Industria e mercati

Industria e mercati

PIRELLI: FIRMATA INTESA CON I CINESI DI CHEMCHINA

PIRELLI: FIRMATA INTESA CON I CINESI DI CHEMCHINA


Pechino, 22 mar. -  Pechino, 23 mar. - China National Chemical, attraverso la controllata China National Tire & Rubber (CNRC), ha ufficializzato l'accordo con Camfin per l'acquisto del 26,2% delle azioni detenute dalla finanziaria in Pirelli a 15 euro per azione, riservandosi di completare tutta l'operazione entro l'estate. Lo ha annunciato questa mattina il gruppo chimico cinese in un comunicato apparso sul suo sito web. In seguito all'accordo, spiega il gruppo cinese, non sono previsti cambiamenti nel team operativo e dirigenziale di Pirelli, mentre verra' definita una nuova strategia di business.

 

CNRC e' uno dei maggiori gruppi cinesi produttori di pneumatici radiali, impianti di frenaggio e nastri trasportatori, ed esporta in oltre 140 Paesi. "L'acquisizione creera' valore industriale a lungo termine nel settore dei pneumatici -specifica China National Chemical sul suo sito web- rafforzera' i piani di sviluppo di Pirelli, rafforzera' la copertura delle aree geografiche strategiche e, attraverso l'integrazione rendera' possibile per il gruppo raddoppiare i volumi di business nel pneumatico industriale". Con l'ingresso in Pirelli, China National Chemical punta a "costruire insieme con Pirelli un gruppo di livello mondiale e leader nel mercato nell'industria dei pneumatici", ha dichiarato il presidente del gruppo statale cinese, Jianxin Ren.

 

Pirelli: chi e' ChemChina, gigante chimica di Pechino

 

E' un colosso da 244 miliardi di yuan di fatturato (circa 36 miliardi di euro), al diciannovesimo posto tra le 'big' mondiali della Cina e al 355esimo nella classifica di 'Fortune'. "Chimica tradizionale, materiali avanzati" e' il motto della China national chemical corporation (ChemChina), societa' a controllo statale nata nel 2004 e amministrata dalla Sasac, il braccio del governo di Pechino cui fanno capo buona parte delle industrie di Stato cinesi. ChemChina opera in sei diversi settori, che vanno dalla chimica dei nuovi materiali alla gomma, ed e' presente in 140 Paesi con 118 controllate, tra cui nove quotate, 6 divisioni e 24 centri di ricerca; impiega 140 mila persone.  Dalla Francia all'Australia, ChemChina ha puntato sin dalla fondazione sulla crescita internazionale secondo la strategia del 'going global' (divenire globali) largamente esplicitata nel suo sito internet. Tra le operazioni piu' importanti, l'acquisizione della francese Adisseo e dell'australiana Qenos nel 2005 e, nel 2011, l'acquisto della norvegese Elkem e di una quota di controllo nell'israeliana Makhteshim Agan, sesto produttore mondiale di pesticidi.

 

GLI INTERESSI DEL DRAGO IN ITALIA

 

L'ultima 'preda' e' Pirelli ma gia' in precedenza le imprese cinesi hanno mostrato grande interesse per le nostre aziende. Complice la crisi, le quotazioni in calo e le difficolta' economiche di molte societa' italiane, il Dragone si e' lanciato sui nostri pezzi pregiati tanto da far gridare l'allarme dall'altra parte dell'Atlantico. Gli Stati Uniti, infatti, riferendosi piu' in generale alla politica industriale europea, hanno accusato Bruxelles di essere "ingenua" e "incoerente". L'amministrazione Obama in realta' non e' contraria tout court agli investimenti cinesi in Europa ma lamenta la mancanza di politica una industriale nel Vecchio continente. L'accordo raggiunto ieri per Pirelli e' l'ultimo di una lista. Nel dettaglio, in Italia, il Dragone ha gia' conquistato il 40% di Ansaldo Energia: Shanghai Electric l'ha acquisita per 400 milioni di euro. La societa' cinese e' un colosso mondiale nella produzione di macchinari per la generazione di energia e attrezzature meccaniche, capitalizza oltre 5 miliardi di euro e ha chiuso il 2012 con ricavi superiori ai 9 miliardi    di euro. Altro 'colpo grosso' piazzato dalla Cina e' l'acquisto del 35% di Cdp Reti. Il braccio operativo in questo caso e' la State Grid International Development (Sgid). Da notare che Cdp Reti detiene quote rilevanti (circa il 30%) di Snam e Terna. Va poi ricordato lo shopping fatto dalla People's Bank of China, la Banca centrale cinese, che ha comprato il 2,102% di Eni e il 2,071% di Enel. e partecipazioni valgono complessivamente quasi 2 miliardi di euro. Sempre la People's Bank of China detiene il 2% circa di Telecom Italia, di Fiat e di Prysmian, la ex Pirelli Cavi. Ma le partecipazioni della banca centrale cinese non finiscono qua: ha comunicato infatti di detenere quote di minoranza (2%) di Saipem, Generali e Mediobanca

 

22 marzo 2015

 

ALTRI ARTICOLI


LOU JIWEI:AIIB ISTITUITA FORMALMENTE ENTRO 2015 

 

MISSIONE CALENDA, DA EXPO A PARCO AERONAUTICO

 

AL VIA PRIMO COLLOQUIO SU DIFESA TRA CINA E GIAPPONE DA 4 ANNI   

 

PIRELLI DIVENTA CINESE. TRONCHETTI PROVERA, 'OPERAZIONE CHIUSA NEL WEEKEND'

 

PECHINO 'IRRIDE' WASHINGTON', "USA BENVENUTI IN AIIB" 

 

AL VIA PRIMO COLLOQUIO SU DIFESA TRA CINA E GIAPPONE DA 4 ANNI  

 

CALENDA: FIRMATO ACCORDO PER PARCO AERONAUTICO SINO-ITALIANO  

 

CALENDA:MADE IN ITALY PROTAGONISTA A SHANGHAI

 

CINA-USA: XI JINPING A COLOQUIO CON KISSINGER

 

TAIWAN: UN VIDEO PER CONVINCERE SU PATTO COMMERCIALE CON CINA

 

FT: ANCHE L'ITALIA "SFIDA GLI USA" ED ENTRA NELLA AIIB

 

SIPRI: PECHINO TERZO PRODUTTORE DI ARMI

 

NUMERO DUE PETROCHINA SOTTO INCHIESTA PER CORRUZIONE

 

PECHINO, SEUL E TOKYO CI RIPROVANO: PRIMO INCONTRO DAL 2012 

 

LI KEQIANG "RIFORME DOLOROSE MA ANDIAMO AVANTI"

 

SIPRI: PECHINO TERZO PRODUTTORE DI ARMI

 

IEA: CALO GREGGIO SERVIRA' PER RISERVE STRATEGICHE CINESI

 

MORTO XU CAIHOU, EX NUMERO DUE DELL'ESERCITO INDAGATO PER CORRUZIONE

 

PBOC, PIU' FLESSIBILITA' CONTRO RISCHIO DEFLAZIONE

 

BACCHETTE INTELLIGENTI PER TENERSI A DIETA E MANGIARE SANO

 

PECHINO PROMETTE PROCESSO "APERTO" PER EX CAPO SICUREZZA

 

LONDRA CHIEDE INGRESSO IN ASIAN INFRASTRUCTURE BANK,USA SECCATI

 

CINA: GOVERNO ESCLUDE IPOTESI QUANTITATIVE EASING

 

APPLE WATCH TAROCCO IN VENDITA SU TAOBAO

 

BRADANINI: ITALIA AIUTERA' CINA SU QUALITA' DELLA VITA

 

CINA-SRI LANKA: SOSPESO PROGETTO NEL PORTO DI COLOMBO

 

PRODUZIONE INDUSTRIALE +6, 8%, MENO DEL PREVISTO

 

CINQUEMILA LAVORATORI SCIOPERANO A DONGUANG

 

PECHINO, DALAI LAMA ABBANDONI METODI MALVAGI E TORNI AL BENE

 

PECHINO SI PREPARA PER ARRIVO DI SOLAR IMPULSE 2

 

XI JINPING E' "PAPA XI", IL PIU' POP DOPO MAO

 

"NUOVA NORMALITÀ" AL 7% DI CRESCITA, ECONOMIA RIPARTE DALLE START-UP

 

AMAZONA APRE PUNTO VENDITA SU ALIBABA

 

ACQUISTANO ONLINE 3 ISOLE IN MENO DI 12 ORE

 

ANP: SFIDE STRAORDINARIE PER L'ECONOMIA
Crescita al 7% nel 2015, ai minimi da 22 anni

 

PECHINO AUMENTA SPESE MILITARI DEL 10,1%

LI KEQIANG: TOLLERANZA ZERO SU INQUINAMENTO E CORRUZIONE


@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci