Politica internazionale

Politica internazionale

Davos: Xi, non si puo' scappare da globalizzazione economica
Nessuno vince nelle guerre commerciali

Davos: Xi, non si puo  scappare da globalizzazione economica <br />Nessuno vince nelle guerre commerciali


di Eugenio Buzzetti

 

Pechino, 17 gen. - "Nessuno emergera' vincitore in una guerra commerciale" e "perseguire il protezionismo e' come rinchiudersi in una stanza buia". E' il duro attacco al ritorno del protezionismo lanciato dal presidente cinese, Xi Jinping, dal palco del World Economic Forum di Davos, in Svizzera. A tre giorni dall'insediamento ufficiale alla Casa Bianca di Donald Trump, Xi Jinping ha sottolineato il ruolo della globalizzazione economica, che e' " un vasto mare da cui non si puo' sfuggire". Un tempo, ha spiegato Xi agli oltre tremila delegati del forum di Davos, "anche la Cina aveva dubbi sulla globalizzazione, ma siamo arrivati alla conclusione che l'integrazione e' un trend storico", e la Cina deve avere la forza di nuotare "nel vasto mare dei mercati globali".   

 

Quella attuale e' un'epoca di contraddizioni, ha spiegato Xi, che nel discorso ha citato Charles Dickens ("Erano i tempi migliori, erano i tempi peggiori", incipit di "Una storia di due citta'" del romanziere britannico) ma la globalizzazione economica non e' un "vaso di Pandora" e "non e' da incolpare per i problemi del mondo" di oggi nel giudizio del presidente cinese. Xi ha citato ad esempio i rifugiati dal Medio Oriente e dal Nord Africa che sono stati creati non dalla globalizzazione, ma da "guerre, turbolenze e conflitti regionali" e la soluzione sta nel "promuovere la pace, la riconciliazione e restaurare la stabilita'". Neppure la crisi finanziaria internazionale viene vista dal presidente cinese come "un risultato inevitabile" della globalizzazione, ma come la conseguenza di "un'eccessiva ricerca del profitto da parte del capitale finanziario e il grande fallimento delle regolamentazioni finanziarie".    Xi si e' poi soffermato a parlare della Cina e del suo modello di sviluppo, che da 35 anni persegue la via delle riforme e delle aperture. "Tutte le strade portano a Roma", ha detto, rivendicando l'unicita' del modello cinese. "Nessun Paese dovrebbe vedere il proprio modello di sviluppo come l'unico".

 

La Cina ha incontrato "difficolta' e ostacoli" nelle riforme, ma lo sviluppo della Cina ha portato benefici anche al resto del mondo. "Dall'inizio della crisi finanziaria globale, la Cina ha contribuito, in media, per oltre il 30% della crescita globale ogni anno. Queste cifre sono tra le piu' alte al mondo e parlano per se stesse. Lo sviluppo della Cina e' un'opportunita' per il mondo". Lo scorso anno, ha proseguito Xi concentrandosi sui dati dell'economia, attesi per venerdi' prossimo, "la Cina e' entrata nella nuova normalita'", ovvero nella fase di rallentamento dell'economia unita all'attenzione per la qualita' della crescita, "ma i fondamenti economici che sostengono la crescita rimangono inalterati. Nonostante la fiacca crescita globale, la Cina e' prevista al 6,7% nel 2016, tra le piu' alte al mondo". Prima di chiudere il suo discorso, Xi ha poi mandato un ultimo messaggio indiretto a Trump, che in piu' occasioni ha accusato Pechino di manipolare la propria valuta per sostenere le esportazioni. "La Cina non ha intenzione di aumentare la propria competitivita' svalutando il renminbi", la valuta cinese, ha dichiarato Xi Jinping, poco prima di abbandonare il palco del Wef di Davos

 

Per approfondire:

 

Xinhua - Chinese president addresses Davos forum for first time

South China Morning Post - Don't blame globalisation for world's ills, Xi tells Davos
  

 

Leggi anche:

 

Davos: Xi, non si puo' scappare da globalizzazione economica

 

Xi a Davos difende la globalizzazione, domani il discorso al Wef

 

Xi a Davos con Wanda e Alibaba, Cina fattore di stabilità 

 

Cina apre a incontro 
con team Trump a Davos 

 

Xi a Davos anticipa Trump sul palcoscenico globale

 

Altri articoli:

 

Stampa contro Trump, Pechino pronta a "togliersi i guanti"
La politica dell'unica Cina non è negoziabile
 

 

Calcio, stranieri ridotti a tre per partita in Super League 

 

Xi a Davos difende la globalizzazione, domani il discorso al Wef 

 

Scalfarotto, Cina Paese strategico, 20 milioni per promozione


@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci