Politica internazionale

Politica internazionale

HONG KONG, DECINE DI MIGLIAIA IN PIAZZA
NEL SECONDO GIORNO DI PROTESTE

HONG KONG, DECINE DI MIGLIAIA IN PIAZZA <br />NEL SECONDO GIORNO DI PROTESTE


di Eugenio Buzzetti

Twitter@eastofnowest

 

Hong Kong, 29 set. - Sono ancora decine di migliaia gli studenti in piazza nell'area di Admiralty e Tamar, dove ha sede il governo di Hong Kong. La situazione con la polizia, tesa fino alle ultime ore di ieri, primo giorno ufficiale delle proteste di Occupy Central, è tornata a una relativa calma. Gli studenti hanno assistito a comizi degli organizzatori delle manifestazioni, indette ufficialmente nella notte tra sabato e domenica, e intonato slogan pro-democratici. "Da movimento studentesco si è trasformato in movimento di disobbedienza civile - ha spiegato una giornalista del quotidiano locale The Standard incontrata ad Admiralty - A Monkok l'età dei manifestanti è generalmente più alta".

 

GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA


I giovani provenienti dalle varie università dell'isola hanno sfilato lungo la Connaught Road in direzione di Admiralty, cuore delle proteste. Alcuni di loro distribuivano i nastri gialli simbolo degli scioperi degli studenti universitari in corso da lunedì. Assieme a loro, ad Admiralty, anche molti altri giovanissimi studenti delle scuole superiori, che costituiscono una delle componenti numericamente più importanti di Occupy Central. Molto minore, invece, la presenza delle forze dell'ordine rispetto a ieri, quando avevano attaccato la folla con lacrimogeni e spray al peperoncino.

 

Le manifestazioni si sono estese oggi anche ad altre aree: oltre a Monkok, nella zona di Kowloon, anche Causeway Bay, nell'area di Central, è stata presa di mira dai manifestanti. Alcuni studenti hanno voluto sottolineare il carattere pacifico delle proteste. L'amministratore delegato di Hong Kong, Leung Chun-ying - massima autorità dell'isola - rimane l'obiettivo principale delle proteste. "Vogliamo che ascolti le nostre richieste - ha dichiarato uno studente di 20 anni della City University di Hong Kong - e vogliamo più democrazia". Alcuni studenti, sfiniti dopo le due notti passati nelle strade della città e gli scontri con gli agenti, hanno preso sonno al riparo dei centri commerciali di Central. Altri distribuivano generi di conforto e salviette umidificate contro il gran caldo di oggi.

 

Il movimento che da ieri si allarga ad altre vie della zona centrale dell'ex colonia britannica, ha già un nome semi-ufficiale, "The Umbrella Revolution" con loghi già visibili on line e diffusi dai media di Hong Kong: gli ombrelli sono stati usati ieri e sabato scorso dai manifestanti per coprire il volto dal lancio dei lacrimogeni e dagli spruzzi di spray al peperoncino. Intanto, le proteste hanno già prodotto i primi effetti sulle commemorazioni della Festa Nazionale Cinese del 1 ottobre prossimo: secondo gli ultimi aggiornamenti ufficiali, Hong Kong ha cancellato uno spettacolo di fuochi d'artificio a Victoria Harbour, per celebrare i 65 anni dalla nascita della Repubblica Popolare Cinese, in programma per mercoledì prossimo.

 

29 settembre 2014


DILAGA PROTESTA ANTI-PECHINO A HK,
MIGLIAIA DI MANIFESTANTI PER LE STRADE

 

Hong Kong, 29 set. - Sfidando il rischio di raffiche di gas lacrimogeni e i manganelli, migliaia di manifestanti continuano le loro protesta a Hong Kong. E dopo gli scontri del week end, che sono proseguiti anche nella notte, sono tornati in strada. Il nodo sono le elezioni del 2017 per la nomina del nuovo capo esecutivo di quella che  dovrebbe essere una regione autonoma sul principio "una Cina due sistemi" secondo la formula ideata al momento del ritorno alla Cina dell'ex colonia britannica. I manifestanti chiedono elezioni democratiche, ma Pechino non sembra disposta a voler rinunciare a valutare i candidati alla guida amministrativa della citta' e scartare quelli che considera indegni, prima di procedere all'elezione.

 

 GUARDA LA GALLERIA FOTOGRAFICA

 

I manifestanti mantengono il controllo di almeno tre grandi arterie della citta', il che rende difficile il movimento ai pendolari che vanno a lavoro, anche se molte scuole e aziende sono rimaste chiuse. Nella notte il capo dell'esecutivo, Leung Chun-ying ha annunciato il ritiro dalle strade degli agenti anti-sommossa e ha chiesto comunque alla gente di abbandonare la protesta; e ha anche smentito le voci circolanti sui social media, che l'esecutivo pensa di chiedere aiuto all'Esercito di Liberazione del Popolo, che stazione in una guarnigione in Cina.


Ma la leadership del movimento protestatario non sembra intenzionata a recedere: "Chiunque abbia una coscienza dovrebbe vergognarsi di essere associato a un governo che e' cosi' indifferente all'opinione pubbliche", si legge in un comunicato diffuso oggi da Occupy. I manifestanti chiedono a Leung di dimettersi e che Pechino modifichi la decisione, presa il mese scorso, di voler mantenere il controllo sulle elezioni del 2017, tramite un comitato di 'fedelissimi' che supervisioni le candidature.


Con un comunicato posto sul suo sito web, l'esecutivo aveva reso noto stanotte che "poiche' i dimostranti in strada si sono calmati, la polizia anti-sommossa e' stata ritirata". La nota invitava i manifestanti anche a rinunciare ad occupare le strade "in modo che nel piu' breve tempo possibile i veicoli di emergenza possano passare e venga ripristinato parzialmente il servizio di trasporto pubblico". Nel weekend la polizia ha usato spray urticanti, gas lacrimogeni e manganelli per caricare le migliaia di studenti che chiedono l'avvio della democrazia. "Hong Kong e' la nostra citta' e vogliamo tutti che essa possa svilupparsi in modo rispettoso della legge", ha dichiarato Cy Leung, smentendo l'uso di proiettili da parte della polizia.
Alle voci di manifestanti si sono aggiunte anche quelle di due dissidenti cinesi in esilio, Wang Dan e Wuer Kaixi, che erano stati tra i leader del movimento filodemocratico studentesco di Tiananmen, nel 1989,e che  hanno espresso appoggio alle proteste. "Anche se abbiamo storie diverse, ci unisce con i nostri amici di Hong Kong la difesa della liberta' e della democrazia", ha dichiarato Wuer Kaixi, dinanzi a un gruppo di manifestanti che si e' raccolto nella notte a Piazza della Liberta', a Taipei.

I principali leader del movimento studentesco del marzo 2014, che occupo' il parlamento di Taiwan in segno di protesta per la mancanza di trasparenza negli accordi con la Cina, Lin Fei-fan, Chen Wei-ting y Huang Kuo-chang, hanno aggiunto che il meccanismo "un Paese, due sistemi" e' fallito a Hong Kong. Huang ha rivolto un appello a Taiwan e alla comunita' internazionale perche' inviino un messaggio chiaro a Pechino affinche' "non soffochi la democrazia a Hong Kong".


Sempre nella giornata di ieri anche il cardinale Joseph Zen (arcivescovo di Hong Kong fino al 2009) e il leader della protesta Occupy Central, Chan Kin-man hanno chiesto alle migliaia di manifestanti che protestano contro Pechino, di ritirarsi. Kin-man ha detto: "E' una questione di vita o di morte e noi poniamo la sicurezza della gente al primo posto,. Ritirarsi non significa arrendersi...continueremo la lotta".
Il cardinale Zen, in prima fila con gli organizzatori della protesta, ha esortato tutti a tornare a casa: "E' molto chiaro che non ci puo' essere alcun dialogo con questo regime. Non vogliamo che nessun si faccia male. Una vittoria che richieda il sacrifico di vite non e' una vittoria".


A Pechino la linea è stata chiara: il governo cinese non tollerera' alcun genere di "comportamenti illegali" a Hong Kong. L'avvertimento ai manifestanti che chiedono l'avvio della democrazia e lo svolgimento di libere elezioni e' arrivato sabato.
 In precedenza il leader di Hong Kong, Leung Chun-ying, aveva promesso a breve un nuovo round di colloqui sulla riforma elettorale, durante una conferenza stampa tenutasi nella sede del governo dell'isola, e ha chiesto ai cittadini non prendere parte a "proteste illegali".

Intanto le agitazioni si ripercuotono sui mercati con la borsa di Hong Kong ha risentito pesantemente degli scontri tra manifestanti pro-democrazia e polizia nell'ex colonia britannica, mentre i mercati cinesi sono sembrati non influenzati dalle proteste. A mezzogiorno l'indice Hang Seng aveva ceduto l'1,9% scendendo a 23.218,64. Mentre il CSI300 che comprende i maggiori titoli di Shanghai e Shenzhen, era cresciuto dello 0,4 per cento.

 

20 settembre 2014

 

ALTRI ARTICOLI

 

MANOVRE NAVALI NEL GOLFO PERSICONo controllo totale Usa

 

AGENZIA XINHUA LANCIA "APP" SU EUROPA  

 

STRAGE DI BIMBI, ACCOLTELLATI MENTRE ANDAVANO A SCUOLA

 

XINJIANG ALMENO 50 MORTI
NELL'ATTENTATO DI DOMENICA SCORSA
 

 

TIMORE ISIS: VARATE PRIME NORMATIVE ANTI-TERRORISMO

 

PECHINO RESPINGE CRITICHE UE SU CONDANNA TOTHI

 

WSJ: ZHOU XIAOCHUAN PRESTO VIA DA BANCA CENTRALE

 

AI WEIWEI, LE INSALLAZIONI IN MOSTRA AD ALCATRAZ


CINA ALL'ONU, OGNI SFORZO POSSIBILE PER RIDURRE LE EMISSIONI

 

COMENCINI A PECHINO, DONNE E IL "DOPPIO LINGUAGGIO"

 

AL VIA PROCESSO A LIU TIENAN

 

TEMPI D'ORO A PECHINO

 

PMI IN CRESCITA A SETTEMBRE PER HSBC

 

ERGASTOLO PER ILHAM TOHTI, UE CONDANNA LA CINA

 

IL PADRE DI ALIBABA E' L'UOMO PIU' RICCO DELLA CINA

 

AMNESTY: AUMENTANO STRUMENTI DI TORTURA DA CINA

 

LOU JIWEI: CRESCITA STABILE, NO A ULTERIORI STIMOLI


CINA SUPERA UE PER EMISSIONI PROCAPITE

 

ESPLOSIONI NELLO XINJIANG, 2 MORTI E DIVERSI FERITI


ENERGIA, DAGONG: PIU' OPPORTUNITA' D'INVESTIMENTO IN RETI UE

 

KRIZIA CONSERVERA' IDENTITA' ITALIANA

 

ALIBABA, DEBUTTO A WALL STREET IPO PIU' ALTA DELLA STORIA

 

DEBUTTO RECORD A WALL STREET PER ALIBABA

 

XI JINPING IN INDIA, FIRMATI 12 ACCORDI

 

TIFONE KALMAEGI COLPISCE LO YUNNAN, 395 INTRAPPOLATI

 

PBoC IMMETTE 500 MLD YUAN IN GRANDI BANCHE

 

POSSIBILE VISITA DI KIM JONG UN IN CINA


IL CONFUCIO COMPIE 10 ANNI, A ROMA UNA SERIE DI EVENTI

 

XI NELLE MALDIVE: MODERNA "VIA DELLA SETA MARITTIMA" PER UNIRE EUROPA ASIA E CINA

 

FTZ SHANGHAI, A UN ANNO DELUSE LE ASPETTATIVE

 

CHATTARE SENZA SCONTRARSI, CORSIA PER MALATI DA SMARTPHONE

 

ESODO DI MILIARDI CINESI ENTRO 5 ANNI

 

ATTENTATO DI KUNMING, AL VIA PROCESSO


PECHINO SVELA NUOVO SISTEMA MISSILISTICO

 

XI JINPING: "NECESSARIO DIALOGO IN UCRAINA"

 

EX ALLEATO DI ZHOU YONGKANG ESPULSO DAL PCC

 

DAVOS: PREMIER LI DELUDE I DELEGATI

 

AL VIA I LAVORI DEL FORUM DI DAVOS A TIANJIN

 

ALLO STUDIO UN'APP ANTI-SUICIDIO

 

TERMINA VISITA RICE, POLEMICHE SU SORVEGLIANZA MARITTIMA

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci