Politica interna

Politica Interna

TAIYUAN: ESPLOSIONI VICINO SEDE PCC
Un morto e otto feriti

TAIYUAN: ESPLOSIONI VICINO SEDE PCC <br />Un morto e otto feriti


di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 6 nov. - E' di almeno un morto e otto feriti, di cui uno in gravi condizioni, il bilancio della serie di esplosioni davanti alla sede del Partito Comunista Cinese di Taiyuan, nella provincia settentrionale dello Shanxi. Le esplosioni sono avvenute alle 7.40 di questa mattina, quando in Italia era da poco passata la mezzanotte, e seguono di pochi giorni l'attentato terroristico di piazza Tian'anmen del 28 ottobre scorso, quando un Suv si è schiantato contro la folla prima di uscire di strada e prendere fuoco di fronte all'ingresso della Città Proibita, l'antica sede imperiale cinese. Gli ordigni, secondo quanto riporta l'agenzia di stampa cinese Xinhua, sono rudimentali e frutto di una preparazione artigianale: al loro interno erano stati riempiti di chiodi e sfere di metallo di piccole dimensioni ritrovati sul luogo dell'esplosione, immediatamente bloccato al traffico dalla polizia locale. Sul luogo sono poi giunti una squadra speciale di artificieri, i vigili del fuoco e le ambulanze, che hanno trasportato i feriti in due ospedali delle città di Taiyuan.

I danni economici non sono ancora stati calcolati: le esplosioni avrebbero danneggiato almeno venti automobili, secondo quanto riprovata questa mattina l'emittente televisiva statale CCTV, tra cui almeno un autobus in transito durante le esplosioni che ah avuto tutti finestrini frantumati dalle detonazioni. I primi testimoni sentiti dalla Xinhua hanno parlato di sette esplosioni consecutive e di una colonna di fumo che si è levata davanti al palazzo del partito: il veicolo più danneggiato è un mini-van, che ha preso fuoco in seguito alle esplosioni. Le bombe erano state nascoste nelle aiuole antistanti la sede del PCC, come mostrano alcune immagini diffuse dagli utenti di social network cinesi.

Il gesto non è stato rivendicato da nessun gruppo connesso ad organizzazioni terroriste. Nessuna rivendicazione era stata avanzata neanche all'indomani dell'attentato del 28 ottobre scorso, di cui le autorità cinesi hanno attribuito la paternità alla sigla indipendentista ETIM, East Turkestan Islamic Movement, che vuole l'indipendenza dello Xinjiang, la regione autonoma nord-occidentale cinese dove vive la minoranza uighura di lingua turcofona e fede musulmana che lamenta numerose restrizioni da parte del governo centrale di Pechino. Lo Shanxi non è attraversato da particolari tensioni etniche, anche se è un'area contrassegnata, come ricorda il South China Morning Post di oggi, da un forte gap nel livello di ricchezza tra i proprietari delle miniere e i minatori. Lo Shanxi è poi una delle sei province  interessate dal nuovo round di ispezioni in funzione anti-corruzione decisi dalla Commissione Disciplinare per indagare su eventuali abusi della classe dirigente a livello locale. Ai cittadini della provincia, la Commissione ha chiesto di non sommergere gli ispettori mandati da Pechino con un numero eccessivo di lamentele sull'operato della classe dirigente locale.

Sia l'attentato del 28 ottobre scorso che le esplosioni di oggi arrivano a pochi giorni da quello che è considerato l'appuntamento politico più importante dell'anno, il terzo plenum del Comitato Centrale del PCC che si terrà a Pechino dal 9 al 12 novembre prossimi, durante il quale verranno decise riforme "onnicomprensive", come le ha definite la leadership cinese negli scorsi giorni, che riguarderanno tutti gli aspetti dell'amministrazione statale.

 

6 novembre 2013

 

LEGGI ANCHE:

 

TIAN'ANMEN, CONDANNA UNANIME DA MEDIA Associazione uigura chiede indagine internazionale

 

TIAN'ANMEN,"ATTENTATO PREMEDITATO METICOLOSAMENTE"

 

TIAN'ANMEN, XINHUA: 5 FERMI PER "ATTACCO TERRORISTICO"  

 

ESPLOSIONE TIAN'ANMEN, SALGONO A OTTO I SOSPETTATI

 

INCIDENTE TIAN'ANMEN, POLIZIA SU TRACCE DI DUE UIGHURI  

 

TIAN'ANMEN: INCIDENTE O ATTENTATO

 

SUV TRAVOLGE FOLLA A PIAZZA TIAN'ANMEN: MINISTERO ESTERI: 5 MORTI E 38 FERITI

 

TERRORE A PIAZZA TIAN'ANMEN, SUV TRAVOLGE FOLLA: 3 MORTI

 

ALTRI ARTICOLI:

 

LI KEQIANG, TASSO MINIMO DI CRESCITA AL 7.2%

 

 

CLIMA: CINA PIU' "FLESSIBILE" MA FONDI DA PAESI RICCHI

 

ESERCITO, OLTRE 8MILA CASE E 25MILA VEICOLI ILLECITI

 

TIAN'ANMEN: ETIM, IL NEMICO DI PECHINO

 

NONGFU CONTRO IL BEIJING TIMES, FALSI I RAPPORTI SULL'ACQUA

 

BAMBINO SI SUICIDA DOPO SESSIONE DI AUTOCRITICA

 

BONINO - WANG: RIEQUILIBRARE BILANCIA COMMERCIALE

 

CORTE DEL POPOLO: STOP A INTERFERENZE NEI TRIBUNALI

 

QINGHUA: SFRATTATI 64 MILIONI DI CINESI

 

XINHUA: TERZO PLENUM DAL 9 AL 12 NOVEMBRE

 

MARTINA: FORTE L'INTERESSE PER AGROALIMENTARE ITALIANO

 

MINISTRO ESTERI WANG YI IN ITALIA INCONTRA LETTA MARTEDI'

 

AL VIA IL PROCESSO AI 3 ATTIVISTI ANTI-CORRUZIONE

 

NEW EXPRESS PORGE SCUSE AI LETTORI

 

PECHINO TRACCIA ROADMAP DELLE RIFORME IN 8 AREE

 

LAVORO "ALLA CINESE" NEL CUORE DELL'EUROPA

 

INVESTIMENTI CINESI ALL'ESTERO: CHIP DI GEOPOLITICA ECONOMICA

 

CINA: NUOVO PRIME-RATE SU PRESTITI BANCARI

 

MEDICINA CINESE: PRIMO GLOSSARIO CINESE-ITALIANO

 

ERGASTOLO PER BO XILAI, APPELLO RESPINTO


 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci