Politica interna

Politica Interna

Cina: si suicida procuratore
a processo moglie di Bo Xilai

Cina: si suicida procuratore <br />a processo moglie di Bo Xilai


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest


Pechino, 29 lug. - E' stato ritrovato senza vita il corpo di Man Mingan, procuratore al processo a Gu Kailai, moglie dell'ex capo del Partito Comunista di Chongqing, Bo Xilai, condannato nel 2013 all'ergastolo per corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere. Man, sessanta anni, si era impiccato ieri mattina in un appartamento di un'area residenziale di Hefei, nella provincia centrale cinese dello Anhui, scrive il Quotidiano del Popolo, il giornale organo del Partito Comunista Cinese. Un'indagine della polizia è ancora in corso per appurare le circostanze che hanno portato alla morte dell'uomo che nel 2013 era a capo dell'accusa nei confronti della moglie dell'ex astro nascente del Pcc, condannata all'ergastolo per l'omicidio del cittadino britannico Neil Heywood, nel novembre 2011.

Man Mingan ricopriva la carica di vice presidente della Conferenza Consultiva Politica del Popolo di Hefei e dal 2003 al 2013 è stato procuratore generale di Hefei e vice segretario del Partito Comunista locale. Il caso di Man Mingan non è il primo di un suicidio legato alla figura di Bo Xilai, protagonista di una delle vicende giudiziarie di più alto profilo della storia contemporanea cinese. Lo scorso anno si era suicidato anche uno dei protagonisti della "campagna rossa" di revival maoista di Chongqing indetta dallo stesso Bo quando era a capo della metropoli del sud-ovest cinese: l'uomo, Zhou Yu, 45 anni, era a capo della squadra investigativa per i reati economici e soffriva di problemi di salute.

 

29 luglio 2015

 

LEGGI ANCHE


BO XILAI CONDANNATO ALL'ERGASTOLO 


CHIUSO PROCESSO GU KAILAI,SENTENZA ANCORA LONTANA

 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci