Finanza

Finanza

CINA PRIMO INVESTITORE ALL'ESTERO NEL 2020

CINA PRIMO INVESTITORE ALL ESTERO NEL 2020


Di Eugenio Buzzetti

Twitter@Eastofnowest

 

Pechino, 26 giu. - La Cina diventerà entro il 2020 il primo Paese al mondo per investimenti all'estero quasi triplicando il valore dei suoi asset a livello globale, attualmente a quota 6400 miliardi di dollari, fino a portarlo a ventimila miliardi. E' il risultato di una ricerca condotta dalla società americana di ricerca Rhodium Group e dal Mercator Institute di Berlino, specializzato negli studi sulla Cina, secondo cui nei prossimi anni una parte crescente degli investimenti cinesi sarà diretta ai mercati sviluppati dell'Occidente, comprendendo sia i processi di fusioni e acquisizioni che la fondazione di start-up.
 
Il processo di crescita degli investimenti cinesi è inarrestabile. La prima ondata di investimenti cinesi in Europa è già arrivata, superando la quota di cento miliardi di dollari all'anno ed è il risultato del processo di trasformazione degli investimenti cinesi stessi, focalizzati ora sulle tecnologie e sui brand industriali dei Paesi industrializzati, più che sull'accumulo di risorse provenienti dai Paesi in via di sviluppo. Il tutto è avvenuto in poco più di un decennio, in cui gli investimenti delle aziende cinesi sono passati da volumi trascurabili nel 2000 a superare i 14 miliardi di dollari lo scorso anno, con particolare interesse verso i settori dell'energia, dell'automotive, dell'agro-alimentare e dell'immobiliare.
 
I paesi dell'Unione Europea, secondo lo studio congiunto dei due istituti, rappresenta un "test case per una nuova era di capitali cinesi" all'estero. "La Cina è chiaramente diversa da altri Paesi con significativi Ofdi asset in Europa - scrivono i ricercatori - Caratteristiche come le dimensioni, la crescita e la complementarità dell'economia cinese creano opportunità uniche per l'Europa. Allo stesso tempo alcune specifiche preoccupazioni relative alla natura del sistema politico ed economico della Cina, come i sussidi, il sistema politico autoritario e la mancanza di apertura agli investimenti diretti in Cina creano sfide particolari".
 
Al di là delle preoccupazioni, gli investimenti cinesi trasformeranno l'Europa, secondo lo studio condotto dai due istituti, e i Paesi dell'Unione dovranno attrezzarsi per riceverli, con tre importanti misure: le riforme strutturali per assicurarsi di essere competitivi nei confronti delle altre economie avanzate, un ripensamento generale della politica di attrazione degli investimenti, e la capacità di difendere i principi di apertura contro "reazioni populiste e locali". Per fare fronte a queste necessità, conclude lo studio, che esce a pochi giorni dall'arrivo in Europa del primo ministro cinese, Li Keqiang per partecipare al summit tra Cina e Unione Europea di Bruxelles, occorre, come "priorità più alta", concludere un "robusto trattato bilaterale sugli investimenti" e trovare una linea comune sui lenti progressi delle riforme di apertura del mercato promesse da Pechino. Infine, occorre accelerare il dibattito su un meccanismo di coordinamento di "security review" all'interno dell'Europa per mitigare potenziali fattori di rischio.

26 giugno 2015

 

 

 

ALTRI ARTICOLI


CINA E USA, CHIUSO DIALOGO STRATEGICO: ANCORA
DIVERGENZE SU CYBERSICUREZZA E ISOLE CONTESE

 

CINA OFFRE TRE MLD DI YUAN PER RICOSTRUZIONE IN NEPAL



CINA ELIMINA RESTRIZIONI SUI PRESTITI BANCARI



PBOC INIETTA 35 MLD YUAN PRIMA VOLTA IN 2 MESI



RUSSIA PRIMO FORNITORE DI GREGGIO ALLA CINA

 

NUOVO ATTACCO IN XINJIANG, ALMENO 18 MORTI


AUSTRALIA SESTO AZIONISTA AIIB, INVESTE 718 MLD DLR

 

CINA-UE: PREMIER LI IN EUROPA DA DOMENICA A GIOVEDI'

 

CINA-UE: PREMIER LI IN EUROPA DA DOMENICA A GIOVEDI'

 

AL VIA DIALOGO STRATEGICO: CINA-USA DIVISE
SU SICUREZZA INFORMATICA E ISOLE CONTESE
 

 

GRECIA, CINA OSSERVA CRISI DEBITO MA NESSUN ACCENNO A INTERVENTI 

 

BANK OF CHINA PRONTA A COLLABORARE CON MAGISTRATI

 

EURASIA, ITALIA PRESENTE SUI MERCATI AL DI SOTTO DELLE SUE POTENZIALITA'

 

INFLUENZAVANO PROCESSI INSCENANDO PROTESTE, SGOMINATA BANDA

 

L'EUROPEA EBRD GUARDA A COLLABORAZIONE CON AIIB

 

CINA: ALIBABA PREVEDE ESPANSIONE IN RUSSIA 

 

CINA E USA: PARTE IL DIALOGO STRATEGICO
Cosa divide le due potenze alla vigilia dell'evento
 

 

SPRATLY: LA RIVENDICAZIONE IN UNA PHOTO-GALLERY

 

ALIBABA GUARDA AL CLOUD COMPUTING  

 

HONG KONG:BOCCIATA RIFORMA POLITICA

 

BOCOM: PRIMA BANCA STATALE A PASSARE A STRUTTURA MISTA

 

ATTACCO CON COLTELLO AL MERCATO, QUATTRO FERITI


CAOS FINANZIARIO E "FORZIERI PRIVATI",  SOTTO ACCUSA GIGANTI STATALI CINESI

 

HONG KONG: AL VIA DIBATTITO SU RIFORMA, POLIZIA IN ALLERTA

 

XI'AN: UIGHURO ATTACCA PASSANTI CON MATTONE


FIRMATO ACCORDO DI LIBERO SCAMBIO CON L'AUSTRALIA

 

ISOLE CONTESE: CINA QUASI FINITI I LAVORI NELLE SPRATLY


PREMIER LI: PUNTARE SUL NUCLEARE IN LARGA SCALA


XINJIANG: SINIZZARE LA RELIGIONE CONTRO RISCHIO INFILTRAZIONI


HONG KONG: IN MIGLIAIA CONTRO RIFORMA POLITICA
Nove arresti per detenzione di esplosivi

 

REUTERS: PRESTO FONDO INFRASTRUTTURE CINA-UE

 

AUNG SAN SUU KYI CONCLUDE IL SUO PRIMO VIAGGIO IN CINA

 

LA CINA SALUTA QIAO SHI, EX PRESIDENTE DELL'ANP


DOPO ZHOU IL FUTURO DELLA LOTTA ALLA CORRUZIONE


INFLAZIONE: STIME PBOC AL RIBASSO, SPETTRO DEFLAZIONE


BP, CONSUMO ENERGETICO AI MINIMI DAGLI ANNI '90


XI JINPING RICEVE AUNG SAN SUU KYI IN VESTE LEADER PCC

 

PREMIER LI, ECONOMIA CINESE SOGGETTA A PRESSIONI AL RIBASSO

 

ZHOU YONGKANG CONDANNATO ALL'ERGASTOLO

 

NUOVA LEGGE LIMITERA' LE ATTIVITA' DELLE NO-PROFIT

 

CINA BATTE GIAPPONE, RECORD NUMERO ATENEI TOP IN ASIA

 

HONG KONG: TRE NUOVI CASI SOSPETTI DI MERS

 

CINA: IMPRESE UE RIVEDONO STRATEGIE PER RALLENTAMENTO

 

PRESIDENTE ANGOLA IN CINA A CACCIA DI FINANZIAMENTI

 

PRIMA VISITA IN CINA PER AUNG SAN SUU KYI

 



 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci