Politica internazionale

Politica internazionale

KERRY A PECHINO INCONTRA XI E WANG
Tra i temi, disputa Cina-Giappone e nucleare nordcoreano

KERRY A PECHINO INCONTRA XI E WANG <br />Tra i temi, disputa Cina-Giappone e nucleare nordcoreano


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 14 feb. - Il segretario di Stato americano John Kerry è arrivato oggi a Pechino, per la seconda tappa asiatica della sua missione, che lo ha portato ieri in Corea del Sud e proseguirà per l'Indonesia e gli Emirati Arabi Uniti. La visita di oggi servirà anche per preparare il terreno a Obama, che si recherà Pechino ad aprile prossimo. Kerry ha incontrato Xi Jinping alla Grande Sala del Popolo e successivamente il Ministro degli Esteri Wang Yi. All'ordine del giorno, l'acuirsi dei toni nella disputa con il Giappone per le rivendicazioni territoriali nel Mare Cinese Orientale, e la questione del nucleare nord-coreano, affrontata da Kerry nella tappa in Corea del Sud con la presidente Park Geun-hye.

 

L'incontro con Xi Jinping è stato "molto costruttivo" ha detto Kerry. Il segretario di Stato Usa si è detto anche "molto lieto di avere potuto approfondire in dettaglio alcune delle questioni riguardanti la Corea del Nord". Xi Jinping ha rinnovato l'impegno cinese nel costruire "un nuovo modello di relazioni sino-americane", come già dichiarato in precedenza durante la visita del vice presidente Usa, Joe Biden, nei giorni caldi delle polemiche sull'ADIZ, la zona di identificazione aerea di Difesa sul Mare Cinese Orientale.

 

Le forti polemiche con il Giappone proseguono da settimane, da quando cioè, il primo ministro di Tokyo, Shinzo Abe, si era recato in visita, il 26 dicembre scorso, al tempio Yasukuni, il santuario dove sono sepolti i soldati morti durante il secondo conflitto mondiale, ma anche alcuni generali che Pechino annovera tra i criminali di guerra. Negli ultimi giorni, i toni si sono molto alzati con editoriali di fuoco contro il Giappone pubblicati dai maggiori media cinesi: questa settimana, un lungo articolo del Quotidiano del Popolo, il giornale ufficiale del PCC, ha definito il primo ministro Shinzo Abe un gangster politico. Kerry ha ribadito la posizione di Washigton sull'ADIZ cinese esistente, e su un'altra possibile nel Mare Cinese Meridionale, dove Pechino ha altre questioni di sovranità irrisolte con i Paesi della regione. "Abbiamo detto molto chiaramente che una unilaterale e non annunciata iniziativa come quella, costituirebbe una sfida per alcuni popoli della regione e una minaccia alla stabilità". Le difficili relazioni diplomatiche cinesi con alcuni Stati del sud-est asiatico hanno avuto, nella settimana del capodanno, anche un altro scambio di battute roventi con il presidente delle Filippine, Benigno Aquino, che in un'intervista al New York Times aveva definito la dirigenza cinese nazista nella gestione delle sue rivendicazioni territoriali. Pechino ha replicato a brevissima distanza definendo Aquino un ignorante e un turista della politica.

 

Sulle dispute di sovranità, Wang ha chiesto agli Stati Uniti di rispettare la posizione cinese e di mantenere un atteggiamento "oggettivo e imparziale" per promuovere la comprensione reciproca nella regione e salvaguardare la pace e la stabilità. Kerry ha sottolineato l'importanza del codice di condotta nel Mare Cinese Meridionale come strumento utile a evitare l'escalation della tensione al largo delle coste meridionali cinesi, e ha  chiesto da parte di tutte le parti coinvolte la creazione di unità anti-crisi per gestire i momenti di maggiore frizione. Ma sulle isole contese con Tokyo, le Senkaku/Diaoyu, che rappresentano per Pechino il maggiore punto di frizione con il Giappone, le posizioni sono ancora distanti. Prima di partire per Pechino, ieri, Kerry aveva rinnovato il sostegno a Tokyo, in caso di escalation con Pechino, che rivendica l'arcipelago come parte integrante del proprio territorio nazionale, con il nome di Diaoyu.

 

Un punto di accordo, invece, Washington e Pechino, lo hanno sulle gestione dei rapporti con Pyonyang. La questione nord-coreana è stata affrontata da Kerry anche durante l'incontro con il ministro degli Esteri, Wang Yi, che ha rassicurato il segretario di Stato Usa sull'impegno cinese a mantenere la stabilità nella penisola. La Cina, ha dichiarato Wang, non permetterà il caos tra le due Coree. "Non solo lo diciamo - ha detto il ministro degli Esteri cinese - lo facciamo". La decisa presa di posizione cinese nei confronti di Pyongyang riscontra anche il favore di Washington. La Cina, ha detto Kerry ai giornalisti presenti, "non avrebbe potuto esprimere con più forza il proprio impegno" nei confronti della questione nord-coreana. Kerry ha poi anche detto che se la Corea del Nord non si dimostrerà seria nell'intenzione di fermare il suo programma nucleare, la Cina prenderà in considerazione l'ipotesi di "ulteriori mosse" per convincere Pyongyang a desistere dallo sviluppo di armi atomiche.



14 febbraio 2014

 

LEGGI ANCHE


KERRY: CINA FACCIA PIU' PRESSIONI SU PYONGYANG

 

KERRY IN USA DA GIOVEDI', DA USA STOCCATA SU ADIZ

 

TOKYO NEGA SU MASSACRO NANCHINO, PECHINO S'INFURIA

 

STANZIATI 7,5 MILIARDI EURO A XINJIANG PER SVILUPPO


PECHINO, INCIDENTE IN FERRARI: 1 MORTO 2 FERITI

 

SMOG, PECHINO "QUASI INVIVIBILE PER L'UOMO"

 

CINA E TAIWAN, INCONTRO DAL GRANDE VALORE SIMBOLICO

 

CINA ABBANDONA AUTO-SUFFICIENZA PRODUZIONE GRANO

 

PREMIER LI: TOLLERANZA ZERO SU SPESE GOVERNATIVE EXTRA

 

BORSE ASIATICHE IN RIALZO FAVORITE DA DATI CINESI

 

TERREMOTO DI MAGNITUDO 6,8 FA TREMARE LO XINJIANG

 

AL VIA INCONTRO STORICO TRA CINA E TAIWAN

 

KERRY IN CINA DA GIOVEDI', DA USA STOCCATA SU ADIZ

 

DONGGUAN, 67 IN MANETTE PER PROSTITUZIONE


XI, SOCHI HA SUGGELLATO LE RELAZIONI SINO-RUSSE

 

CINA E TAIWAN A COLLOQUIO


OBAMA: NECESSARIA MAGGIORE LIBERTÀ DI CULTO IN CINA

 

XI E PUTIN A SOCHI

 

MAX BAUCUS, NUOVO AMBASCIATORE USA IN CINA

 

XI A SOCHI PER RINSALDARE PARTNERSHIP CON PUTIN

 

TOKYO NEGA SU MASSACRO NANCHINO, PECHINO S'INFURIA

 

CINA-MYANMAR: MANCATI STANDARD, NUOVI GUAI CONDOTTA

 

FIRENZE, INCENDI: A FUOCO CAPANNONE GESTITO DA CINESI

 

DUBBI SU CRESCITA CINA, BORSE IN PICCHIATA

 

SPESE MILITARI IN CRESCITA, CINA SECONDA DOPO USA

 

ACQUISTO RISO, CINA ANNULLA AFFARE CON THAILANDIA

 

TOCHINA BUSINESS PROGRAM, AL VIA LA SECONDA EDIZIONE

 

PECHINO DURA SU RAPPORTO HUMAN RIGHTS WATCH:
"NEGA PROGRESSI CINA SU RIFORMA GIUSTIZIA

 

FRENANO MANIFATTURIERO E SERVIZI, MA ANCORA IN CRESCITA

 

MISSILE, CINA O NATO: TURCHIA PRENDE TEMPO

 

CINA E INDIA, GARA A CHI HA L'ARIA PEGGIORE

 

RAMZY (NYT) AL DESK DI TAIPEI DOPO IL RIFIUTO DEI VISTO CINESE

 

AVIARIA: PERDITE PER CIRCA 2,5 MILIARDI DI EURO

 

L'ANNO DEL CAVALLO SENZA FUOCHI D'ARTIFICIO


ESPULSO DAL PARTITO L'EX SINDACO DI NANCHINO

 

ECFR: NEL 2013 UE DEBOLE NEL RAPPORTO CON CINA

 

RAMZY (NYT) AL DESK DI TAIPEI DOPO IL RIFIUTO DEL VISTO


OBAMA: CINA SCALZATA DA USA COME DESTINAZIONE PER INVESTIMENTI

 

TENNIS: LA VITTORIA DI LI NA, E' POLEMICA SL DENARO PUBBLICO


ATTIVISTA ANTI-CORRUZIONE CONDANNATO A 18 MESI

 

MOTORI DI RICERCA DI CARNE UMANA, LA PAURA DEL LINCIAGGIO ON LINE

 

SPEDIZIONE ESPLORA FONDALI MAR CINESE MERIDIONALE

 

UNDICI ORE DI TRATTATIVA, EVITATO DEFAULT CHINA CREDIT TRUST

 

BAIDU MAPPA LA MASSICCIA MIGRAZIONE DEL CAPODANNO

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci