Politica interna

Politica Interna

Attivista in prigione,
negata visita avvocato

Attivista in prigione, <br />negata visita avvocato


di Antonia Cimini

 

Pechino, 18 lug. - Le autorità di Pechino hanno negato a Xu Zhiyong, l'attivista arrestato due giorni fa, di incontrare il suo avvocato, in un'intensificazione della repressione di attivisti in tuta la Cina. L'avvocato Liu Weiguo è arrivato stamattina al centro di detenzione numero tre, dove Xu è detenuto da martedì, per il primo incontro con il suo cliente. Gli è stato chiesto di presentare una domanda formale, che è stata alla fine respinta.

 

''Ho presentato le formalità e mi hanno detto che l'uomo è stato appena arrestato e la polizia ha bisogno di interrogarlo più a fondo e che per il momento non posso incontrarlo prima di 48 ore" ha riferito Liu ad AgiChina24. All'avvocato è anche stato detto che il detenuto è stato spostato in un altro centro di detenzione, senza fornire maggiori particolari. "Mi hanno detto che è stato portato via ma io sono stato lì tutta la mattina e non ho visto nessuno uscire o entrare, né ho visto alcun poliziotto espletare le procedure di trasferimento".

 

Liu Weiguo da deciso di sfidare la polizia e resterà per tutto il giorno al centro di detenzione fino a che non gli permetteranno di incontrare Xu Zhiyong. Egli ha detto che almeno una ventina di amici e persone che sono state aiutate da Xu in passato si sono raccolte all'ingresso del carcere per mostrare sostegno all'attivista e portargli i soldi di una colletta condotta in suo favore. Solo la moglie di Xu era assente stamattina. La donna è incinta di tre mesi e teme che la rabbia del confronto con le autorità  possa arrecare danno alla sua salute, ha detto l'avvocato.

 

CAMPAGNA PER PUBBLICAZIONE BENI

 

Xu Zhiyong è stato formalmente arrestato dalla pubblica sicurezza di Pechino con l'accusa di attentato all'ordine pubblico il 16 luglio. L'avvocato ha detto che rifiuta le accuse e incolpa le autorità di aver agito in maniera illegale. "Xu era costretto a casa e gli era vietato uscire da più di due mesi, come avrebbe potuto attentare all'ordine pubblico se non era un cittadino libero" dice Liu Weiguo.  

 

Teng Biao, un amico e collega di Xu, ad AgiChina24 spiega che l'attivista era agli arresti domiciliari dalla metà di aprile, e nell'aria c'era sentore che qualcosa sarebbe successo. "Molti attivisti che avevano chiesto la pubblicazione dei patrimoni degli ufficiali sono stati arrestati da marzo, più di dieci persone; ci aspettavamo che qualcosa del genere sarebbe successo anche a lui". 

 

Xu Zhiyong ha creato il New Citizen Movement l'anno scorso. Il gruppo, che promuove le riforme politiche e chiede la pubblicazione del patrimonio degli ufficiali di governo, ha raccolto migliaia di firme in favore della petizione e organizzato manifestazioni in diverse citta' della Cina. Ma all'inizio dell'anno hanno dovuto far fronte alla repressione. Le case degli attivisti sono state perquisite dalla polizia e almeno 40 persone sono state arrestate in tutto il paese, secondo Teng Biao.

 

STRETTA SU ATTIVISTI

 

Xu Zhiyong è solo l'ultimo target di una serie di misure coercitive lanciate dalle autorità cinesi contro la società civile. Teng Biao sostiene  che "le autorità non accettano il modo in cui questi attivisti civili chiedono più libertà, esercitando il loro potere di aggregazione e libertà di espressione. Sono cose che non possono fare a meno di reprimere". Ma sebbene ci si da aspettarsi ulteriori restrizioni, la richiesta di un più ampio margine di azione per la società civile non scemerà. "Il comportamento delle autorità non riuscirà a spezzare le richieste che vengono dal basso" dice Teng Biao.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

CHIEDEVA MAGGIORE TRASPARENZA POLITICI, ATTIVISTA ARRESTATO 

 

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci