Politica interna

Politica Interna

Dalai Lama e Usa: Cina
faccia conti con Tian'anmen

Dalai Lama e Usa: Cina <br />faccia conti con Tian anmen


di Sonia Montrella

Twitter@SoniaMontrella

Roma, 4 giu.- A  25 anni esatti dalla strage di Tian'anmen, il Dalai Lama rilascia un raro commento sui "fatti" e chiede a Pechino riforme democratiche. "Prego per i martiri, coloro che sono morti per la libertà, per la democrazia e per i diritti umani" ha dichiarato il leader spirituale tibetano a Initiatives for China, un gruppo con base a Washington che sostiene una transizione democratica pacifica in Cina.

"Sono stati compiuti  grossi sforzi per integrare il Paese nell'economia mondiale, ma credo sia ugualmente importante incoraggiare la Cina a inserirsi nella coerente della democrazia globale" ha aggiunto il Dalai Lama che proprio nel 1989 fu insignito del premio Nobel per la Pace.

"Nel giorno dell'anniversario dei giovani martiri della Cina, preghiamo per i leader di oggi affinché i loro cuori possano liberarsi dalla paura e toccare quelli delle vittime e dei loro parenti, e si pentano del massacro".

Parole, queste, subito condannate dal portavoce del ministero degli Esteri Hong Lei: "E' chiaro a tutti chi sia il Dalai. La sua dichiarazione ha dei secondi fini". 

In esilio a Dharamsala, in India,  dal 1959 - nove anni dopo l'invasione cinese in Tibet - il Dalai Lama è da allora nel mirino di Pechino che lo definisce "un lupo travestito da monaco" che punta alla costruzione di un "Grande Tibet" staccato dalla Cina. Dal canto suo, il leader spirituale sostiene di volere solo il rispetto della cultura e religione tibetana ridotta al minimo dalle politiche del governo centrale. 

Più duri gli  Stati Uniti che chiedono alla Cina di rendere conto dei manifestanti uccisi, arrestati o scomparsi durante la repressione delle proteste di Piazza Tian'anmen, un bagno di sangue che mise fine alla rivolta democratica a Pechino. La Casa Bianca ha diffuso un comunicato in cui ricorda la propria "condanna per l'uso della violenza per mettere a tacere le voci delle manifestazioni pacifiche su Piazza Tian'anmen e dintorni".

"Venticinque anni dopo", si legge nella nota, "gli Stati Uniti continuano a onorare la memoria di quanti dettero la vita sulla Tian'anmen e in tutta la Cina, e chiediamo alle autorità cinesi di rendere conto di quanti furono uccisi, arrestati o scomparvero in relazione agli eventi del 4 giugno 1989".

"Un'enorme ferita storica" ha definito così il massacro del 4 giugno 1989 il presidente taiwanese Ma Ying-jeou chiedendo alla Cina di rimediare a quell'errore commesso 25 anni fa. "Auspico sinceramente che le autorità considerino di porre rimedio prima possibile agli errori per assicurare al Paese che una simile tragedia non accadrà mai più". Poi il leader di Taiwan, "isola ribelle" che Pechino vuole riannettere nel proprio territorio, ha spronato la Cina a "tollerare le diverse opinioni", "trattare i dissidenti in modo appropriato" e proseguire sulla strada delle riforme politiche.

Ieri, alla vigilia della strage, dall'Alto commissario Onu per i Diritti umani, Navi Pillay, è arrivato un monito alla Cina. "Sollecito le autorità cinesi a rilasciare immediatamente le persone arrestate per l'esercizio dei loro diritti umani alla libertà di espressione".

Secondo la Pillay la Cina deve "accettare" quello che è accaduto 25 anni fa e permettere il dibattito pubblico. "E' negli interessi di tutti stabilire una volta per tutte quello che è veramente successo in piazza Tian'anmen" ha aggiunto il commissario ricordando che sulla strage ancora non ci sono cifre precise e il bilancio dei morti ondeggia tra qualche centinaia e qualche migliaia. "Imparare dagli eventi passati - ha aggiunto la rappresentante Onu - non diminuisce i passi in avanti fatti in 25 anni, al contrario mostrerà come la Cina sia andata avanti sulla strada per assicurare i diritti umani". Molti arresti sono stati registrati in questi ultimi giorni a Pechino tra cui anche quello dell'artista sino-australiano Guo Jian.


4 giugno 2014

 

LEGGI ANCHE:


ANNIVERSARIO TIAN'ANMEN, IN AUMENTO CONTROLLI

 

25ESIMO TIAN'ANMEN: GOOGLE IRRAGIUNGIBILE IN CINA

 

ALTRI ARTICOLI:

 


MANIFATTURIERO HSBC AI MASSIMI DA 4 MESI

 

SULLE ORME DI MARCO POLO: ITALIANI IN CINA


BOSIDENG AL "FASHION OF FOOD" DI EXPO MILANO

 

CINA-VIETNAM, HANOI:'NAVI PECHINO MINACCIANO CON ARMI'

 

LUSSO: COMPLEMENTARIETA' TRA CINA E ITALIA

 

DAGONG: EUROPA IN CINA PUNTI SU TELECOMUNICAZIONI, ENERGIA E AUTO

 

INTERVISTA ATTIVISTA, DETENUTA ASSISTENTE DEL NIKKEI

 

MALAYSIA: PREMIER LI CHIEDE CAMBIO STRATEGIA RICERCHE

 

PROCESSO DI MASSA NELLO XINJIANG, 55 CONDANNE

 

PUGNO DI FERRO CONTRO RUMORS SU WECHAT

 

NAVE CINESE AFFONDA PESCHERECCIO VIETNAMITA

 

TIAN'ANMEN, AMNESTY: CON REPRESSIONE XI GETTA MASCHERA

 

TOGLIETEMI TUTTO, MA NON LA BARA 6 SUICIDI ANTI-CREMAZIONE

 

ISOLE CONTESE: NAVE CINESE SPERONA E AFFONDA PESCHERECCIO VIETNAMITA


XINJIANG: SEQUESTRATE 1,8 TONNELLATE ESPLOSIVI, 5 ARRESTI


CNOOC, PIATTAFORMA MAR CINESE TERMINA PRIMA FASE DI LAVORI

 

XINJIANG: IN UN MESE DISCIOLTI 23 GRUPPI TERRORISTICI

 

ADIZ, TORNA LA TENSIONE TRA CINA E GIAPPONE

 

PROTESTE DALL'EGITTO, SFINGE CINESE SARA' DISTRUTTA

 

ONORIFICENZA STELLA D'ITALIA A JENNY GAO (MANDARIN)

 

ATTENTATO DI URUMQI, SOSPETTI SU 5 KAMIKAZE

 

SIRIA: RUSSIA E CINA NO A ONU PER DEFERIMENTO ALL'AJA

 

PENA CAPITALE A GANGSTER ALLEATO DI ZHOU YONGKANG


CLARKE: MODELLO AL QAEDA PER TERRORISMO UIGHURO

 

ATTENTATO NELLO XINJIANG, 31 MORTI E 94 FERITI

 

CRONOLOGIA DEGLI ATTENTATI


HSBC: PMI AI MASSIMI DA CINQUE MESI A MAGGIO

 

CINA A MONACI BUDDHISTI: FIRMATE LEALTA' A PCC

 

PMI IN LIEVE AUMENTO, YUAN AI MINIMI DAL 2012

 

FDI A +5,5% NEL PRIMO TRIMESTRE DEL 2014

 

PIL A +7,4% NEL PRIMO TRIMESTRE 2014, AI MINIMI DA 18 MESI


CINA ESCLUDE RISCHIO HARD LANDING PER L'ECONOMIA

 

INFLAZIONE AL 2,4% A MARZO, PRIORITA' PER LA BANCA CENTRALE

 

BOAO, LI KEQIANG: NO A NUOVI STIMOLI ALL'ECONOMIA

 

AUMENTA L'INDICE PMI, BENE I MERCATI ASIATICI

 

STORICO ACCORDO CINA-RUSSIA SU GAS

 

OBIETTIVI 2014, PIU' REGOLE PER ENTI LOCALI

 

ALTRI 4 CINESI UCCISI IN PROTESTE ANTI-PECHINO

 

XINJIANG, 39 ARRESTI PER TERRORISMO

 

USA-CINA: ACCUSE DI CYBERSPIONAGGIO

 

PRESTO VIA LIBERA DI BOND DALLE AMMINISTRAZIONI LOCALI

 

MINISTRO ESTERI TELEFONA A OMOLOGO VIETNAMITA,
DURA CONDANNA DI PECHINO ALLE VIOLENZE

 

BAD LOAND AL LIVELLO PIU' ALTO DAL 2015

 

PROTESTE IN VIETNAM, ALMENO 2 MORTI CINESI

Pechino: Hanoi "connivente" con violenze

 

PROTESTE IN VIETNAM, INCENDIATE 15 FABBRICHE CINESI

 

 

 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci