Industria e mercati

Industria e mercati

Scompare altro manager,
fondatore Fanya Metals

Scompare altro manager,<br />fondatore Fanya Metals


Di Eugenio Buzzetti

 

Pechino, 17 dic. - Scompare in Cina un altro top manager. L'ultimo dirigente di cui si sono perse le tracce, forse indagato per corruzione, e' Shan Jiuliang, fondatore della Fanya Metals Exchange, piattaforma di scambi per i metalli e le terre rare che ha sede a Kunming, nell'estremo sud della Cina. Lo ha reso noto in un documento presentato alla Borsa di Hong Kong un gruppo controllato dallo stesso Shan, l'Imagi Animation Studies, in cui si spiega che il manager aveva partecipato il 15 ottobre scorso all'ultima riunione del gruppo e che e' mancato, invece, al meeting successivo dell'11 dicembre scorso e da allora non sarebbe rintracciabile. Assieme a Shan e' scomparsa anche la moglie. Il gruppo "non ha ricevuto alcuna notifica da Shan o da qualsiasi altra autorita' governativa su dove si trovi", si legge nella nota inviata alla borsa di Hong Kong. Shan era stato assalito la scorsa estate dagli investitori infuriati per il congelamento dei propri investimenti in un albergo a Shanghai. A settembre, a Pechino, c'era stata una grossa manifestazione di fronte agli uffici della China Securities Regulatory Commission, la "Consob" cinese, in cui centinaia di persone avevano chiesto la restituzione dei soldi investiti prima di essere dispersi dalle forze dell'ordine. Gli investitori lamentavano di non essere stati adeguatamente informati e di essere stati convinti a investire sui rialzi dei prezzi dei metalli e delle terre rare trattati da Fanya con la possibilita' di alti guadagni. Poche settimane piu' tardi, Shan si era difeso in un'intervista al South China Morning Post di Hong Kong dichiarando che non aveva preso soldi dagli investitori.

 

Oltre a Pechino anche altre città cinesi erano state interessate dalle proteste contro il fondo di investimenti di Kunming. Finora si stima che almeno 220mila persone non abbiano piu' rivisto i propri soldi per un totale di almeno 6,4 miliardi di dollari che rimangono congelati. Le ultime settimane sono state segnate da diversi casi di sparizioni di manager di gruppi che si ritiene possano essere coinvolti nei crolli delle Borse cinesi della scorsa estate. La scomparsa dei dirigenti alimenta i sospetti di coinvolgimento degli stessi nelle indagini anti-corruzione della Commissione Disciplinare diretta da Wang Qishan. Il caso di Shan segue di pochi giorni quello di un altro top manager scomparso: settimana scorsa era sparito per alcuni giorni il fondatore di Fosun, Guo Guangchang, ricomparso lunedi' mattina in un meeting della conglomerata di cui e' a capo e che e' proprietaria del Club Mediterranee. Guo avrebbe assistito le autorita' per alcune indagini, come spiegato da due societa' che fanno capo a Fosun.


 

18 DICEMBRE 2015

 

LEGGI ANCHE

 

RIAPPARE PATRON FOSUN DOPO QUATTRO GIORNI

 

MISTERO SU GUO, IL 'PAPERONE'
DELLA FOSUN E' IRREPERIBILE 

 

@ Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci