Politica interna

Politica Interna

XINJIANG, ALLO STUDIO NUOVA LEGGE
CONTRO L'ESTREMISMO RELIGIOSO

XINJIANG, ALLO STUDIO NUOVA LEGGE <br />CONTRO L ESTREMISMO RELIGIOSO


Di Eugenio Buzzetti


Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 14 gen. - La regione autonoma cinese dello Xinjiang si prepara a combattere l’estremismo religioso con un nuova legge che verrà applicata a livello locale. Lo Xinjiang, abitato dalla minoranza uighura, è il luogo della Cina dove sono avvenuti più attacchi negli ultimi anni, che il governo attribuisce ai gruppi estremisti che chiedono l’indipendenza da Pechino. Lo ha affermato al quotidiano China Daily il direttore del Comitato Permanente dell’Assemblea Regionale del Popolo dello Xinjiang, Nayim Yassen, secondo cui l’eliminazione del terrorismo nella regione sarà al centro dei lavori dei legislatori di quest’anno. Le autorità dello Xinjiang, riunite nell’annuale congresso regionale, prevedono poi anche la stesura di una bozza per l’attuazione della nuova legge anti-terrorismo varata a fine dicembre scorso dall’Assemblea Nazionale del Popolo, il parlamento cinese.

 

Negli scontri etnici avvenuti nella regione, sono morte centinaia di persone negli ultimi anni, sia tra i membri della minoranza uighura che tra la maggioranza di cinesi han. Uno degli episodi più gravi avvenuti di recente riguarda l’attacco a una miniera di carbone dove sono morte almeno sedici persone, secondo le stime ufficiali, sotto i colpi degli attentatori armati di coltello: all’attentato era seguita una caccia all’uomo nella regione da parte delle forze dell’ordine durata 56 giorni, durante la quale erano morte 28 persone, tutte sospettate di legami con gli autori dell’attacco. Pechino incolpa i militanti dell’Etim, lo East Turkestan Islamic Movement, come responsabili del maggiore numero di attentati nello Xinjiang e teme le infiltrazioni dell’Isis tra i gruppi più estremisti: secondo stime rivelate lo scorso anno, sono circa trecento i militanti estremisti dello Xinjiang che si sarebbero addestrate nei campi jihadisti sui territori controllati dagli uomini dell’autoproclamatosi califfo al-Baghdadi.

 

14 GENNAIO 2015


ALTRI ARTICOLI

 

BORSA SHANGHAI CHIUDE IN CALO DEL 2,42%
Export superiore alle attese a dicembre

 

BANCA CENTRALE STABILIZZA CAMBIO DELLO YUAN

 

CINA, UE RINVIA DISCUSSIONE SU STATUS ECONOMIA DI MERCATO 

 

BORSE IN LIEVE RIALZO, SHANGHAI CHIUDE A +0,2% 

 

BANCA CENTRALE DIFENDE YUAN CON MASSICCI ACQUISTI

 

WANDA COMPRA HOLLIWOODIANA LEGENDARY PER 3,5 MLD

 

RIMOSSO YI GANG, NUMERO UNO UFFICIO CAMBI

 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci