Politica interna

Politica Interna

Caso Xu Zhiyong,
attivisti non demordono

Caso Xu Zhiyong, <br />attivisti non demordono


di Antonia Cimini

 

Pechino, 22 lug. - A una settimana dall'arresto l'attivista Xu Zhiyong, a capo di una campagna per la pubblicazione del patrimonio dei politici, non ha ancora potuto incontrare il suo legale, dicono i suoi sostenitori decisi a non abbandonarlo alle offensive della giustizia cinese.

 

Il Movimento dei Nuovi Cittadini, creato lo scorso anno da Xu Zhiyong e attivo in tutta la Cina, ha pubblicato ieri un comunicato in cui condannano l'arresto e chiedono l'attenzione della società civile alla vicenda. Il movimento "promuove, con mezzi pacifici,  la transizione del nostro paese verso un sistema basato sulla costituzione, e il passaggio da una società del popolo, di fatto feudale, a una società civile", si legge nel comunicato redatto da un giornalista e un intellettuale che condividono la visione di Xu Zhiyong. 

Alcuni sostenitori del movimento sono stati arrestati la scorsa settimana a Pechino. "Una dozzina di persone si è raccolta davanti al centro di detenzione giovedì, dopo aver saputo dell'arresto di Xu - racconta ad AgiChina 24 Liu Weiguo, il suo legale - la polizia li ha però arrestati con l'accusa di riunione illegale". I manifestanti sono stati rilasciati il giorno seguente dopo essere stati interrogati. Lo stesso avvocato Liu è stato dapprima fermato per tre ore, poi trasportato in un albergo, dove gli è stato intimato di lasciare la capitale all'indomani.


ATTIVISTI IRREMOVIBILI


Venerdì mattina, però, Liu Weiguo era fin dalle prime ore del giorno davanti alle porte dell'istituto detentivo, determinato a non lasciar correre e ad incontrare il suo assistito. "Hanno inventato tutte le scuse possibili, mi hanno anche detto che Xu è stato trasportato in un altro centro, ma io non ho visto entrare e uscire nessuno, tantomeno il detenuto" racconta Liu.


La persecuzione di Xu Zhiyong e dei suoi seguaci è cresciuta in modo preoccupante nelle ultime settimane. Almeno 40 persone che hanno partecipato alla campagna di pubblicazione dei patrimoni degli uomini politici sono stati arrestati a partire da marzo. Lo stesso Xu è rimasto tre mesi agli arresti domiciliari senza accuse formali, fino al giorno del suo arresto il 16 luglio. Ora, però, l'accanimento contro il quarantenne avvocato e professore dedito alla causa civile inizia a preoccupare i suoi seguaci.

 

L'avvocato Liu Weiguo si dice preoccupato per l'incolumità personale e la salute del suo assistito. "Il fatto che non ho potuto vederlo in tutti questi giorni mi fa dubitare dello stato di salute di Xu; e non posso escludere che lo stiano mettendo sotto tortura per estorcergli una confessione" spiega Liu.

 

Lo scorso aprile Xu Zhiyong si era detto determinato a portare avanti la campagne in ogni condizione. Ad AgiChina24 aveva allora detto "certamente continueremo a chiedere la pubblicazione dei patrimoni. E' un segno di evoluzione rintracciabile in tutti i governi civili. NOn ci spaventeremo perché la nostra richiesta è legittima".

 

L'avvocato Liu Weiguo ha fatto sapere che presenterà una denuncia contro le autorità per  avergli negato il diritto di incontrare il suo cliente e per il trattamento inflitto a Xu Zhiyong.



ARTICOLI CORRELATI


ARRESTATO L'AVVOCATO DELL'ATTIVISTA XU ZHIYONG 

ATTIVISTA IN PRIGIONE, NEGATA VISITA AVVOCATO

CHIEDEVA MAGGIORE TRASPARENZA POLITICI, ATTIVISTA ARRESTATO 

 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci