Finanza

Aiib, tredici nuovi membri per la banca regionale

Aiib, tredici nuovi membri per la banca regionale


Pechino, 23 mar. - La Asian Infrastructure Investment Bank (Aiib) ha dato l'approvazione a tredici nuovi membri, portando a settanta il totale dei Paesi che si sono associati alla banca di sviluppo infrastrutturale in Asia ed Europa fondata lo scorso anno a Pechino. Oltre ai 57 Paesi membri fondatori della banca, tra cui l'Italia, con una quota del 2,87%, sono entrati a fare parte della Aiib anche Afghanistan, Armenia, Figi, Hong Kong e timor Est come membri regionali, più alti otto non regionali: Belgio, Canada, Etiopia, Ungheria, Irlanda, Perù, Sudan e Venezuela.

 

Strumento per aumentare la cooperazione finanziaria tra Asia ed Europa

 

L'approvazione dei tredici nuovi Paesi membri è per Jin Liqun, presidente della banca, il segnale di un "rapido progresso" della Aiib nel presentarsi come un'istituzione internazionale. Prima di potere entrare ufficialmente nella Asian Infrastructure Investment Bank, i tredici nuovi membri dovranno ottenere il via libero interno e versare la loro quota di capitale. La Aiib viene vista da Pechino come uno strumento per migliorare la governance globale e aumentare la cooperazione finanziaria tra Asia ed Europa, in maniera complementare al progetto di sviluppo infrastrutturale "Belt and Road" che riguarda i Paesi che si stendono lungo l'antica via della Seta.

 

Cina punta gli occhi sull'Europa con il Silk Fund

 

Nel primo anno di attività si è concentrata soprattutto su progetti in Asia meridionale e centrale, ma la Cina punta a estendere la cooperazione finanziaria anche con l'Europa, anche se attraverso un altro strumento nelle mani della Cina, il Silk Road Fund: ieri, a Pechino, il vice  presidente della Banca Europea per gli Investimenti, Jonathan Taylor, aveva sottolineato l'interesse cinese a cooperare in futuro con il Fondo Europeo per gli Investimenti, e i primi progetti sarebbero già "in fase di discussione" tra Pechino e Bruxelles.

 

23 MARZO 2017

 

@Riproduzione riservata