Politica interna

Politica Interna

Pechino ammette, nel 1996
giustiziato ragazzo innocente

Pechino ammette, nel 1996 <br />giustiziato ragazzo innocente


di Sonia Montrella

Twitter@SoniaMontrella

 

Pechino, 16 dic. – Non colpevole. Le autorità cinesi hanno ammesso di aver giustiziato, nel 1996, un ragazzo per un crimine che non aveva commesso: si tratta di un riconoscimento molto inusuale per il sistema giuridico cinese.

Accusato di stupro e omicidio di una donna di Hohhot, Hugjiltu  si era da subito dichiarato innocente, ma senza riuscire a scampare alle torture della polizia. La confessione dell'adolescente, estorta illegalmente e dopo 48 ore di interrogatorio, e' "incompatibile con l'analisi autoptica della vittima", ha deciso ieri un tribunale della Mongolia Interna. 

Era il 9 aprile del 1996 quando Hugjiltu e un collega trovarono la donna che giaceva a terra senza vita vicino il dormitorio della fabbrica di sigarette di Hohhot. Chiamata la polizia gli agenti arrestarono il ragazzo che fu giustiziato nel giugno successivo.

Poi nel 2005 un uomo, arrestato per un altro crimine, confessò il delitto alla polizia.
Per anni i genitori di Hugjiltu si sono battuti per avere giustizia insistendo, appoggiati dai legali, sulla mancanza di test del DNA, di prove e su una confessione estorta in modo opinabile. Breve anche il tempo impiegato per analizzare il caso: 62 giorni. Secondo l'avvocato Miao Li all'epoca dei fatti i giudici avevano molta fretta di chiudere questo tipo di casi perché sotto pressione per una campagna nazionale sul crimine chiamataYanda.

Le reti sociali cinesi hanno diffuso anche le immagini del vicepresidente del tribunale che chiedeva perdono ai genitori e ha offerto loro 30mila yuan (3.900 euro) di risarcimento. Ma le scuse non sono state tuttavia confermate dalla stampa ufficiale. La madre, il padre e il fratello di Hugjiltu hanno bruciato una copia della decisione del giudice sulla sua tomba.

 

16 dicembre 2014

 

 

ALTRI ARTICOLI:

 

BANCHE CINESI PUNTANO A EUROPA, MPS FRA I TARGET


AL VIA NUOVE FZT A TIANJIN, NEL GUANGDONG E NEL FUJIAN

 

DALAI LAMA, CAPISCO CHE IL PAPA NON MI ABBIA RICEVUTO


LA NUOVA NORMALITA' DI XI JINPING


INVESTIGATORI ANTI-CORRUZIONE ANCHE NEL PCC E IN PARLAMENTO


VEZZOLI PER LA PRIMA VOLTA A SHANGHAI CON VIDEO ANTICHITA'

 

HONG KONG TORNA ALLA NORMALITA' DOPO 74 GIORNI DI OCCUPY

 

LI: IN FUTURO ECONOMI A VELOCITA' MEDIO-ALTA

 

LIMA, PECHINO VUOLE LOTTA A CAMBIAMENTO CLIMATICO

 

INTERNET: MEDIA IN CRISI, STAMPA PUNTA AL MULTIMEDIALE

 

HK: OCCUPY, POLIZIA SMANTELLA ULTIMO SITO, 10 GLI ARRESTI

 

HONG KONG: POLIZIA SMANTELLA ULTIMO SITO OCCUPY, 6 ARRESTI

 

DALAI LAMA A ROMA DAL 12 AL 14 DICEMBRE,
SEGUACI CULTO SHUGDEN LO CONTESTERANNO

 

CORRUZIONE: ERGASTOLO ALL'EX NUMERO DUE DI NDRC

 

EMISSIONI RECORD PER OLTRE 1000 IMPRESE

 

DAGONG EUROPE: MANDARIN CEDE 40% A DAGONG GLOBAL

 

IL PCC SERRA I RANGHI SUL CASO ZHOU YONGKANG

 

DIRITTI UMANI: CINA A UE "FELICE L'85% DEI CINESI"

 

CROLLA BORSA SHANGHAI, IN CHIUSURA PERDE IL 5,43%

 

LEADER RIUNITI PER TRACCIARE LE LINEE ECONOMICHE 2015

 

XI: MODERNIZZARE ARMAMENTI PER RINNOVARE LA CINA

 

CINA-GIAPPONE: DOPO 3 ANNI LI INCONTRA COMITATO AMICIZIA

 

LIMA: PECHINO CONTRO FONDO CLIMA, BACCHETTA AUSTRALIA

 

ZUMA A PECHINO: FIRMATI ACCORDI SU ENERGIA E COMMERCIO

 

OBAMA SU XI: ASCESA RAPIDA, MA PREOCCUPANTE

 

OLTRE CENTRO MILIONI DI TURISTI CINESI ALL'ESTERO

 

CINA RIBADISCE OPPOSIZIONE A INTERFERENZE STRANIERE

 

PRIMA GIORNATA DELLA COSTITUZIONE, XI JINPING PROMUOVE SPIRITO COSTITUZIONALE


 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci