Politica interna

Politica Interna

DESTITUITO JIANG JIEMIN, SUPERVISORE AZIENDE DI STATO

DESTITUITO JIANG JIEMIN, SUPERVISORE AZIENDE DI STATO


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest




Pechino, 3 set. - Jiang Jiemin, l'alto funzionario cinese sotto inchiesta in questi giorni in Cina, è stato rimosso dal suo incarico per il sospetto di "gravi violazioni disciplinari". Lo rivela la Xinhua, che ha appreso la notizia dal dipartimento organizzativo del Comitato centrale del Partito Comunista Cinese. Jiang occupava dal marzo scorso la carica di direttore della Sasac, la State-owned Asset Supervision and Administration Commission, la commissione statale che si occupa della supervisione di più di cento aziende di Stato cinesi, settore che il governo intende riformare da tempo. Da domenica scorsa, Jiang si trovava formalmente sotto inchiesta da parte della Commissione Disciplinare del partito. Oltre alla carica di presidente della Sasac, Jiang era membro permanente del Comitato Centrale del partito, carica che lo rende il primo funzionario di livello ministeriale a essere indagato e rimosso dall'incarico per il sospetto di corruzione dall'inizio dell'era Xi Jinping, insediatosi alla guida del PCC nel novembre dello scorso anno al termine del Diciottesimo Congresso del partito, che ha sancito il ricambio generazionale al vertice del potere.

 

Prima di ricoprire la carica di direttore della Sasac, Jiang è stato presidente della China National Petroleum Corporation (CNPC) uno dei giganti statali del petrolio. La scorsa settimana, altri quattro top manager di CNPC sono finiti sotto inchiesta per violazioni disciplinari, alcuni dei quali sono considerati protetti dello stesso Jiang all'interno del gruppo. Nato nel 1955 nella provincia orientale dello Shandong e laureato in Economia, Jiang Jiemin ha alle spalle una trentennale carriera nel settore petrolifero, durante la quale ha scalato le posizioni fino ad arrivare al vertice di CNPC nel 2011. Tre le tappe più importanti della sua carriera politica: per quattro anni, dal 2000 al 2004, Jiang ha ricoperto la carica di vice governatore della provincia interna del Qinghai; nel 2007 entra nel Comitato Centrale del partito come membro supplente. Nel novembre scorso, al termine dei lavori del diciottesimo Congresso del partito, Jiang aveva ottenuto il seggio permanente all'interno del Cc, carica equivalente a un incarico di livello ministeriale nella gerarchia del potere cinese.

 

La campagna contro la corruzione sostenuta dal presidente Xi Jinping sta colpendo in questi mesi sia funzionari di medio e basso livello, con migliaia di indagati nei primi sei mesi dell'anno, sia gli alti funzionari del partito. A giugno era stato processato per corruzione e condannato alla pena di morte sospesa l'ex ministro delle Ferrovie, Liu Zhijun, defenestrato nel febbraio 2011. Ad agosto, invece, era finito sotto processo per corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere l'ex astro nascente della politica cinese, Bo Xilai, segretario del partito di Chongqing dal 2007 all'inizio del 2012. Il verdetto è atteso per i prossimi giorni. A essere nel mirino della commissione disciplinare in questi giorni è poi anche un ex membro del Comitato Permanente del Politburo, il vertice del potere cinese, Zhou Yongkang, ora in pensione: l'inchiesta su di lui non è ancora stata ufficializzata. Qualora le accuse venissero formalizzate, si tratterebbe del funzionario più alto in grado sotto inchiesta disciplinare da decenni a questa parte. Nei mesi scorsi, Xi Jinping aveva sostenuto che la lotta alla corruzione all'interno del partito doveva colpire sia le "tigri", cioè gli alti funzionari responsabili di atti di corruzione nelle alte sfere, che le "mosche", cioè i funzionari locali che rendono difficile la vita di cittadini e imprenditori.



ARTICOLI CORRELATI

 

Indagato Jiang Jiemin; Zhou Yongkang nel mirino

 

NYT, BO XILAI OBBEDIVA A «ORDINI SUPERIORI» 

 

Concluso processo a Bo, accusa chiede “Pena severa”

 

Concluso processo a Bo, accusa chiede “Pena severa”  

 

Bo accusa ex braccio destro, “è un bugiardo” 

 

Bo Xilai, terzo
giorno di processo 

 

Bo ammette “ alcune responsabilità” su soldi moglie  

 

Bo Xilai secondo giorno 
di processo 

 

Bo Xilai respinge le nuove accuse della moglie "pazza" 

 

Comincia processo, Bo Xilai
contesta accusa corruzione

 

IL CASO BO XILAI

 

ALTRI ARTICOLI

 

TORNA POSITIVO DOPO 4 MESI INDICE PMI

 

Indagato Jiang Jiemin; Zhou Yongkang nel mirino

 

Crescita Pil 2012 rivista a +7,7%, ai minimi dal '99

 

NYT, BO XILAI OBBEDIVA A «ORDINI SUPERIORI»

 

PECHINO PREOCCUPATA DA POSSIBILE INTERVENTO ARMATO USA IN SIRIA


@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci