, Merkel incontrerà anche il presidente cinese, Xi Jinping, e prima del rientro a Berlino è prevista una tappa anche nella provincia meridionale cinese dello Anhui. La Germania è il più importante partner commerciale della Cina all'interno dell'Unione Europea, con investimenti diretti esteri nel Paese che ammontano a 48 miliardi di euro e scambi che hanno raggiunto quota 154 miliardi di euro a fine 2014. Le esportazioni tedesche in Germania si aggirano intorno ai 75 miliardi di euro, un terzo delle quali nel settore automobilistico. La visita arriva a pochi giorni dal viaggio del presidente cinese, Xi Jinping, in Gran Bretagna, durante il quale sono stati firmati di cooperazione tra Pechino e Londra per un valore complessivo di circa 62 miliardi di dollari, in alcuni importanti settori strategici. I rapporti tra Unione Europea e Cina saranno di scena a Pechino anche all'inizio della prossima settimana, quando nella capitale cinese arriverà il presidente francese, Francois Hollande, per una visita di due giorni che verterà soprattutto sui piani di riduzione delle emissioni inquinanti da parte della Cina in vista della Conferenza di Parigi, il 30 novembre prossimo.

 

Accordo per 30 Airbus dalla Germania per 17 miliardi euro

 

Cina e Germania hanno firmato l'accordo per l'acquisto da parte di Pechino di trenta Airbus A330 per un valore complessivo di 17 miliardi di euro. L'accordo e' stato annunciato al termine dell'incontro tra il cancelliere tedesco, Angela Merkel, oggi e domani a Pechino, e il primo ministro cinese, Li Keqiang. Nel settore dell'aviazione civile, il mercato cinese e' uno dei piu' importanti, con una domanda in crescita e possibilita' di accordi commerciali per un valore complessivo di circa mille miliardi di dollari nei prossimi venti anni. Il mese scorso, il gruppo statunitense Boeing aveva annunciato l'accordo per un ordine di vendita alla Cina di trecento aeromobili durante la visita negli Stati Uniti del presidente cinese, Xi Jinping, per un valore complessivo di 38 miliardi di dollari

 

Merkel e Li chiedono soluzione politica a crisi in Siria

 

Cina e Germania sono d'accordo sulla necessità di trovare una soluzione politica alla crisi in Siria. La volontà comune di porre fine alle violenze nel Paese retto da Bashar Al-Assad è stata oggetto di discussioni tra il primo ministro cinese, Li Keqiang, e il cancelliere tedesco, Angela Merkel, oggi e domani in visita nella capitale cinese. "La cosa più importante - ha dichiarato Li - è cogliere l'opportunità di una soluzione politica e realizzare un dialogo egualitario, inclusivo e aperto". La Cina, ha poi aggiunto il premier, continuerà ad avere un "ruolo costruttivo" nella risoluzione della crisi.

"Abbiamo bisogno di una soluzione diplomatica - ha poi dichiarato Angela Merkel - E' urgente trovarne una. Almeno ci sono segnali di dialogo che riunirà i partecipanti necessari", ha spiegato Merkel in riferimento ai colloqui di oggi a Vienna che vedranno riuniti rappresentanti diplomatici dei Paesi che stanno affrontando la crisi e che rappresentano "la più promettente opportunità per un'apertura politica" fino a questo momento, secondo quanto dichiarato di recente dal segretario di Stato statunitense, John Kerry. In un cenno alla crisi dei migranti nell'Unione Europea, Li Keqiang ha poi manifestato la fiducia della Cina nella gestione della crisi da parte dei Paesi dell'Ue e della Germania che, ha spiegato il premier cinese, "con l'aiuto della comunità internazionale, hanno la capacità di affrontare questa sfida".

 

29 OTTOBRE 2015

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci