Politica interna

Politica Interna

Euccc: smog e restrizioni
frenano sviluppo di Pechino

Euccc: smog e restrizioni<br />frenano sviluppo di Pechino


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest



Pechino, 10 apr. - Sono l'inquinamento e le restrizioni sul piano legislativo sia per i lavoratori migranti che per i talenti stranieri a limitare lo sviluppo di Pechino. E' il risultato del Beijing Position Paper 2015-2016, il primo documento emesso dalla Camera di Commercio dell'Unione Europea in Cina specifico per la capitale cinese, a poche settimane da un documento analogo sulla città di Shanghai, che metteva in luce gli scarsi risultati finora ottenuti sul piano delle liberalizzazioni dalla nuova area di libero scambio della metropoli cinese.
 
Sulla capitale pesa troppo la politica, che non include il business tra i fattori principali dello sviluppo locale. Lo scorso anno, il governo cinese aveva stilato un elenco dei quattro tratti caratteristici della città (l'amministrazione del Paese, la cultura, gli scambi internazionali e la tecnologia) senza includere proprio l'area del business, lamenta la Euccc: una lacuna, per la Camera di Commercio Europea in Cina. "Pechino è sinonimo di governo centrale - ha commentato il vice presidente della Euccc, Mats Harborn - Questa immagine deve cambiare".
 
Per fare ripartire la capitale e conferirle lo status di hub finanziario oltre che di centro della politica nazionale servono, secondo l'associazione che raggruppa le imprese europee, regole più chiare e meno severe per l'ottenimento dello hukou - la registrazione familiare per i migranti interni - e per l'ottenimento del visto da parte degli stranieri che si sono stabiliti nella città o intendono farlo in futuro. L'inquinamento, soprattutto negli ultimi anni, è stato poi una delle cause che hanno portato molte famiglie di cittadini stranieri a lasciare la città per il rischio di problemi di salute, soprattutto nel caso di figli a carico.
 
"Pechino è ancora indietro rispetto ai grandi centri di Shanghai e Canton - ha continuato Harborn - Un Paese dalle dimensioni di un continente deve avere diversi centri di business e Pechino dovrebbe trovarsi tra quelli di prima fascia. C'è bisogno di regolamentazioni più favorevoli al business e di terminare la pratica finanziariamente irresponsabile di sostegno alle grandi imprese di Stato, cominciando con il creare più opportunità per le piccole e medie imprese". A rendere più incerto il futuro per le aziende straniere c'è poi anche un ultimo fattore, secondo la Euccc: lo sviluppo della maxi-area urbana annunciata dal governo l'anno scorso che comprenderà Pechino, Tianjin e la confinante provincia dello Hebei, che potrebbe peggiorare la situazione dell'inquinamento nella città e limitare ulteriormente le già scarse risorse della capitale. "La buona notizia - ha concluso Harborn - è che molte delle questioni che Pechino dovrà affrontare possono essere trasformate in opportunità con l'aiuto delle aziende straniere". 

 

10 aprile 2015

 

 

LEGGI ANCHE

 


DELLA VEDOVA, ITALIA IN AIIB: ASEAN MERCATO STRATEGICO

 

CONDUTTORE TV INDAGATO PER AVER INSULTATO MAO

 

IMPIANTO DI ZHANGZHOU, ESTINTE LE FIAMME, 30MILA EVACUATI

 

CINA:PRESIDENTE BANCA MONDIALE A FAVORE AIIB, ENTRA ANCHE IRAN

 

CINA-IRAN, NUOVE INTESE SUL PETROLIO IN VISTA

 

XI: "NUOVO APPROCCIO" IN DISPUTE CINA-VIETNAM

 

TASSISTI IN PROTESTA, 30 RICOVERATI PER TENTATO SUICIDIO

 

PECHINO: ACCORDO SU NUCLEARE POSITIVO PER I RAPPORTI CINA-USA

 

CORRUZIONE, 15 ANNI DI CARCERE A EX SINDACO DI NANCHINO

 

RAFFORZATA MARINA, 3 NUOVI SOTTOMARINI NUCLEARI D'ATTACCO

 

CINA E USA DIVISE DALLA «GRANDE MURAGLIA DI SABBIA»

 

YUAN VERSO VALUTA DI RISERVA FMI, USA FRENANO

 

MIRA AL MILAN IL RE DELLE BIBITE CINESE

 

ITALIA E FRANCIA, POTENZIALI MEMBRI FONDATORI AIIB

 

"CORROTTO E SPIA", INCRIMINATO L'EX CAPO SICUREZZA

 

NUCLEARE IRANIANO: CINA CHIEDE COMPROMESSO A META' STRADA

 

MIRA AL MILAN IL RE DELLE BIBITE CINESE

 

TAIWAN ENTRA NELL’AIIB: PROTESTE A TAIPEI, 4 ARRESTI

 

CINESE IL PRIMO PADIGLIONE CONSEGNATO ALL'EXPO

 

DA CINA CAUTO OTTIMISMO SUL NUCLEARE IRANIANO

 

COMPLETATA EVACUAZIONE DI 500 CINESI DALLO YEMEN

 

ANCHE TAIWAN DECIDE DI ENTRARE NELLA AIIB

 

L'ARTE DI FRANCESCO, AL VIA LA MOSTRA A FIRENZE

 

AL BOAO FORUM XI PUNTA SULLA VIA DELLA SETA

 

CHEMCHINA ASSICURA: PIRELLI NON CAMBIERA'

 

AIIB, ANCHE AUSTRALIA E DANIMARCA NELLA BANCA CINESE

 

PRIMA BANCA PRIVATA INIZIA EROGAZIONE PRESTITI

 

INVESTIMENTI, LUTTWAK: "QUESTIONE CULTURALE CHE MANCA A ITALIA"

 

PRESIDENTE SRI LANKA IN CINA PER SBLOCCO PORTO COLOMBO

 

ZHANG YIMOU NELLE SALE CON ‘LETTERE DI UNO SCONOSCIUTO’

 

PIRELLI - INTERVISTA A SARA MARCHETTA
ITALIA ED EUROPA METE DELLO SHOPPING CINESE

 

ATENE SPERA IN PECHINO, MINISTRI IN VISITA UFFICIALE

 

APPROVATA NASCITA DI TRE NUOVE AREE DI LIBERO SCAMBIO


TAIWAN: AL VIA PROCESSO A LEADER MOVIMENTO GIRASOLI

 

PIRELLI: MARCO TRONCHETTI PROVERA,
CHEMCHINA RENDERA' IL GRUPPO GLOBALE

 

ADB, CRESCITA PIL ALMENO 7% NEI PROSSIMI DUE ANNI


 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci