Politica interna

Politica Interna

Bo Xilai, accettato
ricorso in appello

Bo Xilai, accettato <br />ricorso in appello


di Sonia Montrella

 

Roma, 09 ott. -  L'alta corte dello Shangdong esaminerà il ricorso in appello presentato dall'ex segretario del Partito Comunista della metropoli di Chongqing Bo Xilai. Lo rende noto il tribunale stesso sul suo sito web dichiarando che "Bo ha rifiutato di accettare la decisione". "Questa corte – continua la nota - in base alle indagini e secondo le leggi vigenti ha deciso di accettare il ricorso".

 

L'ex astro nascente del PCC defenestrato l'anno scorso dopo una lunga epurazione è stato condannato all'ergastolo il 22 settembre dal tribunale di Jinan per i reati di corruzione, appropriazione indebita e abuso di potere. All'ex leader, che solo un anno e mezzo fa figurava tra i papabili a sedere sulle più alte poltrone del potere politico – il Comitato Permanente del Politburo -, la Corte ha, inoltre, ordinato il sequestro di tutti beni e lo ha dei diritti politici a vita. Bo aveva dieci giorni di tempo per ricorrere in appello

 

Il mio nome sarà ripulito come quello di mio padre, aveva scritto Bo in una lettera in attesa del verdetto. "Aspetterò calmo in prigione. Mio padre è stato in prigione molte volte. Seguirò i suoi passi". Il padre di Bo Xilai, Bo Yibo, è considerato uno degli otto immortali della Rivoluzione Cinese che ha portato al potere Mao Zedong e il partito comunista nel 1949. Bo Yibo ha ricoperto fino al 1966 la carica di ministro delle Finanze, prima di finire in carcere durante la Rivoluzione Culturale con l'accusa di avere promosso uno scambio commerciale più aperto con i Paesi dell'Occidente. Dopo la morte di Mao, Bo è stato riabilitato e ha raggiunto la carica di vice primo ministro. Bo Yibo è morto a 98 anni nel 2007.

 

Bo Xilai è stato condannato al massimo della pena per tutti e tre reati a lui ascritti. Durante i cinque giorni di processo l'uomo si è difeso dalle accuse della moglie, Gu Kailai, e dell'allora capo della polizia di Chongqing, Wang Lijun, entrambi processati l'anno scorso per vicende relative ai reati ascritti allo stesso Bo Xilai. Gu Kailai è stata condannata alla pena di morte sospesa nell'agosto 2012 per l'omicidio di Neil Heywood, un uomo d'affari inglese che lavorava alle dipendenze della famiglia, mentre Wang Lijun è stato condannato a 15 anni di carcere con le accuse di diserzione, corruzione, abuso di potere e per avere piegato la legge a fini personali.


LEGGI ANCHE

BO XILAI, GLI ESPERTI: "SENTENZA POLITICA CHE NON CAMBIERA'"

BO XILAI CONDANNATO ALL'ERGASTOLO


 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci