Finanza

Al via lo stock connect
tra Shenzhen e Hong Kong

Al via lo stock connect <br />tra Shenzhen e Hong Kong


di Eugenio Buzzetti



Pechino, 5 dic. - Al via oggi lo stock connect tra le Borse di Shenzhen e di Hong Kong. Dopo una cerimonia alla Borsa di Hong Kong è ufficialmente partito il ponte tra la seconda Borsa cinese, quella di Shenzhen, e la piazza di Hong Kong, a lungo rinviato e che segue di due anni la connessione tra la Borsa di Shanghai e quella dell'ex colonia britannica, avviata nel novembre 2014. Il capo esecutivo di Hong Kong, Leung Chun-ying, ha definito l'evento "un'altra pietra miliare per l'accesso reciproco tra i mercati dei capitali" che pone Hong Kong nella posizione di "super-connettore" tra il mondo e la Cina.

In base al nuovo schema, gli investitori internazionali potranno acquistare azioni di 881 titoli quotati a Shenzhen tramite broker di Hong Kong fino a un totale di 13 miliardi di yuan al giorno (1,7 miliardi di euro), mentre gli investitori cinesi potranno acquistare azioni di 417 titoli quotati a Hong Kong da trader di Shenzhen fino a un tetto giornaliero di 10,5 miliardi di yuan (1,42 miliardi di euro). La Borsa di Shenzhen è il secondo mercato azionario cinese, dopo Shanghai, ed è focalizzata sui titoli dell'innovazione e della tecnologia e l'ottava Borsa al mondo per capitalizzazione, a quota 3300 miliardi di dollari, secondo i dati di fine settembre. Ad avvantaggiarsi del collegamento, per gli analisti, saranno soprattutto i titoli che fanno capo alle piccole e medie imprese hi-tech quotate a Shenzhen e a Hong Kong,a che se la giornata di oggi è stata deludente sul piano degli scambi.

La Borsa di Hong Kong ha aperto oggi in lieve rialzo, inferiore al decimale e ha ceduto a fine giornata lo 0,26%, mentre l'indice Component della Borsa di Shenzhen ha iniziato la seduta in ribasso dell'1,25% e ha chiuso la giornata a -1-18%. I listini asiatici hanno risentito, nella mattinata, della vittoria del no al referendum costituzionale in Italia e dell'annuncio di dimissioni del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e anche del forte calo dell'euro, che in apertura, oggi, ha segnato i minimi degli ultimi venti mesi sul dollaro. La prima connessione tra la Borsa di Shanghai e la Borsa di Hong Kong ha permesso agli investitori stranieri di acquistare azioni di titoli di classe A della Borsa di Shanghai e azioni di 315 titoli quotati alla Borsa di Hong Kong. Il volume degli scambi derivato dal collegamento tra le piazze di Shenzhen e di Hong Kong sarà destinato ad aumentare in futuro, secondo il Ceo della Hong Kong Exchanges & Clearing, Charles Li, che prevede un aumento del turnover nei prossimi anni. "E' come costruire un ponte", ha affermato. "Dopo che il ponte sarà costruito, i flussi di persone arriveranno nei prossimi venti anni".

 

05 DICEMBRE 2016

 

@Riproduzione riservata

每日意大利

LE VIE DEL BUSINESS

Le vie del business
ABO About Oil
medi telegraph
Guida Monaci