Made in Italy

Made in Italy

Troppa burocrazia
per export latte italiano

Troppa burocrazia <br />per export latte italiano


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest


Pechino, 8 lug. - Difficoltà burocratiche e barriere non tariffarie sono il più grande scoglio per l'export italiano in Cina. Soprattutto per l'industria casearia italiana, che nel Dragone è al quinto posto al mondo, a ridosso di quella francese, ma ancora lontana dai volumi statunitensi, australiani e soprattutto neozelandesi, in cima alla classifica. Lo rivelano ad Agi China  alcuni tra i più importanti esponenti dell'industria casearia italiana, a margine del secondo forum sulla Sicruezza Alimentare tra Italia e Cina che si tenuto oggi presso l'ambasciata italiana in Cina, organizzato in collaborazione con China Food and Drug Administration, Agenzia ICE, Camera di Commercio Italiana in Cina e China Economic Net. Nei primi tre mesi del 2014 le esportazioni sono cresciute in maniera significativa: il 59% in più nei volumi e il 69% in più in valore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. tra i dati più significati c'è quello dell'export dei formaggi, che nel 2013 ha sfondato per la prima volta il tetto dei sei milioni di euro, realizzando un aumento del 26% su base annua, ma proprio le barriere commerciali hanno rappresentato nel periodo aprile-giugno un handicap pesante per le industrie del settore.

"Dopo i primi tre mesi abbiamo avuto un blocco di esportazioni dall'Italia alla Cina per un problema nelle liste delle aziende che possono esportare i loro prodotti, e poi finalmente la situazione si è sbloccata - afferma Paolo Zanetti, vice presidente di Asso Latte, l'associazione che riunisce gli imprenditori dell'industria casearia italiana-  Quest'anno avremo un buco di esportazioni di tre mesi, da marzo a giugno. Questo dato ora positivo, a fine anno potrebbe non esserlo così tanto. Non sono tre mesi, però, che bloccano un flusso continuo. I numeri sono ancora molto piccoli, ma nel mercato cinese c'è molto interesse per il latte".

Nonostante i proclami del governo cinese e l'impegno in prima persona del presidente Xi Jinping sulla necessità di sburocratizzare il sistema cinese e rimuovere i formalismi ritenuti superflui, restano ancora molte le difficoltà burocratiche da superare per le aziende straniere che vogliano esportare in Cina i loro prodotti. "Chiediamo che dopo la firma degli accordi bilaterali, e una volta appurata la fiducia reciproca per le pratiche messe in atto, quelli che sono impedimenti di tipo burocratico vengano rimossi - spiega Vittorio Zambrini, direttore Qualità, Innovazione Sicurezza e Ambiente  di Granarolo - Per due mesi e mezzo le imprese italiane non hanno potuto esportare in Cina perché c'è stato un impedimento burocratico sulla registrazione degli stabilimenti. E 140 stabilimenti italiani per due mesi e mezzo non hanno esportato niente per un impedimento burocratico. Certe cose dovrebbero essere superate con maggiore agilità".

Non ci sono solo i cavilli della burocrazia a fare inarcare il sopracciglio degli industriali del latte. Un problema ancora più grosso è rappresentato dalle barriere di accesso al mercato interno cinese, in particolare quelle non tariffarie, soggette ai cambiamenti normativi, che rappresentano un altro scoglio per le esportazioni, con la possibilità di ripercussioni economiche sugli esportatori stessi. "Le difficoltà più grosse sono sempre le barriere non tariffarie, come, per esempio, quando cambia la legislazione o l'etichettatura - continua Zanetti - Quello che vorremmo è chiarezza nel diritto e nell'etichettatura: non è possibile dovere periodicamente cambiare l'etichetta o non avere chiarezza sul prodotto che si esporta, con il rischio di pesanti danni economici nel caso in cui il prodotto venga bloccato in dogana. Questi fattori frenano molto le nostre esportazioni. Le barriere non tariffarie - non solo in Cina, ma anche in altri Paesi - sono il problema più grosso che esiste".

 Il mercato cinese è stato attraversato negli scorsi anni da scandali avvenuti proprio nel settore caseario, come nel caso del latte alla melanina del 2008, che ha provocato la morte di sei bambini e oltre trecentomila intossicati, o come nel caso del ritiro di tonnellate di prodotti provenienti dalla neozelandese Fonterra, lo scorso anno, proprio a causa di una mancanza di controlli adeguati all'origine. "Senza falsa modestia possiamo dire che in tema di sicurezza alimentare siamo tra i primi Paesi al mondo - afferma Zanetti - Abbiamo metodologie che vengono prese a esempio in tanti Paesi europei e non europei. Sicuramente questi scandali hanno fatto scoprire al consumatore cinese che esistono i prodotti italiani e il latte italiano, e che sono di grande qualità, perché i nostri sono prodotti ad alto valore aggiunto. E' vero che sono tra i più cari, ma a fronte di un prodotto più caro hai un prodotto sicurissimo". I dati di crescita nel settore, nonostante le percentuali lusinghiere degli aumenti, si muovono ancora su cifre piuttosto basse per le imprese italiane, secondo Zambrini. "Il mercato cinese è un grandissimo mercato e l'Italia, nonostante gli ultimi dati, esporta ancora decisamente poco rispetto ad altri Paesi. Ci aspettiamo di aumentare in maniera significativa queste esportazioni perché abbiamo la capacità, il know how e la qualità dei prodotti per poterci arrivare".

 

8 luglio 2014

 

ALTRI ARTICOLI:


MERKEL IN CINA, ACCORDO PER DUE NUOVI IMPIANTI VW

 

PREMIER, ECONOMIA MODESTA MA IN CRESCITA

 

ANNUS HORRIBILIS PER LA STAMPA DI HONG KONG


MERKEL IN CINA DA SABATO PER INVESTIMENTI

 

COMMERCIO: A SEUL XI RINSALDA L'ALLEANZA

 

YUAN CAMBIO CN DOLLARO PIU' FLESSIBILE


F.1: FERRARI INAUGURA SITO UFFICIALE IN CINESE


NASCE IL TRIBUNALE SPECIALE PER L'AMBIENTE

 


A DALIAN ZONA SPERIMENTAZIONE RIFORME ECONOMICHE

 

HUAWEI ELETTA NEL BOARD UE PER IL 5G

 

XI A SEUL PER COLLOQUI SU NUCLEARE NORD-COREANO


CNPC-GAZPROM: NESSUNA CONSEGUENZA PER EUROPA

 

ITALIA-CINA RATIFICANO TRATTATO DI COOPERAZIONE GIUDIZIARIA


HK: OLTRE 500 ARRESTI DOPO MANIFESTAZIONI ANTI-CINA

 

PYONGYANG LANCIA DUE MISSILI, XI DOMANI A SEUL

 

CINA-SVIZZERA, OPERATIVO ACCORDO ZONA DI LIBERO SCAMBIO

 

WELCOME CHINESE, CERTIFICAZIONE DI ACCOGLIENZA PER IL TURISTA CINESE

 

AMBASCIATA CELEBRA INIZIO SEMESTRE PRESIDENZA ITALIA UE

 

A PECHINO -10% DI TURISTI, COLPA DELLO SMOG


MILITARI SOSTENGONO EPURAZIONE DI XU CAIHOU


ESPULSO DAL PCC EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO

 

YUAN: DUE CLEARING BANKS IN FRANCIA E LUSSEMBURGO

 

XI: LA CINA NON FLETTE I MUSCOLI IN MODO AGGRESSIVO


CINA-TAIWAN: DELEGATO CINESE, "CINA RISPETTA SISTEMA SOCIALE DI TAIWAN"

 

SHANGHAI, PBOC LIBERALIZZA TASSI SU DEPOSITI VALUTA ESTERA

 

IRAQ, OLTRE 50 DIPENDENTI CINESI EVACUATI


LEONARDO DA VINCI CERTIFICATO 'WELCOME CHINESE AIRPORT'

 

PIAZZA LIU XIAOBO A WASHINGTON "UNA FARSA"

 

XINJIANG, 9 CONDANNE FINO A 14 ANNI PER TERRORISMO

 

PRIMA CONFERENZA ITALIA-CINA SU DIPLOMAZIA CULTURALE

 

MONDIALI: ITALIA VITTIMA "MALEDIZIONE" CONDUTTRICE CINESE

 

LI PENG PUBBLICA MEMORIALE, MA NON PARLA DI TIAN'ANMEN

 

CINA VUOLE UNA BANCA REGIONALE PER L'ASIA PACIFICO ENTRO IL 2015

 

CCTV, IN ONDA IMMAGINI INEDITE ATTACCO TIAN'ANMEN

 

BANCA CENTRALE: RISCHIO DEFAULT IN ALCUNI SETTORI

 

CAMBI: USA A CINA, LIBERALIZZARE LO YUAN

 

HONG KONG RISPONDE AL GLOBAL TIMES, NESSUN CONFRONTO CON I CINESI

 

SPAGNA ARCHIVIA ACCUSE A JIANG, PECHINO "BENE"

 

GOVERNO: MATTEO RENZI INCONTRA MENG JIANZHI

 

Intervista a Paolo De Troia TESTI DI LETTERATURA CINESE SCELTI E TRADOTTI DA BERTUCCIOLI

 

INTERVISTA A DAVIDE CUCINO, LA CINA CHE HO VISSUTO ALLA CAMERA

 

XINJIANG, 380 ARRESTI NEL PRIMO MESE DI CAMPAGNA ANTI TERRORISMO

 

REFERENDUM A HONG KONG, CINA: "UNA FARSA"

 

HSBC: MANIFATTURIERO TORNA IN ESPSANSIONE

 

© Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci