Politica interna

Politica Interna

DALLA GREEN ECONOMY ALLA RIDUZIONE DELLA POVERTA'
Nel documento del plenum gli obiettivi del piano quinquennale

DALLA GREEN ECONOMY ALLA RIDUZIONE DELLA POVERTA <br />Nel documento del plenum gli obiettivi del piano quinquennale


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 3 nov. - Nuove aperture dell'economia, riforme nei settori chiave e riduzione degli squilibri tra la popolazione. Sono alcuni dei capisaldi del nuovo piano quinquennale cinese, pubblicati oggi nel documento integrale del quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista cinese sulle Proposte per la Formulazione del tredicesimo piano quinquennale di sviluppo che prende in considerazione gli anni tra il 2016 e il 2020. Il Comitato Centrale del Pcc si è riunito in sessione plenaria dal 26 al 29 ottobre scorso a Pechino, per decidere il corso da imprimere all'economia e alla società cinese per i prossimi cinque anni e varare misure di crescita a sostegno dell'economia, oggi in fase di rallentamento.

Tra le misure decise nei quattro giorni di riunione a porte chiuse, i massimi dirigenti nazionali del Pcc hanno stabilito la necessità di nuove aperture del sistema cinese "per attrarre investimenti stranieri e incoraggiare le imprese cinesi a fare investimenti all'estero" scrive l'agenzia Xinhua, e per promuovere un "trasparente e salutare" mercato dei capitali, con particolare riferimento all'emissione e al commercio di azioni e obbligazioni. Un cenno particolare il documento lo dedica agli sforzi del governo per l'inclusione del Renminbi, la valuta cinese, tra le valute di riserva del Fondo Monetario, che dovrà decidere nei prossimi giorni riguardo all'inserimento o meno della moneta cinese nel paniere dei Diritti Speciali di Prelievo. Nuove aperture anche nel mondo delle imprese di Stato, spesso criticate per la loro inefficienza e per la corruzione al loro interno: il documento emesso oggi cita tutti i settori con "tratti naturali di monopolio" come interessati a nuove aperture per gli investimenti nei prossimi cinque anni. Il governo promette l'accelerazione delle aperture "in settori come il petrolio, il gas naturale, l'elettricità, le telecomunicazioni, i trasporti e le utilities".

Nel documento, ci sono anche riferimenti alla protezione ambientale e alla green economy. I prossimi cinque anni vedranno la nascita del "Green Development Fund" per "promuovere la produzione pulita e lo sviluppo sostenibile". Dal documento integrale sulle proposte per il nuovo piano quinquennale emerge anche la volontà dei dirigenti del Pcc di ridurre gli squilibri sociali e combattere la povertà, soprattutto nelle aree rurali, "il compito più difficile per le ambizioni della Cina di costruire una società moderatamente prospera". Dal 2016 al 2020, il governo cinese si impegnerà a ridurre il divario di reddito all'interno della popolazione, che a tutt'oggi vede i dipendenti nelle aree urbane urbane guadagnare il triplo dei residenti nelle aree rurali del Paese, e aumentare la quota di popolazione a reddito medio nei prossimi cinque anni. Infine, secondo i calcoli ufficiali pubblicati oggi, tra il 2011 e il 2015 il prodotto interno lordo pro-capite cinese ha raggiunto quota 7800 dollari.

 

Xi, due figli per bilanciare popolazione e sostenere sviluppo

L'abolizione della politica del figlio unico è necessaria per riequilibrare la popolazione e sostenere lo sviluppo del Paese nel lungo termine. Lo ha dichiarato il presidente cinese, Xi Jinping, in una nota, dopo la pubblicazione del testo integrale delle proposte per la formulazione del nuovo piano quinquennale di sviluppo uscite dal quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese.

La nuova linea, che permetterà dal marzo prossimo a tutte le coppie di avere due figli, avrà come effetto quello di "ridurre la pressione dell'invecchiamento della popolazione, aumentare la forza-lavoro e promuovere l'equilibrio della popolazione". Attualmente, più del 15% dei cittadini cinesi è oltre i sessanta anni di età, la popolazione in età produttiva è in diminuzione e questo andamento "è destinato a continuare", spiega la nota emessa dal presidente cinese.

 

Crescita non inferiore al 6,5% fino al 2020


Xi è poi intervenuto sul ritmo della crescita economica che per la Cina non dovrà essere inferiore al 6,5% annuo fino al 2020. Il tasso di crescita fissato oggi, scrive l'agenzia Xinhua, dal presidente cinese è necessario per realizzare entro il 2020 l'obiettivo del raddoppio del prodotto interno lordo rispetto ai volumi del 2010. Il presidente cinese ha poi sottolineato che la Cina è in grado di raggiungere gli obiettivi di riduzione della povertà contenuti nel documento emesso oggi. Lo sforzo, secondo le ultime statistiche ufficiali risalenti a fine 2014, comprenderà l'aumento del reddito per 70,17 milioni di cittadini cinesi che vivono nella fascia della povertà nelle aree rurali del Paese.

 

Xi: programmi pilota per recupero delle terre agrarie

La Cina varerà un programma pilota per il recupero delle terre destinate all'agricoltura attraverso un sistema di rotazione delle colture che sono state danneggiate dall'inquinamento dei suoli e delle falde acquifere. Ha dichiarato ancora Xi Jinping nella nota. Il programma di riqualificazione del suolo agricolo fa parte del documento integrale del quinto plenum del Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese, emesso oggi, svoltosi tra il 26 e il 29 ottobre scorso, che aveva per oggetto la formulazione di proposte per il nuovo piano quinquennale di sviluppo, che prende in considerazione gli anni tra il 2016 e il 2020.

"Le terre agricole sono super-sfruttate, con problemi di perdita di acqua ed erosione del suolo" si legge nel comunicato ripreso dall'agenzia Xinhua. L'attuazione del programma pilota di riqualificazione del suolo agricolo verrà effettuato nelle aree agrarie più disastrate, spiega ancora il comunicato, e sono previsti incentivi agli agricoltori che vi parteciperanno. La Cina aveva svelato per la prima volta lo scorso anno la percentuale di suoli inquinati da sostanze non organiche sul proprio territorio, equivalenti a circa un quinto (il 19%) di tutte le terre destinate a uso agricolo.

 

Pcc, entro il 2020 copertura nazionale di assicurazione sociale

La Cina coprirà tutti i cittadini con un sistema di assicurazione sociale "più equo e sostenibile" di quello attuale entro il 2020. Lo assicura il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese nel documento ufficiale del plenum. Il piano prevede un sistema di assicurazione per le malattie gravi "su vasta scala" che coprirà sia i cittadini residenti nelle aree urbane che quelli delle zone rurali del Paese. Secondo le stime ufficiali, sono ancora duecento milioni i cittadini cinesi che devono essere inclusi nel sistema nazionale di sicurezza sociale e solo la metà della popolazione (650 milioni su 1,3 miliardi) aveva una copertura per le malattie gravi, a settembre 2014.

 



3 novembre 2015

 

LEGGI ANCHE

 

FINE POLITICA FIGLIO UNICO, CAUTI I MEDIA


CHIUSO IL PLENUM, FINE POLITICA FIGLIO UNICO

 

IL PLENUM DELLA NUOVA NORMALITA', CRESCITA "INTORNO AL 6 VIRGOLA"


AL VIA V PLENUM PCC, DECIDERA' LINEE GUIDA FINO AL 2020

 

 

ALTRI ARTICOLI

 

MANIFATTURIERO ANCORA IN CONTRAZIONE A OTTOBRE

 

CLIMA: HOLLANDE, ESSENZIALE CONTRIBUTO CINESE NELLA LOTTA

 

ISTITUZIONI E IMPRESE ITALIANE INSIEME TRE GIORNI PER NUOVE STRATEGIE

 

YUAN CORRE AL RIALZO, +0,54% SUL DOLLARO, POI CALA

 

FINE POLITICA FIGLIO UNICO, CAUTI I MEDIA


ISOLE CONTESE: CINA CONTRO L'AIA, DECISIONE NULLA

 

IL CHEAP OIL COLPISCE I GIGANTI, GIU' PETROCHINA E SINOPEC


CHIUSO IL PLENUM, FINE POLITICA FIGLIO UNICO

 

MERKEL A PECHINO DIFENDE INTERESSI TEDESCHI

 

FIUMICINO PRIMO SCALO EUROPEO PER CITTA' CINESI RAGGIUNTE

 

ISOLE CONTESE, MEDIA CINESI CONTRO GLI USA
"Provocazioni gravi", prepararsi al peggio
 

 

IL PLENUM DELLA NUOVA NORMALITA', CRESCITA "INTORNO AL 6 VIRGOLA"

 

CINEMA EUROPEO DI SCENA ALL'ISTITUTO ITALIANO

 

AMBASCIATORE LI RUIYU, NUOVO CORSO RELAZIONI ITALIA-CINA


ISOLE CONTESE: PECHINO CONVOCA AMBASCIATORE USA

 

AL VIA V PLENUM PCC, DECIDERA' LINEE GUIDA FINO AL 2020

 

CINA, PRIORITA' A TRASMISSIONE ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

 

HK: TRAGHETTO IN COLLISIONE, 124 I FERITI, 87 I DISPERSI

 

PECHINO FA RICHIESTA FORMALE PER ENTRARE NELLA EBRD

 

XI A MANCHESTER, IL NORD A CACCIA DI ACCORDI

ITALIA-CINA, 45 ANNI DI RELAZIONI,UN PONTE EUROPA-ASIA


BANCA CENTRALE TAGLIA TETTO E TASSI RISERVE BANCA

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci