Politica internazionale

Politica internazionale

AIIB: NESSUN VETO POLITICO DALLA CINA

AIIB: NESSUN VETO POLITICO DALLA CINA


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 9 giu. - Quale sarà il ruolo della Cina nella nuova banca di sviluppo infrastrutturale asiatica e quale atteggiamento avrà Pechino all'interno del nuovo soggetto finanziario che dovrebbe nascere entro fine anno, sono due temi di cui discutono da mesi economisti ed esperti. La domanda che in molti si pongono è se la Cina avrà o meno un potere di veto all'interno della Asian Infrastructure Investment Bank, da cui sono assenti Stati Uniti e Giappone, rispettivamente la prima e la terza economia del pianeta. Dopo l'ultima riunione dei 57 Paesi membri a Singapore, il mese scorso, Pechino emerge come il principale azionista del nuovo soggetto finanziario, con una percentuale compresa tra il 25% e il 30%, corrispondente alla quota di fondi versati, trenta dei cento miliardi di dollari del capitale iniziale dell'Aiib. Il ruolo di Pechino potrebbe, però, essere ben superiore alla quota che detiene.

Secondo alcune fonti vicine al board del nuovo organismo finanziario sentite dal Wall Street Journal, Pechino avrebbe un sostanziale potere di veto all'interno dell'Aiib grazie al fatto di essere il principale azionista e grazie alle regole di voto che la metterebbero in vantaggio sugli altri Paesi. Quello cinese "è un veto su decisioni importanti: non è un veto operativo - spiega ad Agichina Michele Geraci, direttore del China Economic Research Program, presso la Nottingham University Business School China, e direttore del Global Policy Institute China - Riguarderà eventuali ristrutturazioni della banca o il cambiamento degli articoli di associazione della banca, ma non riguarderà gli investimenti. Non è un veto politico che la Cina può usare, per esempio, con Paesi concorrenti, come il Vietnam". La posizione cinese all'interno del nuovo soggetto finanziario è proporzionata agli sforzi fatti da Pechino finora. "La Cina ha una porzione ampia di voto perché mette più soldi degli altri, quindi la mia prima risposta è che il potere della Cina corrisponde all'incirca all'ammontare economico che versa, in base ai canoni di corporate governance".

Il nuovo soggetto finanziario fa da tempo discutere i vertici dell'economia mondiale, e mette, almeno in parte, in ombra il ruolo di Washington nel panorama economico mondiale. La scorsa settimana l'ex governatore della Federal Reserve, Ben Bernanke, impegnato di recente in un giro di conferenze in Asia orientale, aveva rimproverato l'atteggiamento statunitense di chiusura nei confronti del nuovo soggetto finanziario asiatico. La Cina chiede da tempo maggiore voce per i Paesi in via di sviluppo - come essa stessa si classifica - all'interno delle istituzioni finanziarie mondiali, e la nascita della Aiib avrà tra i suoi scopi quello di "colmare un vuoto di interventi", spiega ancora Geraci, lasciato dai principali istituti finanziari regionali asiatici, come la Asian Development Bank e la Banca Mondiale. "Bisogna poi sottolineare che le offerte per i progetti sono aperte a tutti, non solo ai membri della banca - continua l'economista - Per esempio anche uno Stato come l'Argentina potrebbe concorrere con alcuni progetti e lo sviluppo di questi progetti sarà deciso dai Paesi membri dove la Cina inciderà con la sua quota ma non con un veto, perché il veto si applica solo a questioni di natura strutturale, non sui singoli progetti".

Tra i dubbi che permangono tra gli analisti ci sono quelli relativi alla trasparenza della governance, ma per la Cina la nuova banca di investimenti in infrastrutture rappresenterà anche un importante esperimento di soft power. Pechino "è sotto scrutinio e sarà più controllata di quanto lo siano stati gli Stati Uniti in passato. Il risultato - prevede in conclusione Geraci -  potrebbe essere in media uguale o anche migliore rispetto a quello ottenuto dagli Usa nelle istituzioni finanziarie dove Washington è presente con quote importanti".

 

09 giugno 2015

 

 

ALTRI ARTICOLI

 

EXPORT ANCORA IN CALO PER LA CINA, SCIVOLONE IMPORT

 

ANALISTI: PICCO EMISSIONI IN CINA PRIMA DEL PREVISTO

 

VICE PREMIER ALL'EXPO PER GIORNATA NZIONALE DELLA CINA

 

YANGTZE: 434 MORTI, TEST DNA PER RICONOSCIMENTO VITTIME

 

CINA A USA: ABBASSATE I TONI SUL MAR CINESE

 

YANGTZE: RECUPERATI 97 CORPI, 435 'DISPERSI'

 

HACKER ATTACCANO PC USA: PECHINO, ACCUSE IRRESPONSABILI

 

CINA RIVEDE AL RIBASSO STIME CONSUMI SU PIL 2014

 

TRAGHETTO AFFONDATO, OLTRE 400 DISPERSI
Familiari furiosi con le autorità


AL VIA I TAGLI ALLE TASSE SU IMPORT BENI DI CONSUMO


CINA E COREA DEL SUD FIRMANO TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO

 

NAVE AFFONDA NELLO YANGTZE "ANCORA PERSONE VIVE A BORDO"


CINA: 200 STUDENTI ROMANI ALLA SCOPERTA DI LINGUA E CULTURA

 

CINA: DA OGGI E' VIETATO FUMARE IN PUBBLICO A PECHINO

 

ISOLE CONTESE: CINA RIFIUTA DI SOSPENDERE LAVORI

 

XI JINPING: 13ESIMO PIANO QUINQUENNALE "CRUCIALE" PER LO SVILUPPO DELLA CINA 

 

CINA INVESTE 900 MLD DLR SULLA VIA DELLA SETA 

 

MERS, DONNA RICOVERATA A HONG KONG: PRIMO CASO ACCERTATO IN CINA

 

DALLA CINA 900 MILIARDI DI DOLLARI DI INVESTIMENTI SU VIA DELLA SETA 

 

XI JINPING CHIEDE PIANO B PER RISERVE GREGGIO

 

FIFA: ANCHE DA HONG KONG PASSAVA CORRUZIONE CALCIO MONDIALE   

 

SOTTO INDAGINE SEC  35 ALTI FUNZIONARI CINESI

 

SWIFT, YUAN VALUTA PIU' USATA NEI PAGAMENTI IN ASIA-PACIFICO

 

INCENDIO IN CASA DI RIPOSO, 12 ARRESTI

 

ISOLE CONTESE, CINA AL CONTRATTACCO ESTENDE AL "MARE APERTO" PROTEZIONE MARITTIMA

 

CORRUZIONE, VISITA IN CARCERE 70 FUNIONARI COME MONITO

 

NIENTE TARGHE ALTERNE PER AUTO ELETTRICHE PECHINO

 

ITALIA-CINA: GUIDI, NOSTRO PAESE PONTE LOGISTICO PRIVILEGIATO

 

CINA,TERROSISMO: ELIMINATE 181 CELLULE IN UN ANNO IN XINJIANG

 

CORRUZIONE, VISITA IN CARCERE 70 FUNZIONARI COME MONITO

 

CANNES: PREMIO PER LA REGIA AL TAIWANESE HOUW HSIAO-HSIEN

 

CINA: AIIB OPERATIVA ENTRO FINE 2015

 

HP CEDE 51% ALLA CINESE TSINGHUA, NASCE H3C

 

DOPO IKL BRASILE, LI IN COLOMBIA SUL TAVOLO LE INFRASTRUTTURE

 

ARTISTA ZHOU YI ALL'EXPO CON UN VIDEO

 

CINESI "MALE IN ITALIA", LINGUA,
RIMPIANTI E PREGIUDIZI TRA LE CAUSE

 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci