Politica internazionale

Politica internazionale

Kissinger: Cina e Usa
obbligate a cooperare

Kissinger: Cina e Usa <br />obbligate a cooperare


di Sonia Montrella
Twitter@SoniaMontrella
 



Roma, 14 set.- La Cina sta crescendo. Che lo si voglia o no. E Pechino e Washington possono solo cooperare. Sono obbligate a farlo. E' il giudizio netto e franco di Henry Kissinger, ex segretario di Stato e Consigliere politico statunitense delle amministrazioni Nixon e Ford, intervistato in esclusiva dal quotidiano statale cinese People's Daily a una decina di giorni dal viaggio negli Usa di Xi Jinping. Un presidente "dalla grande determinazione", come lo ha definito lo stesso Kissinger, e "che ha avuto delle grandi lezioni dalla vita".

Kissinger, 92 anni, è l'architetto - o "rompighiaccio", come lo definì a sua volta qualche mese fa il numero uno di Pechino – delle relazioni tra i due Paesi. Celebre lo storico viaggio - da lui messo a punto - dell'allora presidente Richard Nixon del 1972 che ruppe quel silenzio durato 25 anni e spianò la strada per l'allacciamento dei rapporti diplomatici tra Cina e Usa del 1979.

"Quando Usa e Cina riallacciarono i rapporti diplomatici avevano un avversario comune. Ora non è più così, ma hanno opportunità comuni e se non lavorano insieme nessuno le coglierà".

Il punto di partenza fondamentale per entrambe le potenze, spiega l'ex Consigliere di Stato, è quello di "riconoscere che entrambi sono grandi Paesi che hanno bisogno di cooperazione e non di divergenze e applicare questo principio alle varie questioni concrete. Sono sicuro che questo porterà risultati. Non sono politicamente vicino a Obama, ma lo sostengo  nel suo tentativo di raggiungere questo obiettivo". Una cosa che consiglio sempre ai presidenti, aggiunge Kissinger, è quella "di parlare onestamente ai cinesi, esprimere le proprie perplessità e preoccupazioni e capire quali sono quelle della controparte". E lo suggerisce anche a Barack Obama, "nonostante manchi solo un anno alla fine del mandato".

14 settembre 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

XI JINPING IN VISITA NEGLI USA A FINE MESE

 

TAIWAN SIMULA ATTACCO PECHINO DURANTE ESERCITAZIONI NAVALI

 

ENTRO IL 2020 NUOVO ELICOTTERO STELATH DI QUARTA GENERAZIONE

 

PREMIER LI: NO A QUANTITAVE EASING

 

INFLAZIONE SALE AL 2% AD AGOSTO

 

PECHINO: AL VIA VERIFICA SU OSTAGGIO CINESE

 

CINA APRE MERCATO FOREX A BANCHE CENTRALI STANIERE


PREMIER LI: RISCHI DELL'ECONOMIA SOTTO CONTROLLO

 

INFRASTRUTTURE E RIFORME DEL FISCO PER CRESCERE

 

NUOVO METODO CALCOLO PIL PIU' SENSIBILE A FLUTTUAZIONI

 

BORSE DI NUOVO IN RIALZO, SHANGHAI +2,92%

 

AD AGOSTO EXPORT A  -6,1%, IMPORT -14,3%, SURPLUS +20,1%

 

INTERRUTTORE DI INDICI, L'ARMA CONTRO TURBOLENZE MERCATI   

 

G20, RASSICURAZIONI SULLA TENUTA DELL'ECONOMIA, BORSE ANCORA GIU' DOPO  LA RIAPERTURA

 

CINA: PANCHEM LAMA "STA BENE E CONDUCE VITA NORMALE"

 

AL VIA SCUOLA ITALIANA D'AMBASCIATA, PRIMA IN ASIA

 RIVISTO PIL AL RIBASSO: DAL +7,4% AL +7,3% NEL 2014
 


ESERCITO TRA RIFORMA E TAGLI

 

PREMIER LI A DALIAN PER FORUM ECONOMICO 9 E 10 SETTEMBRE

 

EX VICE PRESIDENTE ALLA PARATA, SCOPPIA LA POLEMICA A TAIWAN

 

LA GRANDE PARATA: SETTANTA ANNI DALLA VITTORIA SUL GIAPPONE XI PROMETTE SVILUPPO PACIFICO

 

NUOVE ARMI PER PECHINO, MA TAGLIATI 300MILA SOLDATI

 

TURISMO: MSC LIRICA SBARCA A SHANGHAI

 

FMI: RALLENTAMENTO CINA, IMPATTO PIU' AMPIO DEL PREVISTO

 


GENTILONI A PECHINO «PRESENZA A PARATA SEGNALE ATTENZIONE»

 

GENTILONI: SVALUTAZIONE YUAN NON CAMBIA RISCHI PER L'ITALIA

 

GIORNALISTA FA 'MEA CULPA' IN TV, TONFO BORSE "COLPA SUA"

 

BORSE VOLATILI DOPO APERTURA NEGATIVA


MANIFATTURIERO AI MINIMI DA 6 ANNI, MERCATI IN RIBASSO

 

ESPLODE IMPIANTO CHIMICO A DONGYING, 1 MORTO


BLOCCO VPN, AUMENTA LA CENSURA IN VISTA DELLA PARATA

 

VERSO LA PARATA DEL 3 SETTEMBRE, GENTILONI PER L'ITALIA


WO-LAP LAM: IL MIRACOLO CINESE E' FINITO

 

LA CINA FA PAURA, LUNEDI' NERO PER I MERCATI

 

 

@Riproduzione riservata



每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci