Industria e mercati

Industria e mercati

Stime Pmi, stabile
a 50,4 a febbraio

Stime Pmi, stabile <br />a 50,4 a febbraio <br />


di Eugenio Buzzetti
Twitter@Eastofnowest



Pechino, 25 feb. - Ancora in espansione l'economia cinese, anche se il dato del settore manifatturiero per il mese di febbraio potrebbe indicare una stabilità nella crescita. Secondo le prime stime del Purchasing Managers' Index calcolato da HSBC che valuta la prestazione del settore manifatturiero cinese, la performance del settore è ferma a 50,4 per il mese di febbraio. Anche nello scorso mese di gennaio il valore del PMI era di 50,4, mentre per il solo settore privato aveva raggiunto quota 52,3. Il PMI viene generalmente considerato un indicatore della crescita di un Paese: se il suo valore rimane al di sopra di quota 50 indica un'economia in espansione, al di sotto di questa quota, indica un mercato in contrazione. Secondo Zhang Zhiwei, capo economista presso Nomura, la stima per il mese in corso "mostra alcune ombre nella ripresa cinese. I fondamentali economici potrebbero essere più deboli di quanto previsto". A incidere sul dato di febbraio del PMI anche le due settimane di festività legate al capodanno lunare, che sono terminate ieri. Calcolato su un campione di oltre 420 industrie manifatturiere, la previsione del PMI viene stilata quando l'istituto bancario è a conoscenza dei dati dell'85-90% delle imprese coinvolte nel sondaggio. Qualora i calcoli venissero confermati dal dato ufficiale, si tratterebbe del livello di crescita più basso degli ultimi quattro mesi.

Secondo i dati dell'Ufficio Nazionale di Statistica, l'economia cinese è cresciuta del 7,9% nell'ultimo trimestre dello scorso anno, attestandosi a un valore del 7,8% nel dato finale. Le prime previsioni per il primo trimestre 2013 danno un tasso di crescita all'8,2%. Tra il 2011 e il 2012, l'economia cinese è andata incontro a un rallentamento durato sette trimestri consecutivi, che ha visto il suo momento più critico nel terzo trimestre dello scorso anno, quando la crescita è stata del 7,4%. Per favorire lo sviluppo e l'accesso al credito la Banca Centrale aveva tagliato per due volte i tassi di interesse lo scorso anno e operato tre tagli ai requisiti di riserva obbligatori. Il PMI era tornato sopra quota 50 a novembre 2012, dopo tredici mesi consecutivi al di sotto di questa soglia, raggiungendo a dicembre 2012 il valore più alto a quota 50,6. A gennaio scorso anche le esportazioni sono cresciute del 25% su base annua, segnando un rinnovato slancio nell'economia del Dragone.

 

ARTICOLI CORRELATI


PMI non manifatturiero quasi stabile a gennaio

Manifatturiero cresce meno del previsto a gennaio

Hsbc: manifatturiero ai massimi da due anni

 

 

ARTICOLI PRECEDENTI

 

22 febbraio


I cento giorni (e i due volti) di Xi Jinping

 

Cina sconvolta da parole di Abe al Washington Post

 

Pechino ammette esistenza "villaggi del cancro"



Elezioni italiane viste dall'Esquilino
GLI ELETTORI CINESI STRIZZANO L'OCCHIO AL CENTRO-DESTRA

 

Elezioni italiane viste dal Pechino
IL NUOVO GOVERNO ITALIANO? PURCHE' PIACCIA ALL'EUROPA


 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci