Politica internazionale

Politica internazionale

Altri 4 cinesi uccisi
in proteste anti-Pechino

Altri 4 cinesi uccisi <br />
in proteste anti-Pechino


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 21 mag. - Ci sono altre quattro vittime cinesi per le proteste avvenute settimana scorsa in 22 province del Vietnam, oltre alle due già accertate dal governo di Pechino. Il gruppo Metallurgical Corporation of China (MCC) che opera come contractor per il gruppo di Taiwan Formosa Plastic Group, ha reso noto, ieri, in un comunicato, che quattro suoi operai sono rimasti uccisi durante le proteste e che altri 126 sono rimasti feriti, 23 dei quali si trovano ancora in gravi condizioni. Formosa Plastic Group aveva lamentato già dalle prime ore dopo le proteste di essere stato uno dei gruppi maggiormente danneggiati dalle contestazioni. Le proteste anti-cinesi in Vietnam erano cominciate all'indomani della decisione di Pechino di istituire una piattaforma petrolifera vicino alle isole Paracel, contese proprio con il Vietnam, e a poche miglia nautiche dalle coste di Hanoi.

 

Molti dei dipendenti della MCC sono già stati evacuati dal Paese, scriveva oggi l'agenzia Xinhua. Finora sono circa 6500 i cittadini cinesi che sono stati rimpatriati dopo l'ondata di proteste. Gli ultimi 3500 sono tornati in patria a bordo di quattro navi messe a disposizione dal governo di Pechino, mentre altri tremila erano tornati in territorio cinese già durante lo scorso fine settimana. Oltre 1600 sarebbero invece i cinesi che hanno scelto di varcare il confine con la Cambogia via terra, per sfuggire alla rabbia dei manifestanti. Non esiste ancora una stima dei danni economici alle imprese cinesi presenti in Vietnam, anche se le autorità di Pechino li ritengono ingenti, per via dei molti stabilimenti presenti nell'area di Ha Tinh, una delle zone dove maggiormente si è concentrata la rabbia dei manifestanti.

 

Nonostante le manifestazioni abbiano provocato la rabbia del governo cinese, che ha deciso di sospendere parte dei progetti di cooperazione bilaterale con Hanoi, proprio oggi, da Shanghai, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito la volontà di Pechino di risolvere pacificamente le dispute territoriali che la Cina ha attualmente con altri Paesi. Pechino ha in corso diverse dispute di sovranità territoriale, come quelle con Vietnam e Filippine per alcuni territori nel Mare Cinese Meridionale, o quella con il Giappone per le isole Senkaku, che la Cina chiama Diaoyu, nel Mare Cinese Orientale. Il presidente cinese si trova a Shanghai per prendere parte al quarto summit della CICA - Conference on Interaction  and Confidence Building Measures in Asia - sulla sicurezza asiatica.


21 maggio 2014

 

LEGGI ANCHE:


VIETNAM, EVACUATI 4MILA CINESI


MINISTRO ESTERI TELEFONA A OMOLOGO VIETNAMITA,
DURA CONDANNA DI PECHINO ALLE VIOLENZE 

 

PROTESTE IN VIETNAM, ALMENO 2 MORTI CINESI
Pechino: Hanoi "connivente" con violenze


PROTESTE IN VIETNAM, INCENDIATE 15 FABBRICHE CINESI

 

ALTRI ARTICOLI

 

 

USA-CINA: ACCUSE DI CYBERSPIONAGGIO

 

PRESTO VIA LIBERA DI BOND DALLE AMMINISTRAZIONI LOCALI

 

MINISTRO ESTERI TELEFONA A OMOLOGO VIETNAMITA,
DURA CONDANNA DI PECHINO ALLE VIOLENZE

 

BAD LOAND AL LIVELLO PIU' ALTO DAL 2015

 

PROTESTE IN VIETNAM, ALMENO 2 MORTI CINESI

Pechino: Hanoi "connivente" con violenze

 

PROTESTE IN VIETNAM, INCENDIATE 15 FABBRICHE CINESI

 

SEPARATISTI UIGURI RIVENDICANO ATTENTATO A URUMQI

 

NAPOLI E TIANJIN INSIEME PER LA DESIGN WEEK

 

ISTITUTO DI CULTURA IN CINA ALLO STUDIO DI ONLY ITALIA

 

NASCE L'INDICE DELL'ARMONIA SOCIALE NELLE CAMPAGNE

 

GSK, CONFERMATA L'ACCUSA DI TANGENTI

 

SETTORE BANCARIO OMBRA VALE 4.400 MLD DI DOLLARI

 

DETENUTO PER FALSE NOTIZIO SUL SITO BOXUN


DISORDINI PER PROTESTE INCENERITORE, 60 GLI ARRESTI

 


PECHINO: USA I PROVOCATORI DEL MAR CINESE MERIDIONALE

 

PECHINO RALLENTA SHOPPING DEI GIGANTI ENERGETICI

 

OPERAZIONE SICUREZZA A PECHINO FORZE ANTI-TERRORISMO

 

XINJIANG: OLTRE 200 ARRESTI IN SEI SETTIMANE

 

PRINCIPI ROSSI CHIEDONO IL RILASCIO DI LIU XIAOBO

 

ASEAN: ALLARME SU CONTESE NEL MARE CINESE MERIDIONALE

 

CRESCITA ECONOMICA, XI: “CINA ALLA RICERCA DI NUOVA NORMALITA'”


INTERVISTA AL CONSOLE DI SHANGHAI STEFANO BELTRAME

 

PECHINO PENSA A FERROVIA ALTA VELOCITA' CINA-USA

 

CINA BLOCCA NOAH PER RISPETTO A MUSULMANI

 

XINJIANG, CINQUE CONDANNE PER SEPARATISMO

 

ANSALDO ENERGIA: SHANGHAI ELECTRIC
COMPRA 40% PER 400 MILIONI

 

"HA RIVELATO SEGRETI DI STATO", ARRESTATA CELEBRE ATTIVISTA

 

EXPORT RIPRENDE VIGORE AD APRILE E SALE +0,9%


ALLARME SMOG, E I CINESI PENSANO IN VERDE

In Cina più ambientalisti di Usa e Ue

 

FILIPPINE SEQUESTRANO PESCHERECCIO CINESE

 

ALIBABA PUNTA A WALL STREET, IPO DA 1 MILIARDO DI DOLLARI

 

INTERNET: BIBBIA BATTE LIBRETTO ROSSO, PAPA SUPERA PREMIER

 

ATTACCO A CANTON, PER LA POLIZIA UN SOLO ASSALITORE

 

NEL 2013 SPESO LO 0,91% DEL PIL IN PRODOTTI DI LUSSO

 

STAMPA CONTRO VIETNAM PER AZIONI IN ACQUE CONTESE

 

LA CINA E' VICINA, IL LIBRO DI VINCENZO COMITO

 

PREMIER LI IN ETIOPIA, "ALL'AFRICA PRESTITI PER OLTRE 10 MILIARDI"

 

MANIFATTURIERO ANCORA IN CALO AD APRILE

 

TAGLIA DI 100MILA YUAN SU ATTENTATORI URUMQI

 

CINA PRONTA A SORPASSO USA, PRIMA ECONOMIA MONDO GIA' NEL 2014

 

MERCATO CARBONIO, PECHINO ESTENDE PROGETTO PILOTA

 

TEHERAN ANNULLA CONTRATTO DA 2.5 MLD DI DOLLARI CON CINA

 

PRESIDENTE XI, PUGNO DI FERRO DOPO ATTENTATO URUMQI

 

IL LUNGO SCIOPERO DELLA YUE YUEN

 


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci