Politica internazionale

Politica internazionale

CINA ALL'ONU: I "QUATTRO NO" NELLA COOPERAZIONE

CINA ALL ONU: I  QUATTRO NO  NELLA COOPERAZIONE


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest



Pechino, 24 feb. - Pace cooperazione, giustizia e approccio win-win nelle relazioni internazionali. Sono i quattro capisaldi della Cina elencati ieri dal ministro degli Esteri cinese, Wang Yi, durante un incontro speciale dei rappresentanti dei Paesi membri del Consiglio di Sicurezza dell'Onu al Palazzo di Vetro a New York. L'incontro è stato presieduto dalla Cina, che ha la presidenza di turno del Consiglio. Al meeting era presente anche il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, che ha avuto toni forti nei confronti della presenza dei Paesi occidentali presenti nelle varie aree di conflitto al mondo, dichiarando che gli interventi in alcuni degli scenari di crisi degli ultimi anni, tra cui Libia, Siria e Iraq rappresentano "il tentativo di dominare gli affari globali" da parte dell'Occidente.

Il ministro degli Esteri cinese ha poi spiegato i quattro no delle relazioni internazionali, secondo la visione del gigante asiatico. La Cina, ha spiegato Wang Yi, nel suo discorso, si oppone ai conflitti, agli scontri, ai tentativi egemonici e all'approccio "a somma zero" nella gestione delle relazioni internazionali. Wang ha invocato il rispetto dei principi dello statuto delle Nazioni Unite, dell'Onu stessa e del Consiglio di Sicurezza per evitare la degenerazione delle situazioni di conflitto. "Nella visione cinese - ha spiegato Wang - ogni mossa unilaterale che scavalchi il Consiglio di Sicurezza è illegale e illegittima". Wang Yi ha poi sottolineato l'opposizione della Cina alla "vecchia mentalità" del confronto. "Non solo dobbiamo rimanere legati allo spirito della carta dell'Onu - ha continuato Wang - ma dobbiamo anche agire seguendo le tendenze dei tempi in linea con i bisogni pratici per creare una nuova dimensione della carta che porti nuova vitalità e dinamismo". Wang ha infine ribadito il principio, caro ai vertici cinesi, di "non interferenza negli affari interni e il rispetto della sovranità territoriale".

Il ministro degli Esteri cinese si è poi incontrato con il suo omologo russo margine del vertice, con cui ha discusso della cooperazione bilaterale tra i due Paesi. Mosca e Pechino, ha sottolineato Wang, dovrebbero lavorare in sintonia con la comunità internazionale e collaborare per le celebrazioni del settantesimo anniversario dalla fine della seconda Guerra Mondiale. Wang Yi aveva lamentato, durante il discorso, il tentativo di "capovolgere e coprire i passati crimini dell'aggressione" durante il conflitto, rivolgendosi indirettamente al Giappone. Assieme al segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, Wang Yi ha poi discusso dei temi della pace della sicurezza. Durante il suo discorso al meeting, Ban Ki-moon ha parlato dello statuto dell'Onu  e ha poi sottolineato il ruolo della Nazioni Unite nei settanta anni di storia segnati dal successo nel prevenire un nuovo conflitto mondiale all'indomani della fine del secondo, sottolineando che i conflitti armati che ci sono stati in questi ultimi anni "sarebbero stati sicuramente più sanguinosi senza le Nazioni Unite".

 

24 febbraio 2015

 

ALTRI ARTICOLI

 

VIA DELLA SETA, TERMINATO VIAGGIO INAUGURALE 

 

PROTESTA CONTRO INDIA PER VISITA DI MODI IN ARUNACHAL PRADESH  

 

DUE CINESI NELLE PRESELEZIONI PER COLOZZINARE MARTE  

 

RIFORME FINANZIARIE ANCORA LENTE PER BANCHE STRANIERE

 

LA GRECIA SI ALLONTANA DALL'UE PECHINO STRIZZA L'OCCHIO AD ATENE


TERRORISMO, AL JAZEERA: CINA AL LAVORO PER RIMPATRIO UIGHURI


MAR CINESE MERIDIONALE: TRA PROVE DI DISGELO E CACCIA AL GREGGIO

 

GALA DI CAPODANNO, POLEMICA SU SKETCH ANTI-CORRUZIONE

 

WSJ: ALLO STUDIO FUSIONE TRA I GIGANTI DELL'ENERGIA

 

AL VIA ESERCITAZIONI NAVALI CONGIUNTE CON GRECIA

 

DAL SOCHUAX AL MILANO, LA CINA PUNTA AL CALCIO EUROPEO

 

ANNO DELLA CAPRA, IL PRIMO DELLA "NUOVA NORMALITA'"

MIGLIAIA DI PROFUGHI BIRMANI NELLO YUNNAN, ALLERTA A PECHINO


NDRC CHIEDE CRESCITA AL 6,5% FINO AL 2020

 

RFC: KAMIKAZE NELLO XINJIANG FA 7 MORTI

 

WANG YI IN IRAN, "SPRINT FINALE" SU NUCLEARE

 

MILITARI IN SOVRAPPESO A RISCHIO DEGRADAZIONE


DA PBoC FONDO PER LA VIA DELLA SETA

 

RIFORME: CRESCITA RALLENTATA, MA DI QUALITA'

 

CINA PERDE PRIMATO SU CONSUMO DI ORO, SORPASSO DELL'INDIA

 

CINA VERSO UNA POLITICA MONETARIA ESPANSIVA

 

XI JINPING IN USA A SETTEMBRE
Cybersicurezza e nucleare in cima all'agenda

 

PECHINO SMENTISCE ATENE, NON ABBIAMO OFFERTO AIUTI

 

TAIWAN: SI DIMETTE MINISTRO AFFARI CON CINA

 

BANCA CENTRALE OTTIMISTA SU ECONOMIA PIU' SOSTENIBILE

 

VIA DELLA SETA MARITTIMA: AL VIA VIAGGIO INAUGURALE


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci