Finanza

MERCATI VOLATILI, GOVERNO CONTINUERA' A INTERVENIRE
Intervista a Fraser J.T. Howie

MERCATI VOLATILI, GOVERNO CONTINUERA  A INTERVENIRE <br />Intervista a Fraser J.T. Howie


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 27 lug. - E' di nuovo panico tra gli investitori cinesi. Il crollo di oggi della Borsa di Shanghai, che ha realizzato la più grossa perdita degli ultimi otto anni, chiudendo in ribasso dell'8,48%, è il segnale che i mercati sono ancora voltatili in Cina, nonostante la scorsa settimana le azioni cinesi abbiano realizzato la più lunga striscia positiva dal maggio scorso. Lo sostiene ai microfoni di Agi Fraser J. T. Howie, economista e co-autore assieme a Carl E. Walter di "Red capitalism - The fragile financial foundation of China's extraordinary rise", pubblicato da John Wiley & Sons.

Il crollo delle Borse cinesi di oggi, che comprende anche il -7,59% di Shenzhen in chiusura, e il calo del 3,48% dell'indice Hang Seng della Borsa di Hong Kong, arriva dopo una lunga striscia di risultati postivi la scorsa settimana, terminata giovedì scorso, quando l'indice Composite di Shanghai ha chiuso la seduta in rialzo per il sesto giorno consecutivo, a 4123,92 punti, con un aumento del 2,4%, mentre l'indice Component guadagnava il 2,52%, chiudendo a 13754,53 punti. I più ottimisti parlavano di una ricomposizione dello scenario da profondo rosso delle scorse settimane, quando tra giugno e luglio i mercati sono crollati, con perdite che sfioravano i quattromila miliardi di dollari. Alcuni analisti prevedevano la fine di un lungo periodo di volatilità dei mercati, sull'onda dell'ottimismo diffuso nelle piazze cinesi.

Tra i fattori che avevano trainato la fiducia degli investitori, giovedì scorso, c'era l'attesa per le proiezioni dell'indice manifatturiero di luglio, dato dagli analisti in crescita, e che ha invece deluso le aspettative, toccando i minimi degli ultimi quindici mesi, anche se ancora in attesa della conferma ufficiale, il 3 agosto prossimo. Il crollo di oggi arriva dopo la pubblicazione del dato della produzione industriale in Cina, in calo dello 0,3% a giugno, contro una crescita dello 0,6% a maggio scorso. Quello che si sta verificando sui mercati è una specie di circolo vizioso. "Penso che continueremo ad avere un mercato con forti alti e bassi, in cui tutti cercheranno di capire cosa farà il governo - spiega Fraser J.T. Howie - se il governo comprerà, compreranno anche gli investitori; se il governo smetterà di comprare, si diffonderà il panico e tutti cominceranno a vendere".


Oggi la Borsa di Shanghai è crollata di oltre l'8% ed è stato il peggiore risultato dal 2007. Cosa significa?


Non c'è nessuna ripresa. E' un errore pensarlo. Il mercato rimane volatile. Nelle ultime tre settimane, gli investitori hanno comprato perché hanno pensato che il governo avesse comprato e naturalmente il governo ha comprato perché il governo è un grande buyer sul mercato azionario. Per varie ragioni, oggi, il governo non ha comprato e gli investitori sono andati in panico e hanno venduto. Non c'è nessuna sorpresa in questo. Il mercato era troppo forte e troppo manipolato. C'è solo il governo che vuole comprare: tutti gli altri sono alla rincorsa del governo. Così si è verificata questa volatilità che ha causato una perdita che ha in sostanza azzerato i guadagni di settimana scorsa. Siamo ancora in un periodo di estrema volatilità: chiunque sostenga che il governo abbia stabilizzato i mercati, sbaglia. Il governo ha iniettato centinaia di miliardi di dollari per comprare azioni, ma questo non ha stabilizzato i mercati.

Cosa dovrebbe fare adesso il governo per stabilizzare i mercati?

Penso che il governo non dovrebbe smettere di comprare azioni. Ci sono molte ragioni per intervenire, perché c'è un sistematico problema di fondo nei mercati. Se il difetto proviene dalle banche o dai broker, o se semplicemente i mercati non operano correttamente, capisco perché il governo sia intervenuto per comprare le azioni, che sono già a prezzi molto alti. Penso che quello delle scorse settimane sia stato un brutto intervento da parte del governo, ma penso anche che il governo continuerà a intervenire, perché se non lo farà, sarà il segnale di una terribile perdita di fiducia. Mi aspetto che continui a comprare perché non ha altra scelta: è uno spreco di denaro, ma non ha altra scelta. Ed è l'unico modo che ha per stabilizzare i prezzi, comprando più azioni.

Quindi dobbiamo prepararci a un andamento da otto-volante per i prossimi mesi?

Naturalmente. Le ultime due settimane sono state relativamente abbastanza tranquille, con piccoli guadagni segnati ogni giorno. Ma penso che continueremo ad avere un mercato con forti alti e bassi e tutti cercheranno di capire cosa farà il governo: se il governo comprerà, compreranno anche gli investitori; se il governo smetterà di comprare, si diffonderà il panico e tutti cominceranno a vendere. E la volatilità continuerà: è una parte naturale di questo processo.

Quale può essere il riflesso di questa volatilità sui mercati internazionali?

L'impatto diretto è abbastanza limitato. Il conto capitale è ancora estremamente controllato e la possibilità per i fondi stranieri di entrare o uscire dal mercato cinese è molto limitata. Finché ci sarà questa volatilità e finché il governo cercherà di risolverla, ci sarà una crescente perdita di fiducia nei legislatori cinesi. Gli investitori si chiederanno cosa il governo stia cercando di fare e come mai questo tentativo non abbia avuto successo. Penso che il rischio politico sia più grande del rischio economico. In questo contesto, c'è un gruppo di persone che sta comprando un'enorme quantità di azioni per spingere al rialzo i prezzi, e la strategia ha, almeno per oggi, fallito. Il governo corre il rischio di perdere la propria influenza perché questo tipo di interventi non sembrano funzionare. Penso che il perdurare di una situazione di questo tipo possa portare alla fine della carriera in tempi relativamente brevi del presidente della Csrc (China Securities Regulatory Commission, la Consob cinese, n.d.r.); oppure ci potrà essere la ricerca di un capro espiatorio politico, che potrebbe essere lo stesso primo ministro, Li Keqiang, al prossimo meeting del Partito Comunista Cinese, quando verrà deciso il nuovo Comitato Permanente del Politburo. Con una tale volatilità, con perdite di questa ampiezza, e con così tanti soldi sul piatto, ci saranno conseguenze politiche, con una divisione tra chi spingerà per le riforme e chi rimarrà più conservatore. Questo è un evento troppo grande e di portata troppo ampia perché non abbia una dimensione politica e perché non abbia conseguenze a livello politico. Non si tratterà di conseguenze visibili nell'arco di settimane. E neppure di mesi.

E' un processo a lungo termine, quindi…

E' un problema che si trascinerà sul lungo periodo. Non dobbiamo dimenticare che non più tardi di sei settimane fa, il mercato aveva raggiunto il picco. Sono già sei settimane che stiamo assistendo a questa volatilità, e la situazione non si è calmata affatto. L'8,5% di perdite di oggi rappresenta uno spostamento molto ampio. Questo non porta a nessun buon risultato. Ci vorrà molto tempo prima che situazione si ricomponga.

 

 

27 luglio 2015

 

LEGGI ANCHE:


CROLLA LA BORSA DI SHANGHAI: PERDE L'8,48%
Mai così male da giugno 2007

 

BORSE ANCORA IN RIALZO, SERIE POSITIVA DA MAGGIO

 

 

ALTRI ARTICOLI:

 

CINA A UN PASSO DALL'ADDIO AL FIGLIO UNICO 

 

PREMIER LI: BRICS BANK PASSO IN AVANTI IN COOPERAZIONE

 

'BEAUTIFUL CHINA': A ROMA GLI SCATTI DI FOTOGRAFI CINESI

 

SEGNI DI VITALITA' NELL'ECONOMIA, NUOVE MISURE PER COMMERCIO

 

XI: FOCUS SU IMPRESE DI STATO E CORRUZIONE 

 

RESTITUITO IL PASSAPORTO AD AI WEIWEI 


BORSE ANCORA IN RIALZO, SERIE POSITIVA DA MAGGIO

 

GREENPEACE: MIGLIORA L'ARIA IN 189 CITTA' CINESE


FMI PREOCCUPATA PER MOBILITA' INVESTITORI SU MERCATI AZIONARI

 

AL VIA A SHANGHAI LA BRICS BANK

 

ESPULSO DAL PCC EX SEGRETARIO DI HU JINTAO

 

XI A OBAMA PROMETTE APPOGGIO SUL NUCLEARE IRANIANO

 

INTER: AL VIA IL TOUR CINESE, PRIMA TAPPA A SHANGHAI

 

XI: RIFORME E IMPRESE DI STATO PER LA RIPRESA ECONOMICA

 

DOPO IL CROLLO PIU' REGOLE E CONTROLLI PER LA FINANZA ONLINE

 

CINA: QUATTRO ARRESTI PER VIDEO SEXY ALL'UNIQLO

 

XINHUA: AVVOCATO ZHOU SHIFENG HA AMMESSO LE SUE COLPE

 

DA BANCHE 209 MILIARDI PER FERMARE CROLLO MERCATI

 

FATTO A PEZZI E ANNEGATO EX DISCEPOLO RASPUTIN CINESE

 

GIAPPONE: ALLARME CINA RIFORMA FORZE ARMATE, "MINACCIA PACE"

 

CINA: DIGITAL BROS APRE NUOVA SEDE A SHENZHEN

 

CINA,COSA CAMBIA DOPO ACCORDO SU NUCLEARE

 

FITCHT-MOODY'S: EFFETTO CROLLO BORSE LIMITATO SU ECONOMIA

 

ADB TAGLIA STIME CRESCITA
Da calo Borse no impatto consumi

 

PREVISTI 1000 KM DI FERROVIE PER DECONGESTIONARE PECHINO

 

VIDEO SEXY ALL'UNIQLO, AUTORITA': "CONTRO SOCIALISMO"


CRESCITA AL 7% NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2015

 

CINA: ACCORDO SU IRAN "DA' SPERANZA" PER PYONGYANG

 

DATI PIL SPINGONO MERCATI ASIATICI, SHANGHAI NEGATIVA


PREMIER LI: MISURE PRECISE PER SOSTENERE LA CRESCITA

 

HUNDSUN PRIMO GRUPPO SOTTO INDAGINE PER CROLLO BORSE

 

GRECIA, CAIXIN: ACCORDO NON BASTERA' A SALVARLA


ESPLODE FABBRICA DI FUOCHI D'ARTIFICIO, 15 MORTI


BORSE IN RIPRESA DOPO IL CROLLO
Dubbi su durata interventi governo


CINA FISSA NUOVI STANDARD CONVERSIONE CARBONE


LIBERATA GIORNALISTA CINESE DIE ZEIT, COPRIVA OCCUPY


PUTIN: "CINA RIMARRA'LOCOMOTIVA MONDIALE"

 

 

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci