Politica internazionale

Politica internazionale

CASO ATTACCO SONY PICTURES, CINA:
"NO A OGNI FORMA DI CYBERTERRORISMO"

CASO ATTACCO SONY PICTURES, CINA: <br /> NO A OGNI FORMA DI CYBERTERRORISMO


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 22 dic. - La Cina si oppone a ogni forma di cyber-terrorismo, sia commesso da Stati che da singoli individui. Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri di Pechino, Wang Yi, in un colloquio telefonico con il segretario di Stato degli Stati Uniti, John Kerry, nelle scorse ore. "La Cina si oppone a ogni Paese o individuo che usa strutture di un altro Paese per rivolgere cyber-attacchi contro un Paese terzo", ha spiegato Wang Yi, che non ha menzionato direttamente la Corea del Nord, accusata di essere dietro l'attacco informatico al film satirico della Sony Pictrues Entertainment, "The interview", che vede al centro il dittatore nord-coreano, Kim Jong-un. Durante la telefonata, il ministro degli Esteri cinese ha poi sottolineato i "significativi e proficui" risultati raggiunti dai due Paesi durnate l'incontro tra i due presidenti avvenuto a Pechino, il mese scorso, a margine del vertice dei leader dei Paesi Apec.

Venerdì scorso, in un'intervista alla CNN, Obama aveva spiegato di non ritenere un atto di guerra l'attacco informatico alla Sony Pictures per bloccare l'uscita di "The Interview", ridimensionando l'episodio a un fatto criminale. "Penso si tratti di un atto di cyber-vandalismo molto costoso - aveva dichiarato il presidente degli Stati Uniti - Lo prendiamo molto sul serio. Risponderemo in maniera appropriata". Una delle opzioni comprende il re-inserimento della Corea del Nord nella lista degli Stati sponsor del terrorismo, da cui era stata depennata sei anni fa, dopo i primi progressi nei colloqui a sei sul disarmo nucleare di Pyongyang. La Corea del Nord aveva risposto dichiarandosi estranea all'attacco informatico, ma promettendo di rispondere a un'eventuale controffensiva statunitense prendendo di mira le istituzioni come la Casa Bianca e il Pentagono e gli Stati Uniti in generale. "Non sappiamo chi siano" i pirati informatici, scrive in un editoriale l'agenzia di stampa nord-coreana KCNA, "ma si tratta sicuramente di sostenitori e simpatizzanti della DPRK", la Repubblica Democratica Popolare di Corea, con capitale Pyongyang.

La replica di Wang Yi arriva dopo che nei giorni scorsi, il quotidiano Global Times aveva utilizzato toni molto duri nei confronti del film satirico, spiegando in un editoriale che "non c'è nulla di cui andare fieri" per Hollywood in un film che ironizza sul presidente della Corea del Nord. Il giornale cinese in lingua inglese incolpava gli Stati Uniti di "colpire i leader di altri Paesi solo perché sono liberi di criticare o di ridicolizzare i loro stessi leader". Tra i Paesi bersaglio dell'ironia statunitense, il quotidiano segnala proprio la Corea del Nord, oltre all'ex Unione Sovietica e all'Iran. "In alcune occasioni - continuava il quotidiano - anche la Cina è ritratta negativamente. Ora che il mercato cinese è diventato una miniera d'oro per i film americani, Hollywood ha cominciato a mostrare un volto più amichevole, per attrarre un numero maggiore di spettatori cinesi".

Solidarietà alla posizione statunitense è arrivata anche dal Giappone, che ha condannato il cyber-attacco, ma che non ha menzionato direttamente la Corea del Nord come mandante diretto. Il Giappone, tramite il segretario di Gabinetto Yoshihide Suga, ha ribadito la vicinanza agli Stati Uniti e il sostegno alla gestione del caso, senza citare direttamente Pyongyang. L'accusa diretta alla Corea del Nord è stata la prima per un caso di cyber-attacco agli Usa. Lo spionaggio informatico è anche una delle maggiori preoccupazioni di Seul, nei rapporti con il vicino. Nella giornata di ieri, la Corea del Sud ha lamentato attacchi informatici nei confronti dei server di un impianto nucleare, anche se i dati sottratti dai pirati informatici non sono considerati critici e non ci sono rischi per le installazioni nucleari o per i reattori.

 

 

22 dicembre 2014

 

ALTRI ARTICOLI

 

IL RUOLO DELLA CINA NELLA CRISI DEL RUBLO

 

CINA RIVEDE PIL 2013 IN AUMENTO DEL 3.4%

 

OMOSESSUALITA' NON E' MALATTIA, DA PECHINO SENTENZA STORICA

 

WASHINGTON RIARMA TAIWAN, CINA PROTESTA FORMALMENTE

 

CINA SPERA IN FINE EMBARGO A CUBA DOPO RIPRESA RELAZIONI BILATERALI  

 

ECFR: FUTURO RIFORME SI GIOCA SU RIVALITA' TRA GRUPPI  

 

BIMBO CHIEDE A XI DI DIMAGRIRE, LETTERA CENSURATA

 

LI IN SERBIA, FONDO DA 3 MILIARDI PER INVESTIMENTI IN EUROPA DELL'EST

 

CORRUZIONE, 20 ANNI ALL'AMANTE DELL'EX MINISTRO FERROVIE

 

CINA, BAIDU INVESTIRA' IN UBER

 

TIBETANO SI IMMOLA PER PROTESTA CONTRO PECHINO, E' 134MO

 

SORPASSO CINA-USA, I TRANELLI DEL PIL CINESE

 

NE' MATRIMONI, NE' FUNERALI, DA PECHINO STRETTA SULL'INNO

 

PECHINO AMMETTE, NEL 1996 GIUSTIZIATO RAGAZZO INNOCENTE

 

DALAI LAMA, CAPISCO CHE IL PAPA NON MI ABBIA RICEVUTO

 

BANCHE CINESI PUNTANO A EUROPA, MPS FRA I TARGET


AL VIA NUOVE FZT A TIANJIN, NEL GUANGDONG E NEL FUJIAN

 

DALAI LAMA, CAPISCO CHE IL PAPA NON MI ABBIA RICEVUTO


LA NUOVA NORMALITA' DI XI JINPING


INVESTIGATORI ANTI-CORRUZIONE ANCHE NEL PCC E IN PARLAMENTO


VEZZOLI PER LA PRIMA VOLTA A SHANGHAI CON VIDEO ANTICHITA'

 

HONG KONG TORNA ALLA NORMALITA' DOPO 74 GIORNI DI OCCUPY

 

LI: IN FUTURO ECONOMI A VELOCITA' MEDIO-ALTA

 

LIMA, PECHINO VUOLE LOTTA A CAMBIAMENTO CLIMATICO

 

INTERNET: MEDIA IN CRISI, STAMPA PUNTA AL MULTIMEDIALE

 

HK: OCCUPY, POLIZIA SMANTELLA ULTIMO SITO, 10 GLI ARRESTI

 

HONG KONG: POLIZIA SMANTELLA ULTIMO SITO OCCUPY, 6 ARRESTI

 

DALAI LAMA A ROMA DAL 12 AL 14 DICEMBRE,
SEGUACI CULTO SHUGDEN LO CONTESTERANNO

 

CORRUZIONE: ERGASTOLO ALL'EX NUMERO DUE DI NDRC

 

EMISSIONI RECORD PER OLTRE 1000 IMPRESE

 

DAGONG EUROPE: MANDARIN CEDE 40% A DAGONG GLOBAL

 

IL PCC SERRA I RANGHI SUL CASO ZHOU YONGKANG

 

DIRITTI UMANI: CINA A UE "FELICE L'85% DEI CINESI"

 

CROLLA BORSA SHANGHAI, IN CHIUSURA PERDE IL 5,43%

 

LEADER RIUNITI PER TRACCIARE LE LINEE ECONOMICHE 2015

 

XI: MODERNIZZARE ARMAMENTI PER RINNOVARE LA CINA

 

CINA-GIAPPONE: DOPO 3 ANNI LI INCONTRA COMITATO AMICIZIA

 

LIMA: PECHINO CONTRO FONDO CLIMA, BACCHETTA AUSTRALIA

 

ZUMA A PECHINO: FIRMATI ACCORDI SU ENERGIA E COMMERCIO

 

OBAMA SU XI: ASCESA RAPIDA, MA PREOCCUPANTE

 

OLTRE CENTRO MILIONI DI TURISTI CINESI ALL'ESTERO

 

CINA RIBADISCE OPPOSIZIONE A INTERFERENZE STRANIERE

 

PRIMA GIORNATA DELLA COSTITUZIONE, XI JINPING PROMUOVE SPIRITO COSTITUZIONALE

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci