Politica interna

Politica Interna

Aumento stipendio per Xi:
19mila euro....l'anno

Aumento stipendio per Xi:<br />19mila euro....l anno


di Giovanna Tescione

Twitter@GiTescione

 

Roma, 20 gen. - Il presidente Xi Jinping ricevera' quest'anno un aumento del 62% del suo stipendio. Ma la cifra e' tutt'altro che da capogiro: il numero uno della Cina, la seconda potenza mondiale, guadagna solo 22.256 dollari (19.207 euro) l'anno, ben al di sotto della media dei leader globali. Barack Obama, leader della prima potenza mondiale ha uno stipendio di 400.000 dollari l'anno (345.400 euro); il russo Vladimir Putin, che fino ai primi del 2014, guadagnava meno del suo portavoce (74.000 euro all'anno contro i 185.000 di Dmitry Peskov) se lo e' triplicato, arrivando comunque a soli 196.000 euro; il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, come e' noto, ne guadagnava 240.000. Al primo posto compare il primo Ministro derlla ricca citta' Stato di Singapore, Lee Hsien Loong, che a partire dal 2012 si e' ridotto lo stipendio a 1.8 milioni di dollari. L'annuncio, quanto mai raro per la reticenza dei leader cinesi a diffondere notizie sugli stipendi dei funzionari pubblici, arriva dal ministero delle Risorse umane e della sicurezza sociale e riguarda altri sei top leader cinesi, membri del Politburo, i cui stipendi passeranno da 7.020 (circa 970 euro) a 11.385 yuan al mese (quasi 1.600 euro). Lo riferisce il China Daily, quotidiano ufficiale del Partito comunista cinese.

 

In Cina e' prevista una sorta di indennita' per i funzionari governativi. Allo stipendio di base oggetto dell'aumento odierno, vanno probabilmente aggiunte altre voci. Secondo il China Daily, in base alle mansioni svolte e alla posizione occupata, in futuro gli adeguamenti agli stipendi avverranno ogni uno o due anni.

 

L'aumento degli stipendi, il primo dal 2006, rientra in una misura adottata dal governo centrale che prevede che ciascun funzionario debba versare in prima persona i contributi pensionistici, allineando il sistema di retribuzione a quello del popolo e stringendo la morsa sulla corruzione. Il presidente cinese, al suo terzo anno di incarico, ha infatti lanciato una campagna senza precedenti contro la corruzione. Campagna che, pero', non prevede ancora la divulgazione dei beni posseduti dalle famiglie dei funzionari piu' alti, che in alcuni casi toccherebbero i 2 milioni di dollari e che per ora vengono resi noti solo all'interno del partito.

 

20 gennaio 2015

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci